Categories: Merceologia

Etichetta: champagne e prosecco: da Brut a Doux

Champagne Da dove viene la dolcezza dello champagne? il termine "Brut" è semplicemente un livello di dolcezza nello champagne. La…

Dicembre 4, 2019 10:07 pm

Champagne

Da dove viene la dolcezza dello champagne?
il termine “Brut” è semplicemente un livello di dolcezza nello champagne. La dolcezza proviene da una fase del processo di produzione dello champagne chiamato “liquore d’expedition” in cui viene aggiunta una piccola quantità di mosto di uva (o zucchero) prima di tappare la bottiglia. Poiché lo spumante è così acido, lo scopo della dolcezza aggiunta è quello di ridurre i sapori acidi nel vino.

Pensalo come aggiungere un po ‘di zucchero al caffè per “arrotondare” il sapore.

Nel corso del tempo, i produttori di spumanti hanno capito che la preferenza della dolcezza delle persone variava ed è per questo che ci sono diverse opzioni: Brut Nature non ha zuccheri aggiunti e Doux ha un sapore dolce!

Brut ha molta oscillazione nella dolcezza, mentre Extra Brut e Brut Nature sono molto bassi nel loro contenuto di zucchero.

Quanto zucchero c’è nello Champagne rispetto ad altre bevande?
Una delle cose più affascinanti del vino è quanto poco zucchero serve per rendere dolce il vino. Se osservi quanti grammi di zucchero sono effettivamente in un bicchiere da 10 cl di vino spumante, in realtà è piuttosto basso rispetto ad altre bevande:

Brut nature, pas dosé, dosage zéro: inferiore a 3 g/l

Extra Brut: compreso tra 0 e 6 g/l.

Brut: inferiore a 12 g/l.

Extra Dry: compreso tra 12 e 17 g/l.

Dry; compreso tra 17 e 32 g/l.

Demi-Sec: compreso tra 32 e 50 g/l.

Dolce o Doux; superiore a 50 g/l.

Il Prosecco

Senza entrare troppo nei dettagli, la quantità di zucchero rimasta nel Prosecco è determinata dalla durata del periodo di fermentazione. Fondamentalmente, i lieviti mangiano lo zucchero durante il processo di fermentazione, convertendoli in alcool. Il lavoro dell’enologo è quello di seguire la fermentazione fino ad ottenere il livello di zucchero residuo desiderato. Ciò significa che per produrre un Prosecco dry è necessario un periodo di fermentazione più lungo. Considerando che, per produrre un Prosecco più dolce, la fermentazione viene interrotta dal raffreddamento.

Pertanto, è importante sapere quanto zucchero contiene ogni tipo di Prosecco, sia dry che “dolce”, al fine di scegliere l’abbinamento alimentare più adatto e assicurarsi di godere al meglio del Prosecco.

Prosecco Brut
Brut è la versione più secca del Prosecco, quindi ha uno zucchero residuo inferiore, inferiore a 12 grammi per litro. Per ottenere questo livello di zucchero, la seconda fermentazione viene interrotta quando la quantità rimanente di zucchero è inferiore a 12 grammi per litro. La sua vivace acidità e freschezza lo rende ideale per aperitivi e per servire con crostacei e pesce crudo o fritto.

Prosecco Extra Dry
Contrariamente a quanto suggerisce il nome, il Prosecco Extra Dry ha una quantità maggiore di zucchero residuo rispetto a Brut, quindi ha un gusto più morbido. La quantità di zucchero residuo può variare tra 12 e 17 grammi per litro. Extra Dry è la versione classica di Prosecco ed è la scelta perfetta per i buffet dell’happy hour, grazie al suo bouquet caratteristico, alla freschezza e alla dolcezza moderata.

Prosecco Dry
Il Prosecco Dry è il terzo della scala dal più secco al più dolce, con zuccheri residui tra 17 e 32 grammi per litro. Più dolce di Brut ed Extra Dry, il Dry è l’ideale come drink dopo cena. Si abbina perfettamente a pasticcini e biscotti secchi non troppo dolci.

Prosecco Demi-sec
Il Prosecco Demi-sec è la versione più dolce dei vini Prosecco, nonché la meno prodotta. Ha un contenuto di zucchero tra 32 e 50 grammi per litro. Le sue note dolci lo rendono ideale per i dessert.

La quantità di zucchero residuo non è un indicatore di qualità, ma è una questione di preferenza, gusto e occasione. Il Prosecco Brut è migliore per alcune occasioni, mentre il Prosecco Dry è migliore per altre. Tuttavia, per scegliere il tipo più adatto alle tue esigenze, è utile sapere come sono diverse le une dalle altre.

Andrea marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Bacardi Martini presenta tre drink inverno 2019

Bacardi Martini accoglie l'inverno 2019 con tre drink pensati ad hoc per la stagione…

By

Guida definitiva: la storia del rum

Le persone associano innumerevoli idee romantiche riguardo al rum. I tropici e le spiagge…

By

De Kuyper una grande storia di famiglia

I profumi di ginepro, chiodi di garofano, liquirizia e arancia essiccata riempiono l'aria, nell'infuso…

By

Cos’è Aguardiente? Storia e produzione

Dire che gli indiani nativi delle Americhe avevano abitudini alimentari misteriose è un'eufemismo. L'aguardiente…

By

FIB: I barman della Basilicata campioni d’Italia

  È lucano il cocktail a km zero più buono d'Italia premiato a Cagliari,…

By

Tre domande a Christian Di Giulio bar manager del Mercato Vianova, Perugia

Perugia e l’Umbria in generale, è da molti considerata la patria del buon mangiare…

By

This website uses cookies.