Categories: Cocktails Classici

Jungle Bird

Jungle Bird Servire: Old-fashioned 4.5 cl Goslings Black Seal Rum 2 cl Campari Bitter 1.5 cl Succo di lime 1…

Aprile 28, 2019 12:39 am

Jungle Bird

Servire: Old-fashioned

4.5 cl Goslings Black Seal Rum

2 cl Campari Bitter

1.5 cl Succo di lime

1 cl zucchero liquido

4.5 cl centrifugato di ananas

Metodo: shaker, versare in un bicchiere riempito con ghiaccio tritato.

Guarnizione: Cuneo di ananas (idealmente tagliato per assomigliare al piumaggio di un uccello) e ciliegia

Commenti: Agrodolce e fruttato con note di rum pungenti sorseggiate attraverso il ghiaccio tritato.

Storia: 1989 La New American Bartender’s Guide di John J. Poister conferma questo cocktail in stile Tiki come originario presso il Kuala Lumpur Hilton dove è stato creato come drink di benvenuto per l’inaugurazione dell’hotel il 6 luglio 1973 dal Beverage Manager, Jeffrey Ong.
La New American Bartender’s Guide specifica la seguente ricetta:

11/2 oz Rum scuro
3/4 oz Campari
4 oz succo di ananas
1/2 oz di succo di lime
1/2 oz sciroppo di zucchero o a piacere

Con l’istruzione di mescolare tutti gli ingredienti “con ghiaccio screpolato in uno shaker o frullatore e servirlo in uno speciale contenitore per ceramiche o utilizzare un bicchiere di Hurricane refrigerato, guarnire con una ciliegia, una fetta di arancia, limone e un’orchidea”.

Il bar dell’hotel si chiamava Aviary, quindi il nome di Jungle Bird era appropriato, in particolare perché gli ospiti potevano vedere gli uccelli tenuti in una zona retata vicino alla piscina attraverso un pannello di vetro nel bar. Gli uccelli furono infine liberati dal direttore generale colombiano dell’hotel, Ricardo Tapia, mentre l’hotel stesso divenne il Crowne Plaza Mutiara, prima di essere demolito nel 2013 per far posto allo sviluppo.

La riscoperta e la popolarità del Jungle Bird è stata molto favorita dalla sua apparizione nell’influente libro Intoxica di Jeff “Beachbum” Berry. In effetti, da allora è diventato qualcosa come un cocktail nazionale in Malesia, come riportato da Kim Choong nel ThirstMag.com.

Jeffrey Ong è scomparso il 26 febbraio 2019, all’età di 71 anni, una specie di eroe nazionale, con il quotidiano nazionale che lo descriveva come “il creatore del cocktail classico l’unico riconosciuto a livello internazionale della Malesia”.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.