Categories: La professione

Fase 3: Aperiwalking #iononstoacasa

Lamentarsi non è una strategia, trovate una soluzione ora, se non la trovate inventatevela...potrebbe essere un'occasione di crescita che non…

Maggio 6, 2020 11:30 pm

Lamentarsi non è una strategia, trovate una soluzione ora, se non la trovate inventatevela…potrebbe essere un’occasione di crescita che non si ripeterà più (speriamo in questo caso). In questo articolo offriamo uno spunto che potrete personalizzare in base alle vostre esigenze.

Non ci può essere una risposta uguale per tutti, poiché ogni locale è unico, in base alla posizione, alla metratura e altri fattori che rendono ogni bar presente al mondo, unico. Solo tu hai l’esatta fotografia che ti riguarda e quindi anche la soluzione, la soluzione c’è ma è necessario fare uno sforzo per trovarla.

I bar con grandi spazi a disposizione hanno un apparente vantaggio rispetto a quelli più piccoli, perché possono ospitare più persone, tuttavia i problemi non mancano, poiché le spese di gestione sono maggiori, i dipendenti numerosi per un pubblico più che dimezzato dovuto al distanziamento sociale.

I bar piccoli da parte loro si trovano a dover ospitare un numero di ospiti insufficiente per andare avanti.

Aperiwalking

Una soluzione fattibile per tutti potrebbe essere un nuovo modo di concepire l’aperitivo.
Servire un drink con un percorso ben definito che esce dal bar e si trasforma in piazza, una via, un prato o sulla spiaggia. Una specie di drive-in del drink, dove i confini spariscono.

È necessario dare un nome a tutto questo, la gente ne ha bisogno, noi abbiamo scelto Aperiwalking ma liberate pure la vostra fantasia, l’importante che non sia concepito come un take away, anche perché non lo è.

Oltre al drink ci deve essere un percorso (non obbligatorio) che dovrete decidere voi in base alla vostra posizione. Per percorso non intendiamo esclusivamente uno spostamento dal punto A al punto B, ma anche un’azione non sono fisica ma anche mentale. Dovete dare un senso di libertà, creare un’esperienza.

Tutto sta nel COME veicolerete il messaggio e lo attuerete. I bicchieri anche se di carta potranno essere un mezzo di comunicazione molto efficace, sia per valorizzare il vostro brand all’interno della vostra città che per trasmettere un’idea cioè di uscire fuori confini delle quattro mura #iononstoacasa.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.