Categories: Storia dei cocktails

La storia degli shots

Potremmo non ricordare la storia di quello che è successo dopo che abbiamo bevuto degli shot, ma la storia degli…

Marzo 4, 2019 11:10 pm

Potremmo non ricordare la storia di quello che è successo dopo che abbiamo bevuto degli shot, ma la storia degli shot non è così torbida.

Quando diciamo “shot”, ovviamente, stiamo parlando di “shooters” – quei minuscoli drink miscelati e serviti da un’oncia o due. Gli shot sono diversi dagli shooters base – un’oncia di spirito straight – mentre lo shooters viene solitamente mescolato con qualcosa (e di solito qualcosa di stucchevolmente dolce). E gli shooters in realtà sono emersi abbastanza di recente, intorno agli anni ’70, un periodo oscuro nella storia della cultura degli spiriti. L’origine del straight shot risale a molto tempo più lontano.

Gli shooters sono nati dopo la fine dell’era dei cocktail degli anni ’50 e ’60, un periodo in cui la generazione successiva era molto più interessata alle droghe ricreative rispetto alle bevande forti dei loro genitori. Combinando gli spiriti relativamente poco ispiranti e non entusiasmanti con sciroppi, con i nomi basati sui risultati. Le società di liquori sono state in grado di rebranding l’esperienza – e lo scopo generale – dell’alcol puro per tenere il passo con il fascino delle droghe. Il distillato divenne fondamentalmente qualcosa da mascherare con lo qualcosa di molto dolce oppure abbattuto e inseguito con birra altrettanto poco invitante. L’importanza non era il gusto, ma l’effetto.

Paragonalo ad oggi, dove le distillerie artigianali stanno spuntando in tutto il paese, gareggiando per portare il miglior piccolo gruppo di vodka o gin botanicamente infuso ad un mercato già affollato, puoi vedere un’enorme disparità nella cultura del bere nel corso dei decenni. Non che gli shooters o gli shots siano diventati irrilevanti. Esistono ancora e vengono ancora richiesti in abbondanza (anche fatalmente) da un pubblico spesso troppo giovane. Il loro posto nella cultura del bere sarà sempre un pò discutibile, poiché entrambi sono apertamente orientati verso un consumo rapido, generalmente sconsiderato e incoraggiano una cultura di rapida e pericolosa assunzione di alcol.

Vale a dire, c’è assolutamente un tempo e un posto. Ma c’è anche sicuramente un limite.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Emporio Armani Caffè presenta: i nuovi cocktails con cibo in abbinamento

In occasione della Bologna Cocktail Week Emporio Armani Caffè e Ristorante presenta i nuovi…

By

Tre domande a Paolo Manna di Donna Romita – Alcolici&cucina di Napoli

Ciao Paolo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come…

By

Suffering Bastard cocktail storia e ricetta

La storia del Suffering Bastard è molto interessante non solo riguardo al cocktail, ma anche…

By

Brainstorm Cocktail storia e ricetta

Il Brainstorm Cocktail è uno dei classici del pre-proibizionismo di Hugo Ensslin, pubblicato per…

By

Le differenze tra Cognac e Armagnac

Sorseggiare un bicchiere di distillato francese è un modo semplice e di classe per…

By

Tre domande a Flavio Giamporcaro

Bartender palermitano opero nel settore da circa 12 anni . Ho iniziato questo lavoro…

By

This website uses cookies.