Categories: mixologist in evidenza

Intervista in esclusiva a Benjamin Cavagna bar manager del 1930.

Entrare nel 1930 è come tornare indietro nel tempo. Mobili vintage, sale a lume di candela e la migliore musica…

Aprile 21, 2020 9:36 pm

Entrare nel 1930 è come tornare indietro nel tempo. Mobili vintage, sale a lume di candela e la migliore musica dell’età del jazz. Il 1930 ricrea l’incantesimo originale di MaG, ma in un ambiente più rilassante e privo di stress. È orgoglioso di fare grandi classici ma anche suggestivi drink d’autore. Guidato dal bar manager Benjamin Cavagna, il suo menu di bevande si ispira alle varie parti del mondo che hanno definito la moderna mixologia.

Oggi incontriamo Benjamin Cavagna al quale ci siamo permessi di farli qualche domanda, ma non ditelo a nessuno shh…it’s a secret!

Raccontaci qualcosa in più di te, da dove vieni, come ti sei avvicinato al mondo del bar e come sei arrivato al 1930?

Nato e cresciuto a Lumezzane (Bs) con la passione per il calcio nelle vene, tanto da arrivare a giocare ad alti livelli. Decido di mollare tutto e seguire l’altra mia passione, lo studio dei distillati e la voglia di stare al bar. Da Brescia mi sposto, direzione Milano! Durante l’università inizio a conoscere i migliori bar della città e finisco per incontrare, conoscere e lavorare al fianco di Flavio e Marco. Ed eccoci qui!

-Qual è l’insegnamento più importante che hai imparato lavorando al 1930?

Perseveranza. Mai mollare, credere nella propria filosofia e avere anche la forza di ascoltare chi da dei consigli.

-Il 1930 è al numero 44 della fifty best bar, quali sono gli ingredienti per raggiungere questo risultato? Qualche consiglio.

Non esistono veri e propri ingredienti per arrivare in questa rinomata lista. Se esistono, ditemeli così l’anno prossimo si arrivano più in alto ancora.
Importante sicuramente è viaggiare. Il viaggio ti fa scoprire culture nuove e diverse dalla propria, ti fa conoscere persone nuove e ti fa visitare luoghi nuovi. Il viaggio è anche un mezzo per raccontare all’estero che cosa succede nel nostro bar e nella nostra Farmily.

Cosa reputi più importante tra: tecnica, ospitalità o innovazione? E perché

Ospitalità perché senza di essa tecnica e innovazione non possono essere sfruttate e valorizzate. Lavoriamo con macchinari e prodotti, ma soprattutto con persone.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente, cocktail designer e menù, promotore per aziende. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Gabriele Tammaro ci racconta la sua esperienza al mondiale IBA

Ciao Gabriele, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi? Ho iniziato nel…

By

Dry Martini cocktail? Risponde Lucio D’Orsi del Dry Martini Sorrento

Lucio D’Orsi, classe 1979, è oggi l’anima del Majestic Palace Hotel di Sorrento. Lo…

By

Intervista a Marco Macelloni del Franklin 33 di Lucca.

Incontriamo Marco comproprietario del Franklin 33 di Lucca, Marco ci parla della sua esperienza…

By

Intervista a Luca Angeli Bar Manager del Four Seasons Milano

Luca Angeli, cosmopolita per lavoro ma molto attaccato alla sua città di origine, Carrara,…

By

Intervista a Carola Abrate bartender a La Drogheria e Work travel

Ciao Carola, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi. Ciao Andrea! innanzitutto,…

By

Cosa sono i Tiki? Carriero Elis esperto internazionale risponde

I Tiki in questo momento sono cocktails sulla bocca di tutti i bartender professionisti,…

By

This website uses cookies.