Categories: Cocktails Classici

Gold Rush cocktail storia e ricetta

  Il Gold Rush è un cocktail moderno con una decisa atmosfera classica old-school. Con un sapore più complesso rispetto…

Ottobre 24, 2019 7:55 am

Il Gold Rush è un cocktail moderno con una decisa atmosfera classica old-school. Con un sapore più complesso rispetto al whisky Sour su cui è modellato, è una semplice combinazione di bourbon, limone e miele.

È difficile credere che una variante così ovvia del Whisky Sour sia una scoperta recente, ma sembra che il Gold Rush risale solo al 2000. Jim Meehan (Pdt Cocktail Book) attribuisce a TJ Siegal la sua formulazione originale.

(Potresti anche pensare al Gold Rush come a una versione bourbon del Bee’s Knees, che esiste almeno dal proibizionismo e che ha ispirato altre sostituzioni, in particolare Honey Bee a base di rum.)

Ma Siegel sembra essere il primo ad aver servito un mix di bourbon, limone e miele.

The Gold Rush Cocktail

6,0 cl bourbon (Bulleit, Elmer T. Lee)
2,25 cl sciroppo di miele rich (3: 1)
2,25 cl succo di limone fresco

Scuoti tutti gli ingredienti con ghiaccio fino a che non sia molto freddo; filtrare in coppetta cocktail fredda o rocks glass. Opzionalmente, guarnire con limone o ciliegia.

Come fare lo sciroppo di miele rich: Scaldare 1 tazza di miele e ⅓ di tazza d’acqua in una casseruola a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto, fino a quando gli ingredienti non si saranno integrati. Togliere dal fuoco, lasciare raffreddare, quindi conservare in frigorifero. Conservato in un contenitore ermeticamente chiuso, per 1 settimana.

Il trucco, come sempre è bilanciare i sapori dolci e aspri, lasciando un drink dominato dal whisky. Ti consigliamo di regolare la quantità di limone in base alle stagioni e all’acidità del limone.

Il miele è più di un dolcificante, è un ingrediente che influisce sul sapore; devi metterne abbastanza per far trasparire i suoi sentori, ma non così tanto. In un Gold Rush equilibrato, il sapore è dominato dal whisky; poi c’è un accenno di miele, seguito da un pizzico di acidità del limone per evitare che la dolcezza predomini.

Il sapore di Gold Rush differisce dal bourbon standard solo per l’eccessiva complessità del miele. Di conseguenza, il sapore della bevanda è fortemente influenzato dalla geografia, dalla stagione e tipologia di miele.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.