Categories: La professione

Igiene: l’etichetta del barman

Ci sono alcuni principi fondamentali quando si tratta di fare bevande, e questa volta non parliamo di ghiaccio, shaker o…

Giugno 15, 2018 11:47 pm

Ci sono alcuni principi fondamentali quando si tratta di fare bevande, e questa volta non parliamo di ghiaccio, shaker o agrumi. L’igiene non è mai stata così importante.
Le cucine aperte nei ristoranti in stile moderno hanno messo in mostra lo chef di oggi in un modo che l’industria alimentare non ha mai sperimentato. Mette l’accento sul cibo ed è sempre chiaro che il ristorante sta dicendo che non hanno nulla da nascondere nella produzione della cena. Fin qui tutto bene. Ma tutti hanno sentito l’orrore quando si guarda oltre l’area di erogazione agli chef che si muovono su piatti caldi e padelle gorgoglianti e si vede scorrere le mani attraverso una zazzera di capelli unti.

Eppure i baristi sono sempre stati visibili, dal momento che da sempre la nostra industria, il bar è sempre stato in mostra. Che potrebbe in qualche modo spiegare l’aspetto distintivo, l’attenta sartoria e l’orgoglio dei barman, dal 1800 ad oggi. Si tratta di apparire professionale.
Questo importante elemento dell’allenamento del barman sembra essere stato perso da qualche parte lungo la strada.
Può sembrare troppo zelante per tornare inorridito mentre il barman si strofina il naso, ma quello che sembra un movimento poco appariscente su un lato del bar è in realtà incredibilmente evidente quando si è seduti dall’altra parte.
Durante i nostri viaggi in tutto il mondo abbiamo visto ripetutamente il motivo per cui queste regole igieniche devono essere rivisitate. Il seguente potrebbe (dovrebbe) sembrare ovvio per la maggior parte dei barman, ma quando la persona dietro il bar si lecca le mani mentre fa il tuo drink, spinge continuamente indietro i capelli sudati, si pulisce il naso con le mani o si asciuga la fronte con le dita , c’è una chiara necessità di ricordare che il cliente ha occhi acuti.

Mantieniti pulito.
– Non toccarti il ​​viso
– Se i tuoi capelli sono abbastanza lunghi, legali
– Non masticare le unghie o mettere le mani in prossimità della bocca
– Se hai bisogno di starnutire o tossire allontanati dai clienti / ingredienti freschi / ghiaccio
– Cerca di non mangiare davanti ai clienti
– Non raccogliere i bicchieri attorno al bordo – sempre dal basso o dal gambo
– Pulisci sempre le superfici
– Se i tovaglioli si macchiano, mettili da parte per il lavaggio e prendine uno nuovo
– Infine se ti trovi in ​​una di queste situazioni semplicemente lavati le mani

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.