Categories: Cocktails Classici

Hesitation Cocktail storia e ricetta

Sembra che non ci sia fine all'elenco dei cocktail "fantasma". Come l'Aviation e il Blue Moon, l'Hesitation Cocktail è un…

Febbraio 12, 2020 11:57 pm

Sembra che non ci sia fine all’elenco dei cocktail “fantasma”.

Come l’Aviation e il Blue Moon, l’Hesitation Cocktail è un cocktail degli inizi del 20° secolo, è uscito dal repertorio standard quando un ingrediente è scomparso dal mercato. Fu la scomparsa del Swedish Punch a spingere l’Hesitation nella lista dei cocktail fantasma.

Prima del proibizionismo, il punch svedese a base di Arrack era un ingrediente cocktail molto usato; ha fatto altre apparizioni in cocktails come nel Doctor e nel Diki-Diki. Appare per la prima volta come elemento dell’Hesitation Cocktail proprio alla fine del proibizionismo, nel Savoy Cocktail Book di Harry Craddock.

(Craddock non offre note sull’origine dell’Hesitation o sulla fonte del suo nome)

Verso la metà del secolo, la domanda di punch svedese era passata dal mercato, e insieme con essa l’Hesitation, il Doctor e tutti gli altri. Se n’era andata anche la conoscenza del prodotto e delle sue possibilità tra coloro che producono e bevono cocktail di qualità. Fortunatamente, lo Swedish Punch è tornato, sotto forma di Kronan Swedish Punsch, e l’Hesitation è tornato sul menu.

Hesitation Ricetta

Servire in coppetta cocktail

Ingredienti e quantità:

6,0 cl Rye Whisky
3,0 cl Punch svedese (Kronan)
0,75 cl succo di limone fresco

Metodo: shake and strain.

Garnish opzionale: lemon twist.

Il Savoy Cocktail Book mostra i suoi colori dell’era del proibizionismo raccomandando il Canadian Whisky. All’epoca “Canadian” significava essenzialmente segale.

Negli elenchi degli anni ’30 che abbiamo visto per l’Hesitation suggeriscono una bevanda molto dolce, con un rapporto 3:1 tra Punch e whisky e solo un “pizzico” di succo di limone. Quella formula è interessante e bevibile.

Alcune delle versioni modernizzate dell’Hesitation si orientano verso una versione più asciutta, con una proporzione 1:1 di whisky e punch svedese. Il problema con 1:1 è che non ha personalità.

Invece, raccomandiamo di convertire l’Hesitation da un cocktail con predominio punch svedese in un cocktail a base whisky. La versione qui elencata è un whisky 2:1, molto diverso dal cocktail punch svedese 3:1 originale, ma pensiamo che sia legittimo (vista l’evoluzione simile del Martini).

Non vedrai l’Hestitation elencato in molti ricettari di cocktail moderni, ma la sua popolarità aumenterà con la reintroduzione del punch svedese nel nostro mercato.

Andrea marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.