Categories: Storia dei cocktails

Girolamo Luxardo

Originario di Genova, Girolamo Luxardo si trasferì con la sua famiglia nella città di Zara nel 1817 come rappresentante consolare…

Settembre 24, 2018 9:03 pm
Girolamo Luxardo

Originario di Genova, Girolamo Luxardo si trasferì con la sua famiglia nella città di Zara nel 1817 come rappresentante consolare del Regno di Sardegna. Zara, una città portuale sulla costa dalmata che ora fa parte della Croazia, fu sotto la sovranità austriaca dopo la caduta della repubblica veneziana nel 1797.

La Dalmazia era l’unico habitat della ciliegia di Marasca fino al XX secolo. Questa ciliegia amara è ideale per la produzione di liquori e per secoli gli agricoltori di Zara hanno prodotto un macerato “rosolio maraschino” dalla ciliegia per cui la città era famosa. La moglie di Luxardo, Maria Canevari, era interessata a questo liquore e iniziò a produrlo a casa. Il suo prodotto fu così apprezzato che nel 1821 suo marito, Girolamo, fondò una distilleria a Zara per produrlo in serie.

Girolamo è diventato il più grande produttore di liquori della regione e ha esportato il suo marchio di liquore al maraschino nei mercati di tutto il mondo. Le colombe viaggiatrici, che usava per l’invio di messaggi, sono diventate un marchio dell’azienda e sono ancora presenti nelle etichette di oggi. Quando Girolamo morì (81 anni) nel 1865, suo figlio, Nicolò, rilevò l’attività.

Nel 1913 la 3a generazione Michelangelo Luxardo costruì una nuova distilleria, una delle più grandi dell’intero impero austro-ungarico. Quindi, alla fine della prima guerra mondiale, Zara fu incorporata nel Regno d’Italia in quanto l’85% della sua popolazione erano italiani.

La compagnia prosperò fino alla seconda guerra mondiale quando, dopo ripetuti bombardamenti anglo-americani del 1943-44, la città e la distilleria furono quasi completamente distrutte. Le truppe tedesche si ritirarono e seguirono l’occupazione dei partigiani comunisti di Tito. La maggior parte della popolazione italiana sopravvissuta fuggì in esilio, ma molti furono uccisi dai partigiani. Purtroppo, gli sfortunati comprendevano Pietro Luxardo e Nicolò II e sua moglie, annegati nell’Adriatico dalle forze di Tito.

Giorgio, l’unico fratello sopravvissuto di quarta generazione, con l’aiuto di Nicolò III (la giovane quinta generazione) ha temporaneamente rifondato l’attività a Venezia prima che Giorgio trovasse la location perfetta a Torreglia, Padova.
I Colli Euganei offrono un clima ideale per la coltivazione delle ciliegie di Marasca, quindi è qui che nel 1947 piantarono il primo frutteto. Oggi quel frutteto vanta 20.000 alberi di ciliegio ed è il luogo in cui l’azienda a conduzione familiare continua a funzionare e prosperare. Ancora oggi Franco svolge un ruolo attivo nel business, ora supportato dalla prossima generazione.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Sherry Cobbler ricetta e storia

Gli anni del 1840 furono un boom per le mitologie americane. L'esperimento democratico del…

By

Lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i Bartenders

  Questa è la lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i…

By

L’Unione Europea approva il disciplinare del Vermouth di Torino

A due anni dalla pubblicazione in Italia, la Commissione Europea ha terminato la valutazione…

By

Le nostre interviste: The Rum e Whisky Day 2019

Domenica 28 e lunedì 29 ottobre si è svolta a Milano, nella location data…

By

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

This website uses cookies.