Categories: Uncategorized

I celebri bitter Angostura si vestono di diamanti per il Giubileo

Per la prima volta in quasi 200 anni, Angostura ha creato una nuova confezione per i suoi celebri bitter aromatici…

Giugno 5, 2012 10:03 pm
Per la prima volta in quasi 200 anni, Angostura ha creato una nuova confezione per i suoi celebri bitter aromatici Angostura®. Titolare di lungo corso del prestigioso Sigillo Reale britannico, Angostura ha deciso di lanciare una confezione in edizione limitata in occasione del Giubileo di Diamante della Regina, che ricorre il 5 giugno di quest’anno.
Angostura ha voluto non solo celebrare il Giubileo di Diamante con una nuova etichetta, così come hanno fatto altre società insignite del Sigillo Reale, ma anche riconoscere l’onore di essere titolare di un Sigillo Reale con una donazione a favore del Queen Elizabeth Scholarship Trust (QEST). Per ogni bottiglia venduta, Angostura donerà 1 sterlina a questo ente benefico, che opera a sostegno dell’attività degli artigiani e delle artigiane in Gran Bretagna.

Alex Thomas, Responsabile Senior Vendite e Marketing, commenta: “Questo è il primo cambiamento apportato al prodotto in quasi 200 anni: sia la ricetta sia la bottiglia sono rimaste immutate dal 1824.”

Thomas prosegue: “Angostura® ha ottenuto il primo Sigillo Reale nel 1912 da re Giorgio V, mantenendolo costantemente da allora in poi. Abbiamo voluto non solo celebrare il Giubileo di Diamante della Regina con una confezione in edizione limitata, ma anche esprimere il nostro orgoglio per un riconoscimento tanto prestigioso con una donazione al QEST Appeal. L’essenza stessa di Angostura è autentico artigianato: crediamo profondamente nell’incoraggiamento dello sviluppo di quest’arte, che ha reso oggi la nostra società un esempio di successo nel tempo.”
I famosi bitter aromatici Angostura® sono avvolti nel mistero, dalla loro ricetta al motivo per il quale l’etichetta si rivelò essere troppo grande per la bottiglia. La leggenda più nota sull’etichetta sostiene che l’errore sia stato semplicemente dovuto al rilassato stile di vita caraibico. L’etichetta fu ordinata nelle dimensioni sbagliate e, una volta scoperto l’errore, tutti pensarono che qualcun altro l’avrebbe corretto. Tuttavia non fu così, quindi si decise di mantenere l’etichetta, benché troppo grande, che divenne simbolo del marchio.

I fan dei famosi bitter non devono preoccuparsi, ma affrettarsi: in tutto il mondo saranno disponibili soltanto 24.000 esemplari della confezione in edizione limitata.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best…

By

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By