Categories: Cocktails Classici

Fog Cutter storia e ricetta

Di sicuro, l'inclinazione a mescolare tutto ciò che è in vista non si limita ai bambini, ma non siamo qui…

Febbraio 11, 2020 11:48 pm

Di sicuro, l’inclinazione a mescolare tutto ciò che è in vista non si limita ai bambini, ma non siamo qui per scrivere del Long Island Iced Tea. Siamo qui per scrivere sul Fog Cutter di Trader Vic’s.

The Fog Cutter: Rum, brandy, gin e sherry. Cosa potrebbe andare storto? Il Fog Cutter è sopravvissuto ai decenni per diventare un classico del genere Tiki.

Il Fog Cutter è un’ottimo cocktail, che ci dà motivo di ripensare alla solita obiezione riguardo ai cocktail con troppi alcolici di base “molti spiriti”. A prima vista è vero ha “troppi spiriti”, ma lavorano insieme in una miscela tropicale insidiosamente potente e intelligente.

Di sicuro è forte; c’è tanto rum, gin e brandy, tutti ben mascherati sotto uno strato di agrumi. È intelligente perché si scopre che rum, gin e brandy funzionano davvero bene insieme in una combinazione di sapori.

Ecco come lo ha pubblicato Vic nel suo libro Bartender’s Guide del 1946:

The Fog Cutter (Original)

Trader Vic, 1946

Servire in un Collins glass

Ingredienti e quantità:

6,0 cl rum portoricano
3,0 cl brandy
1,5 cl di gin
3,0 cl di succo d’arancia
6,0 cl di succo di limone
1,5 cl sciroppo di orzata
float sherry

Metodo:
Agitare tutti tranne lo sherry; versare e aggiungere altro ghiaccio crash. Aggiungi float di sherry; servire con cannucce.

Il Fog Cutter fornì un modello che invitava alla sperimentazione, ogni bar tiki deve aver avuto la sua variante dell’originale, e alcuni di loro sono fantasiosi e stimolanti. Anche lo stesso Trader Vic ha pubblicato una variante, il meno potente Samoan Fog Cutter.

Samoan Fog Cutter

4,5 cl rum portoricano
1,5 cl brandy
1,5 cl gin
1,5 cl orgeat
6,0 cl succo limone
3,0 cl succo d’arancia
1,5 cl sherry (float)

Trader Vic non ha mai descritto una garnish per il Fog Cutter, ma nessun drink Tiki è mai uscito completamente sguarnito. Le illustrazioni di solito mostrano un rametto di menta fresca e la cannuccia onnipresente.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.