Categories: mixologist in evidenza

intervista a Elena Urbani

Il 9 Maggio, dalle 18:00 in poi, in 5 locali di Pistoia, avrà luogo l’evento “A LONDON NIGHT IN PISTOIA”…

By FSB
3 Maggio, 2019 8:28 am

Il 9 Maggio, dalle 18:00 in poi, in 5 locali di Pistoia, avrà luogo l’evento “A LONDON NIGHT IN PISTOIA”

All’interno degli eventi collegati alla Tuscany Cocktail Week infatti,Sette Bartenders provenienti dai migliori locali di Londra, proporranno le loro creazioni al pubblico pistoiese, in perfetto stile londinese.

BarmanItalia ha deciso di intervistarli per voi, raccontandovi la storia di questi giovani barman italiani che tengono alta la bandiera del bel paese oltremanica. Vi presentiamo Elena Urbani

Ciao Elena, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei avvicinata al mondo dei cocktail?

Ho iniziato a lavorare dietro al bar puramente per caso: avevo 19 anni e già mi trovavo a Londra, mi ero licenziata dal locale in cui lavoravo come cameriera durante gli studi e stavo cercando un nuovo lavoro, quando vengo a sapere di un cocktail bar in centro in cerca di staff. Nonostante non avessi mai toccato un jigger in vita mia, partecipo ad una selezione di prova. Ovviamente non mi hanno assunta… però sono stata lì 2 ore ed una volta uscita l’unica cosa che riuscivo a pensare era “voglio fare questo lavoro per il resto della vita”. Quindi, poco tempo dopo, con il mio obiettivo fisso in mente, ho iniziato a Roma (la mia città natale) il mio primo corso di formazione da bartender. Da lì ho cominciato a lavorare in diversi locali nel centro della capitale, affiancando sempre corsi e masterclass; ma il vero salto di qualità l’ho avuto al bancone di “Baccano”, capitanato da Mario Farulla, che è stato certamente l’ambiente più creativo e stimolante in cui abbia lavorato fino ad ora. Dopo un anno trascorso qui, sempre dietro consiglio e sostegno di Mario, sono rientrata a Londra con lo scopo di confrontarmi con i migliori di questo settore e continuare a crescere professionalmente.

Ci racconti brevemente il locale dove lavori? Da quanto tempo ti trovi dietro questo bancone?

Ho iniziato a lavorare per Mr Fogg’s lo scorso settembre. Fra le sette diverse venue della compagnia mi trovo nell’unico gin bar: proponiamo una carta con 183 diversi gin da bere lisci o miscelati; allo stesso modo anche il menù signature, che presenta 10 drink ispirati a 10 diversi paesi del mondo, è base gin.

Come suggerisce il nome, il locale è ispirato alle avventure di Phileas Fogg, protagonista del racconto “Il giro del mondo in ottanta giorni” di Jules Verne: infatti entrando potrete ritrovarvi in un salotto in perfetto stile vittoriano, in cui verrete serviti da gonne vintage e corpetti. Un vero e proprio tuffo nel passato!

Da italiana a Londra, cosa è che ti piace del lavorare nella capitale britannica, e cosa invece ti manca dell’Italia?

Londra è indubbiamente la città delle opportunità, in cui chiunque valga, con tanto lavoro e determinazione, può crescere e raggiungere i propri obiettivi, superarli e porsene di più ambiziosi. È di certo anche la capitale del cocktail, punto di passaggio che consiglio a chiunque voglia intraprendere questa carriera. Quello che più amo qui è infatti la meritocrazia oltre al continuo evolversi ed espandersi della industry.  Riguardo ciò che mi manca dell’Italia potrei fare una lista infinita, da mamma che ti lascia la caffettiera pronta la mattina alla birra all’alba con gli amici di tutta la vita. Resta per me sempre e comunque il paese più bello del mondo.

Recent Posts

Intervista a Enrico Maestrini, Rare Cocktail House – Foligno

Foligno - Londra andata e ritorno Enrico è uno dei soci di Rare Cocktail…

By

Trinidad e Tobago rum storia

Per quanto riguarda gli esperti di rum, crediamo che possano essere più appassionati dei…

By

Il rum del Guatemala: Storia e produzione

La ricca storia del Guatemala è segnata non solo dall'ascesa e dalla caduta delle…

By

Il rum della Guyana, Storia e caratteristiche

Il rum Demerara proviene dalla Guyana, è prodotto sulle rive del fiume Demerara in…

By

Come funziona Column Still / alambicchi a colonna

Abbiamo dato un'occhiata alla relativa semplicità del distillatore Pot Still o alambicco discontinuo. Abbiamo…

By

Come funziona: Pot Still o Alambicco Discontinuo

Nonostante la proliferazione di smartphone, l'ingegneria genetica e la messa nello spazio delle persone,…

By

This website uses cookies.