Categories: Storia dei cocktails

Henry Carl Ramos

Henry Charles Ramos A mezzanotte del 27 ottobre 1919, Henry "Carl" Ramos ha servito il suo ultimo Gin Fizz. Uno…

Marzo 12, 2018 11:57 pm

Henry Charles Ramos

A mezzanotte del 27 ottobre 1919, Henry “Carl” Ramos ha servito il suo ultimo Gin Fizz.
Uno dei pochissimi baristi ad aver dato il proprio nome ad un cocktail famoso sia durante la sua vita che oltre, Henry Charles “Carl” Ramos è nato a Vincennes, Indiana, da genitori nati in Germania, il 7 agosto 1856.

Carl Fizz era così famosi che, molto tempo dopo essersi ritirato, la sua morte fu annotata nella rivista Time. Uno dei suoi necrologi ricorda lo stile dell’uomo: “… il suo viso rubicondo e gli occhi azzurri geniali e scintillanti” altri ricordano lo stile puro dei suoi saloon.

Nonostante la sua passione per i diamanti, Ramos non era esattamente un regista nella modalità Jerry Thomas. Ramos ha preso sul serio le sue responsabilità come venditore di bevande alcoliche. Chiudeva il suo saloon alle 8 di sera tutte le sere e apriva solo per due ore la domenica. Teneva gli occhi attenti per i segni di ubriachezza nel suo bar e smetteva di prestare servizio al minimo segno di stupidità.

Prima di acquistare il suo primo saloon, il Imperial Cabinet, con suo fratello nel 1887, Carl aveva lavorato in un saloon a Exchange Alley. Sembra anche che abbia gestito i saloon a Baton Rouge e Birmingham.
Il gin fizz di Ramos era leggendario – eppure, a differenza di uomini come Duncan Nichol e Donn Beach, che facevano del loro meglio per portare le loro ricette nella tomba – era pronto a condividerlo con i posteri.
Con l’inizio del proibizionismo, le fortune, per Ramos, si erano concluse. Forse ancora in lutto per la morte di sua figlia adolescente Stella un paio di anni prima, aveva annunciato allo scoccare della mezzanotte, “Ho venduto il mio ultimo Gin Fizz”.
Carl morì il 18 settembre 1928, dopo una breve malattia. La sua bevanda, tuttavia, sopravvive a lui.
Il Ramos Gin Fizz è una bevanda classica, un cocktail immortale che può essere bevuto in qualsiasi momento della giornata, eppure una bevanda meravigliosamente conviviale da fare, come sempre implica condividere la sua storia con gli ospiti o lo shaker con altri barman.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente, cocktail designer e menù, promotore per aziende. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Gabriele Tammaro ci racconta la sua esperienza al mondiale IBA

Ciao Gabriele, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi? Ho iniziato nel…

By

Dry Martini cocktail? Risponde Lucio D’Orsi del Dry Martini Sorrento

Lucio D’Orsi, classe 1979, è oggi l’anima del Majestic Palace Hotel di Sorrento. Lo…

By

Intervista a Marco Macelloni del Franklin 33 di Lucca.

Incontriamo Marco comproprietario del Franklin 33 di Lucca, Marco ci parla della sua esperienza…

By

Intervista a Luca Angeli Bar Manager del Four Seasons Milano

Luca Angeli, cosmopolita per lavoro ma molto attaccato alla sua città di origine, Carrara,…

By

Intervista a Carola Abrate bartender a La Drogheria e Work travel

Ciao Carola, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi. Ciao Andrea! innanzitutto,…

By

Cosa sono i Tiki? Carriero Elis esperto internazionale risponde

I Tiki in questo momento sono cocktails sulla bocca di tutti i bartender professionisti,…

By

This website uses cookies.