Categories: Storia dei cocktails

Frozen Margarita la storia

Come dice Mariano Martinez, i resoconti sugli inizi della storia della Margarita dovrebbero essere presi con un granello di sale…

Ottobre 24, 2019 10:00 pm

Come dice Mariano Martinez, i resoconti sugli inizi della storia della Margarita dovrebbero essere presi con un granello di sale e uno spicchio di lime. Martinez è il creatore di quella che è probabilmente l’invenzione più epocale del 20° secolo – la macchina del Frozen Margarita – e, a 74 anni, il ristoratore di Dallas, è un’autorità indiscutibile sul cocktail con la crustas di sale.

Le storie d’origine risalgono agli anni ’30 e tendono a presentare una showgirl messicana e un barman determinato a conquistarla.

La storia di Martinez coinvolge una ballerina adolescente di nome Margarita Carmen Cansino. “Dopo che Margarita ottenne un contratto da uno studio di Hollywood, cambiò il suo nome in Rita Hayworth”, dice. “Presumibilmente, la bevanda è stata dedicata in suo onore.”

L’unica cosa certa è che l’11 maggio 1971, Martinez tirò la leva su un distributore di gelato, riempì il dispenser con un sorbetto verde pallido e nacque così il primo fabbricatore della storia del Frozen Margarita. La bevanda era ghiacciata con un forte schiaffo di tequila. L’happy hour (e i postumi di una sbornia) non sarebbero stati più gli stessi.

Adattando i metodi di produzione in serie alle bevande prodotte con il blender, Martinez ha elevato la Margarita Frozen da una storia curiosa al cocktail più popolare d’America e nel mondo.

È cresciuto a Dallas, dove all’età di 9 anni ha iniziato a lavorare ai tavoli del El Charo, il ristorante messicano di suo padre. “I clienti erano principalmente anglosassoni che spesso non avevano idea di cosa fosse la tequila”, ricorda. “Si presentavano con una bottiglia che un amico aveva portato da una vacanza in Messico e chiedevano a mio padre:” Che cosa ne facciamo con questa? ”

Sebbene all’epoca la tequila non potesse essere venduta nei ristoranti del Texas, l’anziano Martinez occasionalmente preparava frozen margaritas in un blender per i suoi avventori. (Facendo delle presentazioni per i ristoratori del 1937 di Chicago, il tutto finanziato da Fred Waring, Waring Blendor ha rivoluzionato le bevande dei bar.)

L’anziano Martinez usò una ricetta raccolta mentre lavorava a San Antonio nel 1938: ghiaccio, triple sec, succo di lime e tequila di agave blu al 100%. L’ingrediente segreto era una spruzzata di sciroppo semplice.

Nel 1970 un emendamento alla costituzione dello stato rese il distillato legale, nelle città o nelle contee. Poco dopo il giovane Martinez ha lanciato la cucina messicana in un centro commerciale vicino al campus della Southern Methodist University.
La sera dell’inaugurazione, l’amabile proprietario è apparso con un costume da bandido. E i clienti, accolti da una banda, furono incoraggiati a ordinare Margarita fatti con la vecchia ricetta di famiglia. Le bevande furono versate più velocemente di quanto si potesse dire “Un altro round”. La seconda notte non ebbe lo stesso successo:

Un cliente chiese a Martinez: “Sai come preparare un Frozen Margarita?”

“Oh, certo, signore, il migliore”, rispose Martinez.

“Beh, è ​​meglio che parli con il tuo bartender. Quelli che sta facendo sono terribili “.

A quanto pare, il barman era così sopraffatto dall’enorme volume di ordini che stava gettando gli ingredienti nel frullatore senza misurarli. Stanco di affettare lime, minacciò di smettere e tornare al suo precedente lavoro in una Steak and Ale, dove il cocktail più complicato era un bourbon e Coca. “Ho visto evaporare il mio sogno”, dice Martinez. “Ho pensato,” Il mio ristorante andrà in rovina.”

La mattina dopo, facendo un pit-stop al 7-Eleven, Martinez ha avuto un momento eureka: “Per ottenere drink tutti uguali, poteva usare un premix Margaritas in una macchina Slurpee (un granitore). Tutto quello che il barista doveva fare era aprire lo spigot (rubinetto). “Ma la casa madre di 7-Eleven si rifiutò di vendergli l’attrezzatura. “Inoltre”, disse Martinez, “tutti sanno che l’alcol non si congelerà”.

Invece di sprecare tempo, comprò una macchina per il gelato di seconda mano e armeggiò con la ricetta di papà. La diluizione della soluzione con acqua rendeva il gusto delle bevande troppo debole, ma l’aggiunta di zucchero produceva la giusta consistenza. Martinez aveva colpito nel centro.

La macchina originale di Martinez mise in moto la sua piccola “fabbrica” per un decennio prima di chiudere la sua attività. Sebbene non abbia mai ricevuto un brevetto o un marchio per il dispositivo, ha un posto nel suo cuore e, dal 2005, nel Museo Nazionale di Storia Americana Smithsonian.

“Il merito appartiene all’eredità e alla tecnologia”, afferma. “Il rapporto aureo era costituito da due parti del passato e una dal presente.”

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.