Categories: Attrezzatura

Il tagliere

Tutti sanno cosa è un tagliere, in questo articolo Vi daremo alcuni consigli per lavorare agevolmente e utilizzarlo al meglio.…

Agosto 20, 2013 2:44 pm
Tutti sanno cosa è un tagliere, in questo articolo Vi daremo alcuni consigli per lavorare agevolmente e utilizzarlo al meglio.

Prima regola il tagliere ogni volta che finiamo di tagliare qualcosa rimane vuoto, senza alcun residuo, altrimenti in breve tempo non avremo più modo di utilizzarlo per mancanza di spazio. Inoltre lavorare ordinati è fondamentale.

Dove posizionarlo, generalmente si trova alla nostra destra, vicino al bordo del banco, di fianco o in linea c’è il portacoltelli (anche il coltelli non sono mai lasciati liberi sul tagliere, ma ad ogni loro utilizzo sono riposti). Per tenerLo stabile durante il taglio, appoggiare un tovagliolo di carta umido sul banco (o tovaglietta antiscivolo) altrimenti muovendosi ci possiamo ferire.

Il materiale in cui è fatto il tagliere è il polietilene (da escludere qualsiasi altro materiale come il legno, in quanto non a norma di legge HACCP).

Le linee di taglieri in polietilene colorati e di coltelleria professionale con manico colorato aiutano a ridurre i rischi di contaminazione incrociata utilizzando un sistema di codifica dei colori che identifica ogni tagliere ed ogni coltello per un uso specifico e permette di individuare facilmente le diverse aree di lavoro. L’adozione del sistema è un contributo per migliorare la sicurezza nei processi alimentari ed una risposta efficiente alle nuove norme HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) concernenti l’igiene alimentare per una sempre migliore salvaguardia del consumatore.

I colori secondo HACCP devono essere:
BIANCO (generico)
BLU (pesce) ROSSO (carni fresche)
VERDE (verdure)
GIALLO (pollame)
MARRONE (carni cotte)

Per la frutta consigliamo il colore bianco anche perché è quello dove si riscontra subito lo sporco, di conseguenza possiamo da subito eliminarlo.

Manutenzione
Affinché rimanga sempre come il primo giorno dobbiamo ogni volta che finiamo il servizio lavarLo in lavastoviglie, ogni settimana o anche prima se necessario, deve essere lasciato a contatto con l’amuchina la quale oltre lo sporco ucciderà le muffe e batteri.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.