Categories: Il servizio al bar

Il menù dei cocktail stagionale

Un menu di cocktail è una questione delicata. La selezione di bevande deve essere abbastanza intrigante da spingere i clienti…

Gennaio 1, 2019 10:54 pm

Un menu di cocktail è una questione delicata. La selezione di bevande deve essere abbastanza intrigante da spingere i clienti a sceglierti anche se sei il bar in fondo alla strada piuttosto a quello più vicino, includendo anche i classici. Poi ci sono le domande da farsi su quanto costa un drink e quanto è complicato per un barman farne cinque in fila (tempo di esecuzione). E una volta che hai creato il tuo menu perfetto, è il momento di un’altra domanda: quanto spesso dovresti cambiarlo?

Il menu dovrebbe cambiare stagionalmente. Quattro volte l’anno, per integrare il menu dei cocktail classici, che non cambiano. Le bevande stagionali riflettono la generosità dei prodotti freschi disponibili e danno al bar la possibilità di sperimentare. È un modo per il bar di offrire costantemente qualcosa di nuovo ed eccitante, offre opportunità di attirare nuovi clienti e allo stesso tempo dà ai clienti regolari un motivo per rimanere.

Il menu del bar è anche utile per il morale dei dipendenti. Incoraggiando i barman a inventare bevande nuove per il menu. È un modo per rendere i dipendenti una parte vitale del processo decisionale, per dimostrare che le loro opinioni e competenze sono preziose.

C’è anche il problema della coerenza. Mantenendo un compendio di tutte le ricette, se un cliente arriva a chiedere il cocktail al blackberry che ha avuto nel maggio, qualsiasi barman, anche se ha iniziato la settimana prima, può replicarlo. Ma c’è un rischio insito in un menu stagionale: se hai una lista che dipende da variabili in continua evoluzione come quelle disponibili sul mercato del contadino, potresti deludere i clienti se richiedono un cocktail con ingredienti non più disponibili in quel determinato momento. Ma dal momento che il bar ha costruito una reputazione come luogo per cocktail dinamici e originali, la maggior parte dei clienti lo capisce.

Mantenere la clientela entusiasta e interessata. È utile per tutti. È utile per noi e per la nostra immaginazione – offrendo nuovi e creativi menu – per i nuovi sapori e le novità.

Decidere se passare o meno a un menu stagionale è una decisione personale, che dipende dalla posizione del tuo bar, dalle tue finanze, dai tuoi clienti e, a un livello più filosofico, dalla tua identità. Chi sei tu come bar? Perché i clienti vengono nel tuo bar? Se puoi permetterti di correre un rischio calcolato, è facile testare le acque con un piccolo menu di cocktail stagionali. Potrebbe essere un successo o un triste fallimento.

Finché ti impegni pienamente, ci credi davvero e hai una connessione onesta, penso che il menu funzionerà. Cercare di accontentare tutti è un buon metodo per fallire.

Recent Posts

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By

Whizz Bang cocktail

WHIZZ BANG Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 2,0 cl Vermouth dry Noilly Prat 4,5…

By

Tre domande a Simone Lancia

Raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei…

By