Categories: La professione

La divisa del barman

La divisa ci permette di essere identificati più facilmente dalla nostra clientela, la quale nel momento del bisogno potrà richiamare…

Novembre 24, 2010 3:14 am

La divisa ci permette di essere identificati più facilmente dalla nostra clientela, la quale nel momento del bisogno potrà richiamare la propria attenzione al personale di servizio.
Ci sono delle regole molto importanti per la divisa che non devono essere trascurate, poiché essa traspare la nostra professionalità.

Le scarpe:
Assolutamente di cuoio, nere e tacco basso, da preferire modelli classici mai estrosi. Il cuoio favorisce la respirazione del piede favorendo una corretta igiene del piede. Il tacco è utile alla schiena la quale Vi ringrazierà a ogni fine servizio. Il colore è il più pratico ma allo stesso tempo elegante, molto importante che siano ben curate, dicono che le scarpe rispecchiano l’igiene di una persona, prestate sempre molta attenzione.

I calzini:
Neri e sempre lunghi (estate e inverno), non va aggiunto niente è questione di stile e buon gusto.

3) Pantalone / gonna
Il pantalone sempre lungo, la gonna sotto il ginocchio, linee per entrambi non estrose ma tendenzialmente elegante. Mai pantaloni jeans o altri materiali non a uso professionale.

4) La camicia
Da preferire senza dubbi la camicia, a maniche lunghe (estate inverno) meglio se sempre chiusa, al massimo con una rivolta della manica. Questione d’igiene e buon gusto.

Giacca:
Sempre gradita.

Cravatta e papillon:
A discrezione del locale la scelta.

Tutti gli indumenti devono presentarsi decorosi, stirati e puliti, come anche la nostra persona.
Un particolare molto importante se abbiamo l’usanza di cambiarci a lavoro è di uscire di casa con abiti da pre-lavoro, dobbiamo essere consapevoli che il cliente giudica la nostra professionalità anche quando non stiamo effettivamente lavorando, basta avere certe accortezze e buonsenso.
Chi ha scelto questa professione deve essere cosciente che l’immagine, l’accuratezza ed eleganza sono elementi che non possiamo dimenticarci a casa.

Super User

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Ago Perrone e Giorgio Bargiani svelano la nuova cocktail list del Connaught Bar di Londra

Dopo la tanto attesa riapertura di settembre 2020 e l’annuncio della vittoria di Best…

By

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna

Intervista a Elena Montomoli, barmanager di Casa Minghetti a Bologna e la sua drink…

By

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By