Categories: Merceologia

Isola di Curaçao e un liquore nato per caso

Quando si tratta dell'isola di Curaçao e dei cocktail, la storia inizia con un certo liquore blu. Un liquore blu…

Gennaio 3, 2020 12:21 am

Quando si tratta dell’isola di Curaçao e dei cocktail, la storia inizia con un certo liquore blu. Un liquore blu che non è originariamente di colore blu, ma ci arriveremo più tardi.

C’è solo qualcosa sulle isole dei Caraibi e sui cocktail, giusto? Deve avere a che fare con le vibrazioni delle vacanze, in tali destinazioni e il clima delizioso e soleggiato tutto l’anno. Sì, è esattamente così. Il clima naturale di Curaçao e dei Caraibi in generale favorisce la crescita dei prodotti necessari per gli iconici cocktail alcolici che molti di noi hanno imparato a conoscere e ad amare.

I cocktail sono stati prodotti nei Caraibi e per i Caraibi e oggi vogliamo presentarvi una breve e deliziosa storia di uno dei più famosi liquori dell’isola caraibica – Curaçao, dall’isola di Curaçao.

Per risalire alle origini dell’isola di Curaçao, dobbiamo tornare alla fine del 1400. Durante questo periodo, gli spagnoli “scoprirono” l’isola di Curacao e furono entusiasti della prospettiva di avere più terra per piantare le loro deliziose arance di Valencia.

Tuttavia, i piani meglio elaborati spesso vanno male e, con sgomento degli spagnoli, il clima desertico di Curaçao non ha creato le condizioni ideali di crescita di Valencia.

Il caldo intenso dell’isola ha reso amare le arance normalmente dolci. Il progetto è stato abbandonato e si dice che nemmeno il bestiame dell’isola avrebbe mangiato le arance amare.

Ma poi, i peeling sono stati scoperti

Decenni dopo, qualcuno scoprì che le bucce delle arance amare contenevano oli eterici, che emanavano un gradevole profumo.

Questo parente ormai distante dell’arancia di Valencia ha un nuovo nome: Laraha, che si trova solo sul Curaçao.

Difficile dire chi ha tecnicamente scoperto l’uso della buccia di Laraha nello sviluppo del liquore. Indipendentemente da ciò, una deliziosa creazione proviene da un tentativo agricolo fallito, e ora a distanza di secoli, i vacanzieri hanno potuto assaporarne il sapore.

Talvolta il motivo per cui il Curaçao (liquore) è blu è perché qualcuno lungo la strada ha deciso di tingerlo. Il Curacao è anche noto per essere arancione, rosso o verde. Il suo colore naturale è chiaro. I colori divertenti sono proprio questo – per divertimento!

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.