Categories: In evidenza

Fever-Tree a Identità Golose 2019

Fever-Tree – gamma premium di soft drink naturali – all’interno di Identità Golose ha partecipato in qualità di partner ufficiale…

Marzo 30, 2019 9:17 pm

Fever-Tree – gamma premium di soft drink naturali – all’interno di Identità Golose ha partecipato in qualità di partner ufficiale per il secondo anno consecutivo a Identità di Cocktail, l’hub dedicato a mixology, distillati e spirits.

Nell’ambito di Identità di Cocktail, Fever-Tree è stato il trait d’union tra una chef e un bartender: Viviana Varese – chef del prestigioso ristorante Alice di Milano – ed Edoardo Nono – owner di Rita&Cocktails. I due, con una sorprendente masterclass, hanno presentato un piatto e due cocktail legati dal forte richiamo alla cucina di pesce e ai sapori della memoria.

Negli ultimi anni, drink e cucina sono sempre più legati nella ricerca di nuovi abbinamenti e spesso mixologist e chef strizzano l’occhio gli uni agli altri lavorando sui concetti di contrasto, similitudine e stagionalità creando abbinamenti inusuali e una vera esperienza sensoriale. In questo contesto Edoardo Nono ha realizzato due cocktail: un Martini Assoluto e una rivisitazione dell’iconico Aviation che hanno esaltato i sapori e i profumi del piatto realizzato dalla chef Viviana Varese, un cubetto di ricciola marinata a base di aceto alla ciliegia, estratto di gamberi rossi mescolato con plancton, il tutto guarnito con foglie di shiso cotte.

Il primo cocktail, il Martini Assoluto, vede tra i suoi ingredienti: Gin Elefant a -22 gradi aromatizzato con lemongrass, shiso, mentuccia classica, finocchietto selvatico, dragoncello e qualche cl di Fever-Tree Mediterranean Tonic Water. Il tutto versato in coppetta gelata e guarnita con ciottoli aromatizzati al Vermouth.

Il secondo cocktail invece – rivisitazione dell’iconico Aviation – è stato preparato mettendo un cubo di ghiaccio in un bicchiere e a seguire gli ingredienti liquidi in ordine contrario rispetto alla classica ricetta del gin tonic. Prima è stata versata la tonica Fever-Tree Indian Tonic e a seguire sono stati aggiunti liquore di violetta, dall’inconfondibile colore violaceo, e acquavite di uva precedentemente messa a bagnomaria con ginepro e pepe nero ed erbe aromatiche. Infine, sono stati aggiunti succo di bergamotto chiarificato e maraschino.

La partnership con Identità Golose non fa che confermare l’attenzione di Fever-Tree nei confronti dell’alta ristorazione come dimostra, a livello internazionale, la presenza del brand anglosassone in 7 tra i 10 migliori ristoranti del mondo.
Altro appuntamento che ha richiamato l’attenzione dei visitatori di Identità Golose è stata la presentazione di un cocktail – realizzato in esclusiva per Identità Golose – da Jessica Rocchi – Head Bartender @Alice Ristorante presso lo stand di Fever-Tree. Metamorfosi è un drink a base di Pisco Tabernero Quebranta agli agrumi e pepe, Fever-Tree Mediterranean Tonic Water, guarnito con brinatura di sale di Maldon, capperi e bottarga di muggine e come tocco finale l’aggiunta di chips di yucca fritta con capperi disidratati e fiori eduli.

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tags: genziana

Suze bitter

Nel 1885 Fernand Moureaux ereditò una distilleria di famiglia a Maisons-Alfort. Per salvare la…

By

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By