Categories: Miscelazione

Guida definitiva: come fare un Martini Cocktail.

In questa guida vi elencheremo i punti essenziali per ottenere un Martini Cocktail perfetto. Saper fare bene un Martini è…

Novembre 8, 2019 12:37 am

In questa guida vi elencheremo i punti essenziali per ottenere un Martini Cocktail perfetto. Saper fare bene un Martini è la chiave per capire come si preparano i Cocktails in generale quindi facciamo molta attenzione.

Meglio se: bicchiere, mixing glass e ingredienti sono nel congelatore.
In questo modo sarà molto difficile sbagliare a patto di non mettere troppo vermouth (gli amanti di questo cocktail non amano il vermouth).

Se non abbiamo il congelatore:

Il bicchiere: è la prima cosa che prenderemo in mano insieme al mixing. glass. Mettere subito il ghiaccio nel bicchiere (coppetta) poi nel bicchiere da miscelazione. Caratteristiche del bicchiere: meglio in cristallo sottile.
Con una capienza totale di 12 cl.

Il mixing glass può essere tenuto con del ghiaccio in attesa del suo utilizzo (così da abbreviare i tempi). Se partiamo con un mixing glass a temperatura ambiente non dobbiamo avere fretta ma mettere tanto (pieno) ghiaccio (ottenuto da un fabbricatore professionale) e girare il ghiaccio il più velocemente possibile per almeno 40″. Caratteristiche del mixing glass: può essere di vetro o acciaio (meglio), se d’acciaio inossidabile 18/10 il tempo di raffreddamento può essere ridotto a 25″. Il mixing glass in generale deve avere una capienza grande, non può essere la parte in vetro del boston. Se non lo avete inventatevelo basta che sia capiente.

Una volta ottenuta la brinatura (diventa opaco) del bicchiere da miscelazione svuotare il ghiaccio per questa operazione e metterne altro nuovo, quanto? PIENO!!!

Versare gocce di vermouth Extra Dry per primo e il gin che ha scelto il cliente per secondo. Aggiungere altro ghiaccio (deve essere sempre pieno di ghiaccio).

Iniziare a mescolare energicamente con il Bar Spoon per almeno 15″ ad un massimo di 22″.

Buttare il ghiaccio dal bicchiere, e filtrare il cocktail nel bicchiere.

Il risultato dovrà essere un cocktail ghiacciato con una temperatura di almeno -3 gradi.

Guarnizione: twist di limone, lemon peel o oliva verde, Mai entrambi.

Di seguito due foto, di cui una mostra come deve essere e l’altra di come non deve essere.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.