Categories: Merceologia

La cerimonia del tè Ataya in Senegal

Il tè Ataya è uno degli elementi chiave del famoso Teranga, un'ospitalità così cara al cuore del popolo senegalese. Data…

Settembre 3, 2019 8:24 am

Il tè Ataya è uno degli elementi chiave del famoso Teranga, un’ospitalità così cara al cuore del popolo senegalese. Data la sua importanza per la cultura, l’Ataya è soprattutto un pretesto per incontrarsi e conversare, passare del tempo insieme e parlare. È anche il momento per incontrare persone nuove. È un momento di grande vivacità e amicizia.

Ogni giorno da metà pomeriggio fino a tarda sera, gruppi di giovani uomini, spesso raggiunti da donne, si riuniscono sotto gli alberi di Palaver per incontrarsi e bere l’Ataya.

Mentre bevono il tè, le persone seguono una consueta sceneggiatura: il primo drink (Eweul) è amaro, il secondo (Niarel) è dolce e il terzo (Tarhis) è molto dolce.

Di solito, i giovani preparano gli Ataya. È estremamente raro vedere un padre che prepara il tè. Molti “anziani” non desiderano fare l’Ataya perché vedono la spensierata felicità di un giovane che non riesce a trovare niente di meglio da fare.

Sia preparare che bere l’Ataya è un’attività di gruppo, e non è raro che molti a turno partecipino alla sua preparazione. Inoltre, non sono necessariamente gli abitanti della casa a preparare il tè; gli ospiti sono tenuti ad aiutare. Fare il tè è principalmente un compito maschile, anche se le ragazze aiutano in alcune occasioni.

La canzone “Ataya” del gruppo hip-hop senegalese Positive Black Soul spiega ogni aspetto riguardante la cerimonia del tè. Ci sono persino programmi televisivi che prendono in prestito il nome Ataya, dimostrando che è più di una cerimonia del tè, è un elemento indispensabile per promuovere la pace e la felicità nel paese. Quando vai in Senegal, non dimenticare di prendere parte a questo importante rituale!

In generale tutti coloro che sono presenti prima della preparazione o tutti i clienti abituali partecipano finanziariamente all’acquisto dei diversi ingredienti dell’ataya: il tè Saddam, il carbone della stufa, lo zucchero e la menta. Il prezzo di un ataya pomeridiano per cinque o sei persone raramente supera 1,50 euro. La partecipazione di ciascuno è quindi piuttosto bassa.

Di solito tutti i presenti all’inizio della riunione e che possono farlo contribuiscono finanziariamente all’acquisto dei diversi ingredienti:

Tè verde (warga), zucchero (soucar), menta (nana) e carbone dalla stufa (Kerin).

La sua preparazione e la sua degustazione, è sempre accompagnate da lunghe discussioni.

Durante il processo, le foglie di tè verde vengono messe in una teiera con acqua, foglie di menta e fatte bollire su una stufa a carbone. Lo zucchero viene aggiunto alla teiera e il tè viene versato in piccoli bicchieri da una certa altezza e quindi versato avanti e indietro dal bicchiere alla teiera più volte in modo che la schiuma appaia nel bicchiere. Più spessa è la schiuma, migliore è il tè.

Il primo bicchiere di tè tende ad essere piuttosto amaro, il secondo è più dolce e il terzo è molto dolce con un sapore di tè debole perché lo stesso tè e le foglie di menta sono impregnate per preparare tutti e tre i bicchieri.

È quindi necessario prendersi il tempo di sedersi sotto l’albero di palaver o nel cortile della concessione per trascorrere un pomeriggio tranquillo.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tre domande a Pietro Privitera

Pietro Privitera - Head Bartender al Belmond Villa Sant'Andrea – Taormina, ci racconta la…

By

Roma Bar Show 23 e 24 settembre 2019

Si terrà a Roma,lunedì 23 e martedì 24 settembre 2019, presso il Palazzo dei…

By

Golden Dawn cocktail storia e ricetta

Il primo concorso internazionale di cocktail si tenne a Londra nel 1930, mentre gli…

By

Dal Post proibizionismo Americano ad oggi

Per i bartenders, in particolare quelli che comprendono l'impatto significativo che il proibizionismo ha…

By

Amaro Ramazzotti la storia

Bitter. La parola significa "amaro" in italiano. Ma è anche il nome di un…

By

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

This website uses cookies.