Categories: In evidenza

I celebri bitter Angostura si vestono di diamanti per il Giubileo

Per la prima volta in quasi 200 anni, Angostura ha creato una nuova confezione per i suoi celebri bitter aromatici…

Giugno 5, 2012 10:03 pm
Per la prima volta in quasi 200 anni, Angostura ha creato una nuova confezione per i suoi celebri bitter aromatici Angostura®. Titolare di lungo corso del prestigioso Sigillo Reale britannico, Angostura ha deciso di lanciare una confezione in edizione limitata in occasione del Giubileo di Diamante della Regina, che ricorre il 5 giugno di quest’anno.
Angostura ha voluto non solo celebrare il Giubileo di Diamante con una nuova etichetta, così come hanno fatto altre società insignite del Sigillo Reale, ma anche riconoscere l’onore di essere titolare di un Sigillo Reale con una donazione a favore del Queen Elizabeth Scholarship Trust (QEST). Per ogni bottiglia venduta, Angostura donerà 1 sterlina a questo ente benefico, che opera a sostegno dell’attività degli artigiani e delle artigiane in Gran Bretagna.

Alex Thomas, Responsabile Senior Vendite e Marketing, commenta: “Questo è il primo cambiamento apportato al prodotto in quasi 200 anni: sia la ricetta sia la bottiglia sono rimaste immutate dal 1824.”

Thomas prosegue: “Angostura® ha ottenuto il primo Sigillo Reale nel 1912 da re Giorgio V, mantenendolo costantemente da allora in poi. Abbiamo voluto non solo celebrare il Giubileo di Diamante della Regina con una confezione in edizione limitata, ma anche esprimere il nostro orgoglio per un riconoscimento tanto prestigioso con una donazione al QEST Appeal. L’essenza stessa di Angostura è autentico artigianato: crediamo profondamente nell’incoraggiamento dello sviluppo di quest’arte, che ha reso oggi la nostra società un esempio di successo nel tempo.”
I famosi bitter aromatici Angostura® sono avvolti nel mistero, dalla loro ricetta al motivo per il quale l’etichetta si rivelò essere troppo grande per la bottiglia. La leggenda più nota sull’etichetta sostiene che l’errore sia stato semplicemente dovuto al rilassato stile di vita caraibico. L’etichetta fu ordinata nelle dimensioni sbagliate e, una volta scoperto l’errore, tutti pensarono che qualcun altro l’avrebbe corretto. Tuttavia non fu così, quindi si decise di mantenere l’etichetta, benché troppo grande, che divenne simbolo del marchio.

I fan dei famosi bitter non devono preoccuparsi, ma affrettarsi: in tutto il mondo saranno disponibili soltanto 24.000 esemplari della confezione in edizione limitata.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

16 novembre Carpano partecipa a “Il Vermouth di Torino… a Torino”

Milano, 12 novembre 2019 – Come padre e rappresentante storico della categoria, Carpano non…

By

La barlady Selia Bugallo vince Art of Italicus Aperitivo Challenge 2019

La challenge ideata da ITALICUS®, Rosolio di bergamotto, per eleggere il migliore aperitivo ispirato…

By

This website uses cookies.