Categories: mixologist in evidenza

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink list contemporanea a base di Emoji.…

Ottobre 5, 2020 9:09 pm

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink list contemporanea a base di Emoji.

Quanto siamo capaci di lasciarsi andare nelle scelte e farsi ispirare semplicemente da delle immagini?…

Raccontaci qualcosa in più di te: di dove sei, da quanto tempo e come sei arrivata dietro al bancone?

Maremmana doc di Grosseto, classe 1990.
Sono una persona accogliente, introversa, coraggiosa e ambiziosa, consapevole del mio obbiettivo che non è essere migliore degli altri, ma migliore di me stessa.
La mia esperienza inizia nel 2013, in un banco che si discosta molto dall’idea di banco vera e propria, in un chiringuito in spiaggia in cui mi dilettavo a preparare dei gran mojito, negroni forti, sex on the beach e japanese ice tea.
Un’esperienza che molti dei miei colleghi rinnegherebbe per la scarsa qualità di mixology; per quanto mi riguarda, a sostegno della teoria di Nietzsche dell’”eterno ritorno”, il mio futuro, invece lo vedo proprio così: un ritorno alle origini, con i piedi affondati nella spiaggia, lo sguardo verso il mare, cocktails umili e servizio familiare.
Per il momento però mi godo il banco che tutti intendiamo.
Professionalmente mi sono formata in Danimarca, a Copenhagen, dove sono rimasta per circa 3 anni e mezzo. La migliore ricetta che ho imparato là è a base di accoglienza, uguaglianza sociale, serenità e passione.

Fino a pochi anni fa, era molto difficile trovare una donna dietro un bancone a preparare drinks,
oggi le cose stanno cambianodo; le donne stanno diventando sempre più protagoniste in questo settore, cosa ne pensi?

Nella mia vita, sia professionale che personale, sono sempre andata oltre il concetto uomo-donna. Anche il mondo del bar dovrebbe iniziare a farlo. Siamo tutti esseri umani con aspirazioni, passioni e fame di sfide.
In ogni caso, c’è poco da fare, la donna è sempre più affascinante!

Casa Minghetti, è uno dei locali più esclusivi di Bologna, che proposta di miscelazione offre?

Dopo l’esperienza a Copenhagen, l’Italia iniziava a fare il suo richiamo e sono tornata sbarcando a Bologna, la città che più mi ispirava dal punto di vista artistico e culturale.
Casa Minghetti, il locale che mi ha adottato fin dall’inizio del mio arrivo in città, è un locale caldo, accogliente e intimo; è situato in una delle più belle piazze della città e proprio come suggerisce il nome sembra di entrare in un’abitazione privata.
La mia filosofia di miscelazione fonda le sue radici sul “rispetto”.
Ho moltissima stima dei grandi cocktail classici ma adoro sperimentare aggiungendo sempre qualcosa di nuovo, con profumi e sapori capaci di valorizzare inedite sfaccettature e sfumature.

Come nascono e di cosa parlano le tue/vostre drink list? Quale sarà la prossima?

Per la nuova drinklist mi sono ispirata alla contemporaneità.
Sarà un menù a base Emoji, in cui i drink non hanno un nome e neanche le ormai logorroiche e ridondanti descrizioni a cui siamo abituati con ingredienti che la maggior parte della clientela non conosce. Solo immagini, 3 aggettivi di descrizione gustativa che rappresentano il drink, tipo di bicchiere e gradazione alcolica.
Quanto siamo capaci di lasciarsi andare nelle scelte e farsi ispirare semplicemente da delle immagini? Quanto dipendiamo dalle parole per comprendere un gusto?
La mia vuole essere una sfida che principalmente ho testato su me stessa visto che sono la persona più indecisa a questo mondo davanti un menù (spesso, prima di andare in un ristorante o cocktailbar mi leggo il menù online a casa così che possa essere già pronta ad ordinare per non risichiare di metterci mezz’ora :D) e perché spesso sono consapevole di avere pregiudizi rispetto a determinati distillati o ingredienti. 
E’ un menù che si basa sulla fiducia.

Marco Triani

Nasce a Roma nel 1983, finiti gli studi decide di fare esperienza lavorativa all'estero, occupandosi di marketing nel settore del Food&Beverage in Germania, Spagna e Inghilterra. Co fondatore e responsabile commerciale di Italiana Liquori&Spiriti, progetto di importazione di distillati internazionali premium, esclusivi in Italia. Vive tra Roma e Perugia; collabora con alcuni dei più importanti cocktail bar italiani; i viaggi sono la sua più grande passione e il Martini il suo cocktail preferito.

Recent Posts

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By