Categories: Merceologia

La Bottiglia nei liquori e distillati

Come nella naturale conseguenza della cura e professionalità posta in essere nell'elaborato processo di lavorazione dei liquori, per questi ultimi…

Febbraio 12, 2012 2:18 am
Come nella naturale conseguenza della cura e professionalità posta in essere nell’elaborato processo di lavorazione dei liquori, per questi ultimi vengono appunto create delle bottiglie spesso di finissima lavorazione, le maggiormente utilizzate sono la Borgognona leggermente modificata e la Bordolese con collo più o meno lungo.
Il suo colore può essere bianco ma per proteggerlo dalla luce spesso è verde, contrariamente ai vini non esiste una precisa tipologia di bottiglia per i distillati ma nel passato essi essendo considerati l’essenza preziosa e rara di procedimenti spesso segreti erano quindi contenuti in bottiglie di Cristallo nelle cui produzioni più importanti legate a qualche famiglia Aristocratica o Casa Regnante  i suoi intarsi erano arte pura e  tuttora sono pezzi da collezione di grande valore.
Ai giorni nostri si ripercorre la strada del nobilitare il distillato con bottiglie particolari e lussuose utilizzando talvolta il cristallo e l’oro zecchino spesso per tipologie pregiatissime o per produzioni legate a eventi storici di primissimo rilievo.
Nella produzione commerciale delle bottiglie ricordiamo i nomi di spicco tra cui la Jeroboam in grado di contenere tre litri di Champagne o di Vino e il cui nome è legato al Re di Israele ne IX secolo, ancora ricordiamo la Nabuchodonosor di una straordinaria capacità pari a 15 litri di Champagne, la Lirica dal corpo cilindrico spalla pronunciata e collo relativamente lungo capacità di 0,50 cl adatta per il contenimento dei Liquori, ricordiamo le bottiglie Muranesi conservate ed ammirabili ancor oggi nei musei, del tipo Calcedonia per la loro colorazione tipica dal collo lungo e pancia a cipolla, fatto storico è che appunto Murano fu il primo laboratorio per la produzione delle bottiglie grazie al contatto commerciale tra Venezia e l’Oriente dove appunto in Siria i ricercatori hanno rilevato le prime produzioni di bottiglie prodotte con la particolare tecnica del soffio.
Definiamo quindi la “semplice” Bottiglia come elemento  e contenitore prezioso per  la vita quotidiana e commerciale dell’uomo dalle antichità sino ai nostri giorni.
Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.