Categories: Merceologia

Grappa

Nell'analisi della nascita del suo  nome la Grappa deriva a quanto pare dalla parola  Grappo come nel gergo antico era…

Novembre 14, 2010 6:20 pm

Nell’analisi della nascita del suo  nome la Grappa deriva a quanto pare dalla parola  Grappo come nel gergo antico era chiamato il grappolo;
 Questo distillato emblema dell’antica tradizione italiana in materia, viene ottenuto dalla distillazione delle vinacce cioè delle sue parti solide.

Invece  dal lato chimico la sua composizione è così strutturata:
acqua, alcoli etilico metilico e superiori, esteri, aldeidi, acidi.

Per l’impiego della sua produzione è bene precisare l’utilizzo delle vinacce dopo la svinatura, che si possono suddividere in : vinacce fermentate, oppure vinacce vergini fatte fermentare successivamente alla separazione dai mosti.

Per poter essere immessa in commercio la Grappa deve avere un titolo alcolimetrico non inferiore 37,5° fino a 60° alcolici,  ottenuto tramite la diluizione con acqua demineralizzata. 

La Grappa può essere :
* Giovane (non invecchiata)
* Aromatica (derivante da uve aromatiche quali moscato, Traminer aromatico)
* Invecchiata (minimo 12 mesi d’invecchiamento in legno)
* Riserva Invecchiata o Stravecchia (minimo 18 mesi d’invecchiamento in legno)
* Affinata o barricata.
* Aromatizzata (con aggiunta di aromatizzanti naturali come : erbe, radici o frutti).

Legislazione per la grappa :
Regolamento del Consiglio Europeo No 1576/89 del 29 maggio 1989: Stabilisce che la denominazione “grappa” può essere applicata solo a distillati di vinaccia prodotti in Italia.

La legge italiana ammette l’aggiunta di edulcoranti (massimo 2%) quali zucchero che può essere anche sottoforma di caramello (grappe invecchiate)

La differenza tra Brandy e grappa
Brandy e grappa non vanno assolutamente confusi: hanno la materia prima in comune, l’uva, ma sono prodotti differenti, ottenuti con processi diversi. Il brandy, come detto, è un distillato di vino, mentre la grappa è un distillato di vinaccia. Il brandy si ricava dall’uva, pigiata, fermentata e trasformata in vino, a sua volta distillato e poi invecchiato. La grappa, invece, si ricava dalle bucce degli acini d’uva, una volta separate dal mosto o dal vino al termine della fermentazione alcolica. 

Il servizio
Per una corretta degustazione è bene servire questo distillato a temperatura ambiente, consigliamo come bicchiere il tulipe (letteralmente tulipano).
La dose di servizio ricordiamo è di 3 cl.

Curiosità
Un noto alchimista del passato Arnaldo da Villanova poneva in essere con le sue distillazioni questo prodotto utilizzato qualvolta per alleviare malanni e rinvigorire coloro che al tempo si affidavano alle sue alchimie, a quanto pare di riconosciuta qualità.

Super User

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.