Categories: Miscelazione

La salvia nei cocktail

Se stai limitando il consumo di salvia per le tue vacanze in Turchia, ti stai davvero perdendo dei sapori esplosivi.…

Maggio 26, 2019 12:25 am

Se stai limitando il consumo di salvia per le tue vacanze in Turchia, ti stai davvero perdendo dei sapori esplosivi. I cocktail salati offrono un sapore pungente e un’intensa potenza aromatica che cattureranno davvero le tue papille gustative.

Oggi la salvia è comunemente usata in cucina, ma come la maggior parte delle erbe le sue radici sono iniziate con l’uso medicinale. Il termine salvia deriva in realtà dalla parola latina “salia” che significa “salvare”. Infatti i Greci e i Romani la usavano per curare i morsi di serpente mentre nel Medioevo usavano la salvia per curare ogni cosa, dal raffreddore all’epilessia.

Che sapore ha la salvia?

La salvia ha un sapore molto forte e distinto, con note di eucalipto e agrumi. Alcuni descrivono il gusto della salvia come “pepata”, ma pensiamo che possa dipendere dalla varietà o dal lotto specifico che si campiona. Considerata un’erba robusta, la salvia viene spesso utilizzata in alimenti che includono pollame, maiale e pesce.

In genere scoprirai che la salvia fresca è molto diversa dalla varietà essiccata, motivo per cui dovresti usare esclusivamente la quella fresca per i cocktail alla salvia.

Il sapore distinto e terroso della salvia funziona bene con un numero di cocktail diversi, ma potrebbe essere necessario sperimentare per trovare quello che ti colpisce di più. Abbiamo scoperto che offre un piacevole contrasto con i sapori dolci o acidi e alcune ricette includono ananas, mela e agrumi (limone, lime e arancia).

Possiamo creare uno sciroppo o infonderla in uno spirito, i risultati saranno diversi a livello organolettico ma comunque sempre per cocktail molto eleganti. Non dimentichiamo inoltre che avendo un gusto molto forte possiamo sempre utilizzarla fresca al momento con un pestello direttamente nel bicchiere.

Possibili effetti collaterali

La salvia ha numerosi effetti positivi sul nostro corpo ma anche negativi, meglio prendere le giuste precauzioni: non deve essere consumata da donne incinte o che allattano o da persone che hanno attacchi epilettici.

La pianta è tossica in eccesso o se assunta per lunghi periodi, sebbene la dose tossica sia molto grande.

La salvia non dovrebbe essere usata per sopprimere il sudore nelle febbri.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Emporio Armani Caffè presenta: i nuovi cocktails con cibo in abbinamento

In occasione della Bologna Cocktail Week Emporio Armani Caffè e Ristorante presenta i nuovi…

By

Tre domande a Paolo Manna di Donna Romita – Alcolici&cucina di Napoli

Ciao Paolo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come…

By

Suffering Bastard cocktail storia e ricetta

La storia del Suffering Bastard è molto interessante non solo riguardo al cocktail, ma anche…

By

Brainstorm Cocktail storia e ricetta

Il Brainstorm Cocktail è uno dei classici del pre-proibizionismo di Hugo Ensslin, pubblicato per…

By

Le differenze tra Cognac e Armagnac

Sorseggiare un bicchiere di distillato francese è un modo semplice e di classe per…

By

Tre domande a Flavio Giamporcaro

Bartender palermitano opero nel settore da circa 12 anni . Ho iniziato questo lavoro…

By

This website uses cookies.