Categories: Merceologia

Il rum del Guatemala: Storia e produzione

La ricca storia del Guatemala è segnata non solo dall'ascesa e dalla caduta delle culture religiose, ma anche da eruzioni…

Gennaio 20, 2020 11:43 pm

La ricca storia del Guatemala è segnata non solo dall’ascesa e dalla caduta delle culture religiose, ma anche da eruzioni vulcaniche, terremoti, inondazioni, uragani e dall’arrivo di eserciti stranieri. Il Guatemala ha i vulcani più alti e più attivi in ​​questa parte del mondo che sono responsabili di valli che letteralmente traboccano di prodotti agricoli, per i mercati locali ed esteri. I primi insediamenti conosciuti in questo paese furono trovati sulla costa del Pacifico e risalgono a circa il 2000 a.C.

Più di due millenni dopo, il Guatemala fu il centro della cultura Maya in America Centrale in quello che gli studiosi chiamano Periodo Classico 300 – 900 d.C. Le credenze religiose e la dipendenza agricola dei Maya portarono allo sviluppo di un calendario che rivaleggia anche con quelli in uso oggi . Il più grande dei centri religiosi Maya, Tikal, dimostra l’applicazione della matematica e dell’astronomia. Ora patrimonio dell’umanità, la storia e la cultura di Tikal e dei suoi abitanti Maya è studiata dagli scienziati di tutto il mondo.

Ciudad Vieja – la città vecchia, la prima capitale dell’era coloniale fu distrutta quando un terremoto colpì le rive di un lago sopra la città, letteralmente lavò via Ciudad Vieja dal fianco della montagna nel 1542. Dopo aver trasferito la capitale ad Antigua l’anno successivo, quella città fu distrutta da due terremoti nel 1773. Le rovine spagnole di quella città sono state conservate ma la capitale fu nuovamente trasferita a Città del Guatemala nel 1776. Gli spagnoli, che avevano controllato il paese dal 1524, garantirono l’indipendenza del Guatemala nel 1821.

La diversa tipografia di questo paese centroamericano delimitato da Messico, Belize, Mar dei Caraibi, Honduras, El Salvador e Oceano Pacifico è solo uno degli ingredienti che contribuiscono ai rum (ron) ultra premiati del Guatemala. Centinaia di migliaia di ettari di canna da zucchero crescono sulle fertili pianure costiere a ovest e sud della catena montuosa vulcanica che collega i continenti del Nord e del Sud America.

Con l’aumento del prezzo mondiale dello zucchero negli anni ’60, le fabbriche di zucchero del Guatemala furono aggiornate, furono costruite nuove fabbriche all’avanguardia. Tra il 1999 e il 2001, il Guatemala è stato il settimo esportatore di zucchero nel mondo e il terzo dietro Brasile e Cuba in America Latina. Nel 2004, gli zuccherifici hanno prodotto oltre 2 milioni di tonnellate di zucchero di canna.

Il 1948 segna l’inizio dell’era moderna della produzione di rum in Guatemala. A quel tempo decine di distillerie nei vari distretti del Guatemala producevano rum per il mercato locale. Scarse condizioni di trasporto, lingua e differenze regionali hanno reso quasi impossibile la distribuzione nazionale di ogni singolo rum. Nel corso degli anni, molte di queste distillerie fallirono, altre unirono le loro società di produzione, invecchiamento e imbottigliamento in quella che oggi è l’Industrias Licoreras de Guatemala. Oggi c’è solo una distilleria che produce rum, come definito dalle leggi guatemalteche che regolano la produzione di alcol, e molti altri che producono alcolici di canna chiamati aguardiente.

In Guatemala per essere etichettato rum, lo spirito deve essere distillato dal miele fermentato di canna da zucchero vergine, uno sciroppo dolce scuro a base di succo di canna da zucchero appena spremuto. Il miele vergine di canna da zucchero, come viene chiamato in Guatemala, viene prodotto filtrando il succo di canna da zucchero fresco e quindi facendo bollire l’acqua fino a quando lo sciroppo contiene circa il 72% di zucchero. Solo la canna da zucchero coltivata in Guatemala viene utilizzata per produrre questo miele vergine di canna da zucchero poiché sarebbe impossibile trasportare la canna tagliata da un altro paese in uno zuccherificio guatemalteco. La maggior parte della canna da zucchero utilizzata nelle Licoreras de Guatemala viene tagliata a mano poiché il taglio manuale consente un raccolto molto più controllato. La maggior parte della canna viene bruciata prima del taglio per facilitare il taglio della canna, ma un po’ di zucchero viene caramellato e il contenuto di zucchero viene ridotto da un ottimale di circa il 23% di zucchero a circa il 17% quando raggiunge lo zuccherificio . Il colore scuro è attribuito a due fattori: leggera carmelizzazione dello zucchero e ossidazione del succo fresco. Si cura di caramellare lo zucchero il meno possibile. Gli spiriti prodotti con melassa in Guatemala sono chiamati aguardiente. Come alcuni altri paesi, il rum deve essere invecchiato in botti di rovere almeno un anno. Il Guatemala ha anche richiesto che lo spirito fresco venisse messo nella botte a non più del 60% di volume alcolico.

I 12 rum distillati da Industrias Licoreras de Guatemala sono:

Botran – Ron Botran Oro
Botran – Ron Botran Añejo
Botran – Ron Botran Añejo 12 yo
Botran – Ron Botran Etiqueta Blanca
Botran – Ron Botran Extra Light
Botran Añejo Reserva
Botran Ron Añejo 8 yo
Botran Solera 1893
Ron Colonial
Zacapa – Ron Zacapa Centenario Gran Reserva
Zacapa Centenario 15 yo
Zacapa XO

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.