Categories: Storia dei cocktails

Hot Toddy storia della categoria di cocktail

Fa freddo e la neve sta cadendo. Non hai un camino per riscaldarti, ma hai whisky, tè, miele e limone.…

29 Settembre, 2019 11:01 pm

Fa freddo e la neve sta cadendo. Non hai un camino per riscaldarti, ma hai whisky, tè, miele e limone. Ma, che ci crediate o no, il vostro amico liquido è stato in via di sviluppo per secoli.

Il toddy come sappiamo è iniziato nell’India controllata dagli inglesi. Nel 1610, osserva il dizionario.com, la parola hindi “taddy” significava “bevanda a base di linfa di palma fermentata”. Nel 1786, Taddy fu ufficialmente trascritto e definito come “bevanda a base di liquore alcolico con acqua calda, zucchero e spezie “.

Gli inglesi, con la loro persistente abitudine di appropriarsi delle culture conquistate, presero quella bevanda e la rivendicarono come propria. Nei freddi inverni e nell’umidità quotidiana del nord dell’Inghilterra e della Scozia, i pub versavano acqua calda nello Scotch whisky. Le rotte commerciali del Regno Unito con l’India importavano spezie esotiche e i pub iniziarono a metterle nei loro drink.

Questa storia è, naturalmente, contestata. L’altra storia racconta di un medico irlandese di nome Robert Bentley Todd, che ordinò ai suoi pazienti di bere acqua calda, brandy, cannella e zucchero. Molto probabilmente, la verità è una combinazione delle due storie, in cui i medici hanno sentito parlare dei hot toddies e hanno iniziato a incorporarli nelle prescrizioni.

Indipendentemente dalla vera origine, la bevanda si fece strada dall’Inghilterra alle colonie americane. All’epoca il rum dei Caraibi e il brandy erano gli spiriti più consolidati America. Per fortuna per i coloni, l’Hot Toddy si presta bene alle variazioni e agli adattamenti degli ingredienti locali.

A metà del XIX secolo, l’Hot Toddy si era assicurato il posto come cura per il raffreddore comune. In un articolo intitolato “How to Take Cold” nel Burlington Free Press del 1837, l’Hot Toddy viene annunciato come un toccasana.

“Se tuo figlio inizia a respirare rumorosamente di tanto in tanto, ad avere gli occhi rossi o un po’ di sordità; se la sua pelle è secca e calda e il suo respiro è febbrile, ora hai l’opportunità di svolgere il tuo lavoro molto più velocemente che mai ”

Afferma lo scrittore senza nome. Il primo passo è evitare di chiamare un medico. Quindi, Fai mangiare il bambino in abbondanza. Infine, fallo bere.
“Con bevande calde stimolanti, di cui hot toddy è il migliore”, lo scrittore raccomanda saggiamente.

Hot toddy è da sempre un punto fermo americano. Ora ci sono hot toddy di mirtilli rossi, di pompelmo e qualsiasi altra aggiunta e sostituzione tu possa immaginare. Batte tutte le altre bevande calde come il vin brulé, il sidro di mele al bourbon. È sopravvissuto alla prova del tempo per un motivo: l’hot toddy è l’innegabile campione delle bevande calde.

Quindi la prossima volta che il tempo fuori fa paura e ti rivolgi al tuo fidato amico hot toddy, prenditi un secondo in più e apprezza quella tazza di gioia che riscalda. Il concetto ha richiesto un lungo viaggio per arrivare al tuo appartamento senza camino.

Andrea Marangio

HAI BISOGNO DI UN ESPERTO? Contattaci: Whatsapp: 3480046467 email: supporto@barmanitalia.it Oppure entra nel nostri gruppi WhatsApp

Recent Posts

Naked And Famous storia e ricetta

I nuovi cocktail nascono spesso come riff di vecchi classici, ma la carta genealogica…

By

Spicy Fifty cocktail storia e ricetta

Con un curriculum che vanta esperienza nella creazione di cocktails per presidenti e reali,…

By

Fernandito cocktail storia e ricetta

Fernando, Fernandito, Fefi o semplicemente Fernet e Coca è una bevanda tipica e semplice…

By

Trinidad Sour storia e ricetta

Il Trinidad Sour è stato inventato dal barman newyorkese Giuseppe González al Clover Club…

By

Tipperary cocktail storia e ricetta

La storia dietro questo elegante drink, che è apparso per la prima volta nel…

By

Nuove competenze ambientali per i bartender

Crediamo sia l'ora di imporre un nuovo standard per i barman. Il covid19 che…

By

This website uses cookies.