Categories: Il servizio al bar

Gestione compiti di sala e bar

Nei bar in cui abbiamo più collaboratori è necessario gestire le varie attività giornaliere per ottenere degli standard di servizio…

Novembre 5, 2018 10:33 pm
Gestione compiti di sala e bar

Nei bar in cui abbiamo più collaboratori è necessario gestire le varie attività giornaliere per ottenere degli standard di servizio e gestione accettabili. Spesso il tutto viene lasciato al caso o alla gestione diretta da parte del gestore / responsabile. Questo comporta tempo perso (che potremmo utilizzare per attività creative da implementare nella nostra struttura) fatica e alla fine nessuno è responsabile al 100% se qualcosa non è stata fatta o mal eseguita.

I collaboratori dalla parte loro, non sono soddisfatti di lavorare in presenza di caos e mancanza di organizzazione, quei pochi che si impegnano veramente spesso scelgono di cambiare posto di lavoro, non vedendo una figura capace di gestire i compiti. Risultato? Potete immaginare!

La responsabilità come sappiamo è sempre di chi ha il “potere” di amministrare le varie circostanze.

La soluzione? Rendere tutti responsabili con un piano di autocontrollo, un sistema che non permette a nessuno di sottrarsi alle proprie responsabilità.

Usato ovunque, una lista di controllo per il bar è uno dei modi migliori per assicurarti che la tua attività sia pulita, organizzata e pronta per il giorno successivo. Queste liste di controllo includono tutti i doveri che il tuo personale deve completare, come la chiusura, la pulizia, il rifornimento, la conservazione e l’organizzazione. Vi sono alcune informazioni aggiuntive che potresti voler includere, come dove trovare le chiavi, come conservare le diverse attrezzature e quali compiti ogni dipendente dovrebbe completare .

In pratica non sarà il gestore a dover sorvegliare il lavoro, ma col tempo si creerà una “magia” tra i collaboratori attraverso un’autoregolamentazione naturale. Il gestore o responsabile dovrà semplicemente fare un elenco di processi produttivi da svolgere giornalmente, settimanalmente o mensilmente.

Il lavoro in un bar, ristorante, gelateria… Si basa sulla capacità di organizzare il lavoro quando abbiamo il controllo di questo aspetto l’unica cosa che ci resta da fare è sorridere al cliente e rendere la sua esperienza indimenticabile.

Come già esiste un piano di autocontrollo per i prodotti alimentari, dobbiamo applicare la stessa filosofia anche per la gestione completa del bar.

Con una scheda settimanale dove vengono incrociati compiti e nomi delle persone responsabili per quel compito/ruolo. Dove ogni lavoratore dovrà applicare una “X” e firma a fine turno. È importante che ciascun collaboratore abbia la visione completa della situazione, in questo modo nasce l’autoregolamentazione naturale, poiché anche se non direttamente responsabile ognuno potrà verificare che tutto sia stato svolto correttamente. In questo modo non avremo un responsabile (anche se il metodo non lo esclude) ma un gruppo di persone che lavorano in piena collaborazione e uguaglianza. È importante che i compiti siano equi tra tutti i collaboratori, altrimenti si creeranno malumori e conflitti. Possiamo usare delle fotocopie ma anche software come Wunderlist che una volta terminato un compito ci invia una notifica

Il gestore o responsabile dopo aver visionato un primo periodo di prova, si accorgerà di non dover necessariamente essere presente in maniera continua.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By