Categories: Merceologia

Il rum della Guyana, Storia e caratteristiche

Il rum Demerara proviene dalla Guyana, è prodotto sulle rive del fiume Demerara in Guyana e tutto il rum Demerara…

Gennaio 20, 2020 12:17 am

Il rum Demerara proviene dalla Guyana, è prodotto sulle rive del fiume Demerara in Guyana e tutto il rum Demerara proviene da lì, indipendentemente da dove possa essere invecchiato e imbottigliato. È prodotto con canna da zucchero coltivata sulla costa della contea di Demerara, lungo le rive del fiume ed è distillato dalla Demerara Disitllers Limited, la DDL. Il magazzino della Diamond Distillery può contenere fino a un milione e mezzo di bottiglie di rum.

La storia di demerara rum

Nel 1498 Colombo scese a terra: fu allora che aveva introdotto la canna da zucchero dalle Isole Canarie nei Caraibi. Fin dall’inizio c’erano diverse piantagioni di zucchero in Guyana, era una terra incontaminata abitata dai popoli Arawak e Carib.

Lo zucchero non fu prodotto su larga scala fino alla fine del 1700, circa 100 anni dopo rispetto al resto delle regioni dei Caraibi, ma poiché i proprietari delle piantagioni in Guyana entrarono tardi nell’industria dello zucchero, furono in grado di importare attrezzature relativamente avanzate per la macinazione della canna da zucchero.

La canna da zucchero veniva introdotta nel 1640, quando arrivarono i primi coloni olandesi. La distillazione non sarebbe stata praticata prima del 1650.
Questo è stato molto importante perché è ciò che ha gettato le basi della produzione del rum demerara, finendo con il fatto che ogni azienda produttrice di zucchero avesse il proprio alambicco.

E nel 1700 oltre 300 tenute di zucchero producevano i loro rum – oltre 300 tenute! Nel 1732 fu fondata la distilleria Port Morant Estate ed è una delle più antiche del mondo. Questa distilleria produceva un rum di maggiore profondità e carattere – e il navy rum della marina del passato veniva prodotto lì. Fu anche istituito un terzo insediamento – sulle rive del fiume Demerara nel 1752 e si chiamava Demerara.

Nel 1814 le tre colonie furono consegnate agli inglesi e così divennero la Brittish Guyana nel 1831. E pochi anni dopo – nel 1834 – la schiavitù fu finalmente abolita e quindi i lavoratori delle piantagioni furono ora importati dall’Europa, Cina e India.

Il rum che veniva prodotto e usato era il rum coloniale della mescolanza bretone e i primi rum OVD (Old Vatted Demerara) furono realizzati con il Port Morant della Guyana come componente principale.

Ma nella seconda metà del 1800 le fabbriche di zucchero stavano chiudendo – ne rimasero solo 180. Una tenuta spiccava tra tutte, la Versailles che alla fine assorbì alcune delle più piccole tenute di zucchero e alla fine si unì alla Plantation Schoon Ord (a sud di Goed Fortuin) nei primi anni ’50, da allora divenne nota come Pln. Versailles & Schoon Ord Estate Ltd. Versailles è stata definitivamente chiusa nel 1977.

Ogni tenuta produceva il proprio rum distintivo e ai rum venivano assegnati i propri marchi (marque) per identificarne l’origine, ad esempio PM è Port Morant.

C’è anche per esempio Enmore (EHP) Skeldon (SWR) Uitvlught (ICBU) Albion (AN) La Bonne Intention (LBI) Versailles (VSG) Blairmont e Rose Hall. Queste sono o erano tenute di zucchero, non alambicchi: gli alambicchi che erano lì adesso sono tutti, o se non tutti almeno la maggior parte, trasferiti alla Diamond Distillery.

Questi rum furono spediti in Inghilterra e fu stabilito il nome commerciale Demerara Rum. All’inizio del XX secolo tutti gli alambicchi sono stati fusi e alla fine sono diventati DDL – Demerara Distillers Limited.

Oggi nell’ultima tenuta rimasta la Diamond Distillery sulla riva orientale del fiume Demerara.
La wooden continous coffey still – EHP – è l’ultima rimasta dal 1880 e l’unica column still in legno al mondo. Realizzata in un legno della Guyana chiamato legno Greenheart.
Produce un rum medio e fruttato di medio corpo (ma ovviamente non è solo il responsabile di un rum). Il rum EHP a canna singola di El Dorado proviene da questo alambicco. EHP sta per Edward Henry Porter, il proprietario dell’Enmore Sugar Estate nel 1800.

Ci sono due alambicchi pot still di legno: uno è singolo e uno è doppio. Questi hanno 250 anni e originariamente erano utilizzati per produrre i rum della Demerara navy. Questi due alambicchi sono oggi spesso indicati come Demerara Vat Stills.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.