Categories: Miscelazione

La storia del ghiaccio nel bar

La prossima volta che fai un cocktail, fai attenzione al tuo ghiaccio. Non solo è la chiave per offrire un…

Febbraio 15, 2018 9:15 pm

La prossima volta che fai un cocktail, fai attenzione al tuo ghiaccio. Non solo è la chiave per offrire un servizio di alto livello, ma nasconde anche una storia affascinante.

Di tutti i componenti che si sommano a un cocktail, il ghiaccio è quello che i barman sono più inclini a ignorare.

Da un lato, questo atteggiamento blasé è un segno di quanto siamo arrivati ​​lontano. Grazie in parte a influenti barman come Dick Bradsell, che ha contribuito a spianare la strada al risveglio dei cocktail londinesi negli anni ’80 e ’90, ora è scontato che i cocktail bar producano ghiaccio di alta qualità.

D’altro canto, non dovremmo dare per scontata la prevalenza del ghiaccio. Dopo tutto, i cocktail con il ghiaccio sono un’innovazione relativamente recente – e la storia del ghiaccio è piena di affascinanti colpi di scena.

Per secoli il ghiaccio non era solo una rarità: era prezioso e costoso quanto i gioielli. Mentre Londra beve la scrittrice Alice Lascelles nel suo fantastico libro, Ten Cocktails: The Art of Convivial Drinking, “il ghiaccio è rimasto un lusso duramente conquistato” fino a tempi relativamente recenti. Quanto è stato duramente conquistato? Gli europei si sono dovuti arrampicarsi sulle Alpi per cercarlo (e trasportato all’asino). Ciò significava che, per tutti tranne che per i più ricchi, le bevande ghiacciate semplicemente non erano a portata di mano.

Non è stato fino al 19° secolo che le cose hanno cominciato a cambiare, dice Lascelles. Fu allora che un americano di nome Frederic Tudor iniziò a raccogliere blocchi di ghiaccio dai laghi del New England, che furono poi spediti in destinazioni come New Orleans (e persino in località lontane come l’India). Di conseguenza, i bevitori di cocktail degli Stati Uniti hanno iniziato a sviluppare un gusto per le bevande fredde.

I blocchi di ghiaccio – enormi e cristallini – erano essi stessi una meraviglia e una curiosità. “Quando un unico blocco di 12 x 18 pollici è stato esposto in una vetrina di Londra sullo Strand nel 1845, ha causato scalpore”, scrive Lascelles. Altri racconti dell’epoca descrivono i londinesi che si riuniscono con meraviglia per fissare il ghiaccio per tentare di toccarlo per assicurarsi che non fosse di vetro.

Nello stesso periodo, il bar del Brunswick Hotel – il primo “American bar” ad aprire nel Regno Unito – è nato a Liverpool e ha ottenuto consensi per i suoi gelidi juleps e cobblers. Presto, seguì una lista di altri American bars, tra cui l’American Bar al Savoia. Il ghiaccio, è diventato evidente, non era semplicemente una tendenza: la fiorente cultura del cocktail di oggi semplicemente non esisterebbe senza di essa.
Ma mentre non dobbiamo più camminare su vette e laghi lontani per trovare il nostro ghiaccio, questo non significa che dovremmo darlo per scontato.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.