Categories La professione

Il barman è un vero lavoro?

Il barman è un vero lavoro?

Bartending come ha i suoi alti e bassi – negare questo sarebbe ignoranza. Ci sono alcuni giorni in cui hai cambiamenti incredibili, ci sono altri giorni in cui non vedi l’ora di tornare a casa, tuttavia, il più delle volte è un lavoro piacevole e gratificante.

Tuttavia, un lavoro nel settore del bartending sembra essere ossessionato da le seguenti affermazioni che molte altre professioni non devono affrontare:

– Qual è il tuo vero lavoro?
– Cosa stai studiando?
– Allora, cosa vuoi veramente fare?
– Sei tra un lavoro e l’altro?
– Sì, ma questa non è una carriera vero?

Se metti da parte i sentimenti di rabbia e il fastidio che potresti provare nei confronti delle persone che fanno queste domande; puoi vedere che non tutti la considerano un insulto e stanno solo facendo conversazione, anche se preferiremmo parlare del tempo.

Alcune persone potrebbero non capire la tua scelta di lavorare in un’industria fiorente piena di opportunità, mentre altri potrebbero persino essere confusi su come sia possibile. Alla fine, il 90% delle persone annuisce e torna al cocktail che hai appena preparato per loro.

Più che semplici drink

Fare il barman può pagare molto bene, richiede abilità e conoscenza – sia fisicamente che mentalmente. Come barman sei il servizio clienti, il cassiere, il venditore, le pubbliche relazioni, il gestore del magazzino, il controllo di qualità, la produzione e il volto della società, tutto in uno.

Lavorare come barman significa che devi affrontare un panorama in continua evoluzione della clientela. Farai amicizia con nuove persone ogni notte. Se sei un professionista del cocktail, devi memorizzare un sacco di drink, di solito il menu del locale più tutti i “classici”, a volte sono più di 100 cocktail.

Non dimentichiamo la creatività, la conoscenza e la risolutezza che devi dimostrare perché molte persone non sono sicure di ciò che vogliono bere e ti chiederanno di fare “qualcosa di carino” o “quella bevanda che hanno bevuto l’anno scorso con il Rum” .

Siamo fermamente convinti che chiunque dubiti della validità del barista come un “vero lavoro” dovrebbe saltare dietro un bar per una settimana e vedere di cosa si tratta.

Perché la gente dice che il bartending non è un vero lavoro?

Ci sono numerosi fattori che entrano in gioco qui. In genere, il barista è visto come un lavoro “per il tempo libero”. È lavoro che viene proposto agli studenti per quando studiano per quello che diventerà il loro “vero” lavoro. Va detto che molte persone finiscono per scegliere una carriera nel bartending nonostante ciò che hanno studiato.

Lo stile di vita del barman pubblicizzato tramite i media non è mai realmente rappresentativo di come vivono i bartenders. Non mette in risalto l’aspetto del servizio clienti del barman o le innumerevoli ore e sforzi che servono per creare nuovi menu cocktail.

Le ore che i baristi lavorano hanno decisamente a che fare con la nozione che non è un lavoro adatto. Se tutti i turni per tutti i baristi fossero 9-17 lun-ven (ironicamente noti come “orari di lavoro socievoli”) potremmo assistere a una ricaduta in discorsi “non un vero lavoro”.

“Ti vedi a farlo per il resto della tua vita?”

Qualcuno si vede essere nello stesso lavoro per il resto della loro vita? Le persone iniziano nelle grandi aziende in fondo e pensano “Sono qui. Ce l’ho fatta Questo sono io per il resto della mia vita “?

Bene … alcuni barman aspireranno a diventare gestori di bar o proprietari. Altri mireranno a diventare ambasciatori del marchio a livello mondiale per una grande compagnia di spiriti. Ognuno ha diversi obiettivi e ragioni sul perché sono bartending. Non essere il giudice di giusto e sbagliato.

Ci sono anche Barman che vorranno barattare fino a quando è fisicamente possibile. Questi sono tutti “veri e propri lavori”, e ci rattrista che l’industria dell’ospitalità deve continuamente giustificarsi con un pubblico che beneficia direttamente della nostra presenza in una relazione reciprocamente esclusiva.

Il barman è un vero lavoro?

La risposta breve è “sì”. La risposta lunga è “sì, lo è”.

Author Details

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts – Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Share
Published by
Andrea Marangio
Tags barman

Recent Posts

  • Interviste

Intervista a Gabriele Rondani di Rinaldi1957

Intervista in esclusiva a Gabriele Rondani di Rinaldi1957 per BarmanItalia 1 - Ciao Gabriele, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad…

Maggio 19, 2019 11:02 pm
  • Cocktails Video

Pietrasanta da bere: Bar Avio

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 19, 2019 12:19 am
  • Miscelazione

Il bicchiere highball

Gli highball sono una categoria di cocktail semplice, comunemente con solo due ingredienti: uno spirito e un sodato, serviti in…

Maggio 18, 2019 8:31 am
  • Interviste

Lo scrittore si racconta: intervista a Marco Garino

Ci racconti la tua storia personale, chi è Marco Garino? Sono un intramontabile positivo sempre appassionato per quello che faccio.…

Maggio 16, 2019 11:25 pm
  • mixologist in evidenza

Beerologism, ovvero la sperimentazione della birra a Lovecraft Firenze

Love Craft a Firenze si è affermato così velocemente durante il primo anno d'esistenza da meritarsi già l’appellativo di locale…

Maggio 15, 2019 11:23 pm
  • Miscelazione

Il gusto umami nei cocktails

Umami è una parola giapponese che è stata coniata nel 1908 da un chimico dell'Università di Tokyo chiamato Dr. Kikunae…

Maggio 14, 2019 11:42 pm

This website uses cookies.