Categories: Miscelazione

La storia del ghiaccio nel bar

La prossima volta che fai un cocktail, fai attenzione al tuo ghiaccio. Non solo è la chiave per offrire un…

Febbraio 15, 2018 9:15 pm

La prossima volta che fai un cocktail, fai attenzione al tuo ghiaccio. Non solo è la chiave per offrire un servizio di alto livello, ma nasconde anche una storia affascinante.

Di tutti i componenti che si sommano a un cocktail, il ghiaccio è quello che i barman sono più inclini a ignorare.

Da un lato, questo atteggiamento blasé è un segno di quanto siamo arrivati ​​lontano. Grazie in parte a influenti barman come Dick Bradsell, che ha contribuito a spianare la strada al risveglio dei cocktail londinesi negli anni ’80 e ’90, ora è scontato che i cocktail bar producano ghiaccio di alta qualità.

D’altro canto, non dovremmo dare per scontata la prevalenza del ghiaccio. Dopo tutto, i cocktail con il ghiaccio sono un’innovazione relativamente recente – e la storia del ghiaccio è piena di affascinanti colpi di scena.

Per secoli il ghiaccio non era solo una rarità: era prezioso e costoso quanto i gioielli. Mentre Londra beve la scrittrice Alice Lascelles nel suo fantastico libro, Ten Cocktails: The Art of Convivial Drinking, “il ghiaccio è rimasto un lusso duramente conquistato” fino a tempi relativamente recenti. Quanto è stato duramente conquistato? Gli europei si sono dovuti arrampicarsi sulle Alpi per cercarlo (e trasportato all’asino). Ciò significava che, per tutti tranne che per i più ricchi, le bevande ghiacciate semplicemente non erano a portata di mano.

Non è stato fino al 19° secolo che le cose hanno cominciato a cambiare, dice Lascelles. Fu allora che un americano di nome Frederic Tudor iniziò a raccogliere blocchi di ghiaccio dai laghi del New England, che furono poi spediti in destinazioni come New Orleans (e persino in località lontane come l’India). Di conseguenza, i bevitori di cocktail degli Stati Uniti hanno iniziato a sviluppare un gusto per le bevande fredde.

I blocchi di ghiaccio – enormi e cristallini – erano essi stessi una meraviglia e una curiosità. “Quando un unico blocco di 12 x 18 pollici è stato esposto in una vetrina di Londra sullo Strand nel 1845, ha causato scalpore”, scrive Lascelles. Altri racconti dell’epoca descrivono i londinesi che si riuniscono con meraviglia per fissare il ghiaccio per tentare di toccarlo per assicurarsi che non fosse di vetro.

Nello stesso periodo, il bar del Brunswick Hotel – il primo “American bar” ad aprire nel Regno Unito – è nato a Liverpool e ha ottenuto consensi per i suoi gelidi juleps e cobblers. Presto, seguì una lista di altri American bars, tra cui l’American Bar al Savoia. Il ghiaccio, è diventato evidente, non era semplicemente una tendenza: la fiorente cultura del cocktail di oggi semplicemente non esisterebbe senza di essa.
Ma mentre non dobbiamo più camminare su vette e laghi lontani per trovare il nostro ghiaccio, questo non significa che dovremmo darlo per scontato.

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

L’Unione Europea approva il disciplinare del Vermouth di Torino

A due anni dalla pubblicazione in Italia, la Commissione Europea ha terminato la valutazione…

By

Le nostre interviste: The Rum e Whisky Day 2019

Domenica 28 e lunedì 29 ottobre si è svolta a Milano, nella location data…

By

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

Stravecchio XO: il cuore del tempo

Milano, 13 novembre 2019 – Fratelli Branca Distillerie presenta Stravecchio Branca XO, il brandy…

By

This website uses cookies.