Categories: mixologist in evidenza

Intervista a Enrico Maestrini, Rare Cocktail House – Foligno

Foligno - Londra andata e ritorno Enrico è uno dei soci di Rare Cocktail House uno dei Cocktail Bar più…

Gennaio 22, 2020 10:03 pm

Foligno – Londra andata e ritorno

Enrico è uno dei soci di Rare Cocktail House uno dei Cocktail Bar più innovativi e rivoluzionari di tutta l’Umbria che unisce tradizione ad innovazione senza dimenticare mai l’ngrediente principale e più importante di tutti chiamato sorpresa.

Come ti sei avvicinato al mondo del bar?

Figlio d’arte, mio padre è insegnante di Sala/Bar all’istituto alberghiero di Spoleto. Non ha mai voluto prendessi questa strada..inizialmente gli ho dato retta..poi a 23 anni ho accompagnato la mia ragazza di allora ad un corso di miscelazione base.. Da quel momento è scoccata la scintilla..finalmente avevo trovato uno scopo!
Non avevo esperienza, non ero capace, ma avevo tanta voglia di diventare bravo..e dopo qualche esperienza arrangiata in giro, avevo capito che se volevo fare sul serio dovevo andare a lavorare dove fanno sul serio!..Londra!

Partito a 25 anni con le uniche parole di inglese che conoscevo “I’m looking for job” ho trovato lavoro come barista per una nota marca di caffè Italiano, ma l’amore per lo shaker era troppo forte e dopo aver aggiunto qualche altro vocabolo d’inglese al mio dizionario, ho iniziato a lavorare in diversi locali Londinesi, spaziando tra hotel, lounge bar e speakeasy.

Oltre ad affinare la mia conoscenza e le varie tecniche, ho acquisito il vero senso della parola “Hospitality”
Dopo 7 anni passati oltre manica, mi ritrovo di nuovo a casa, dove con due soci pazzi gestiamo RARE, un locale che offre un esperienza a 360° nel mondo dei cocktail , dove misceliamo classico e innovativo, senza mai dimenticare un ingrediente fondamentale: la sorpresa!

Come potrebbe essere definito Rare? Un Cocktail Bar, uno Street Bar un Futuristic Bar, oppure?

Rare nasce come uno speakeasy ma con un occhio al futuro.
Luci soffuse, solo servizio ai tavoli, drink che nascono con un idea ben precisa e che vanno degustati con calma.
Rare è un bar che punta molto sull’esperienza da far vivere al cliente dall’esatto momento in cui varca la porta d’ingresso.

Cocktail innovativi e pieni di storytelling, come nascono le tue/vostre drink list?

Seguiamo uno schema ben preciso, una volta scelto il tema del prossimo menu, ci dividiamo i protagonisti e iniziamo a lavorare singolarmente su 3 cocktail a testa, dopo circa un mese ci confrontiamo e iniziamo a scambiarci idee su ognuno di essi.
Dopo circa due mesi i cocktail sono pronti e ci riserviamo un altro mese per definire ogni singolo dettaglio.
E’ un processo che coinvolge varie persone con cui collaboriamo, dalla realizzazione del design del drink alle foto, ai video.

A Natale hai proposto un drink chiamato “Waiting Santa”? Raccontacelo!

Sono partito dalla tradizione Americana di lasciare un bicchiere di latte e biscotti davanti al camino per l’arrivo di babbo Natale.
Volevo che trasmettesse un calore natalizio, fatto di profumi e aromi tipici di questa festa. Partendo dal Rum ho aggiunto, un “Christmas mix” fatto con un infusione di miele, cannella, zenzero e noce moscata.
Ho aggiustato la dolcezza con l’aggiunta di due home made bitter al cacao e arancia, ed ho colmato il tutto con del latte caldo schiumato.
Per i biscotti mi è piaciuto vincere facile, accompagnando il drink con 2 Nutella Biscuits.

Raccontaci qualcosa in più della nuova drink list ufficialmente in vigore dal 15 di gennaio.

Il menu Natalizio è stato uno strappo alla regola, ha avuto una durata complessiva di 40 giorni, ed ora siamo tornati al nostro format classico.
Per questo trimestre abbiamo scelto il tema “Grandi Menti” proponiamo 12 cocktail dedicati a 12 personaggi che hanno rivoluzionato la storia dell’umanità grazie alle loro scoperte e invenzioni.

Ecco a voi un esempio…

BENJAMIN FRANKLIN
Fu un pioniere in vari campi e soprattutto in quello riguardante l’elettricità, concentrandosi in particolare modo sullo studio dei fulmini.
Approfittò di un improvviso temporale per fare volare in cielo un aquilone di seta dotato di una punta metallica e attaccato ad un lungo filo alla cui estremità avrebbe annodato una chiave di ferro.
All’arrivo di un fulmine la punta dell’aquilone si carico elettricamente, la corda si irrigidì e quando il genio avvicino la sua mano alla chiave metallica, scocco subito una forte scintilla.
L’idea in questo caso era proprio di riprodurre l’esperimento, mi sono divertito a ricreare un piccolo aquilone sospeso sopra al bicchiere attaccato ad una chiave in ottone, ed inserito all’interno del drink un ghiacciolo Led per simboleggiare il passaggio di elettricità.
L’effetto “scintilla” invece è stato realizzato tramite l’infusione di 2 Jalapenõ con Tequila bianca e bilanciato con dell’aneto. Succo di lime fresco, sciroppo d’agave e una tonica al cetriolo terminano il drink.

Marco Triani

Nasce a Roma nel 1983, finiti gli studi decide di fare esperienza lavorativa all'estero, occupandosi di marketing nel settore del Food&Beverage in Germania, Spagna e Inghilterra. Co fondatore e responsabile commerciale di Italiana Liquori&Spiriti, progetto di importazione di distillati internazionali premium, esclusivi in Italia. Vive tra Roma e Perugia; collabora con alcuni dei più importanti cocktail bar italiani; i viaggi sono la sua più grande passione e il Martini il suo cocktail preferito.

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.