Categories: La professione

Lamentarsi non è una buona strategia

Lamentarsi non è una buona strategia dice Jeff Bezos, in questo articolo non parleremo di marketing ma di cosa bisogna…

Novembre 11, 2018 12:19 am
Lamentarsi non è una buona strategia

Lamentarsi non è una buona strategia dice Jeff Bezos, in questo articolo non parleremo di marketing ma di cosa bisogna fare per diventare un barman apprezzato. Partiamo dalla frase iniziale, non lamentarti mai, se in questo momento non sei dove vorresti essere, vuol dire che non hai ancora acquisito le qualità necessarie per quel dato lavoro. Partiamo da questo punto di fatto e non cerchiamo altre scuse. L’unica cosa che puoi fare è cambiare te stesso fino a quando non sarai pronto.

Una cosa semplice che puoi fare adesso è leggere, parlare con altri colleghi o studiare una lingua straniera ecc. Ma non sarà sufficiente se il tuo obiettivo e alto. Per migliorare il futuro devi perfezionare il presente, in pratica non devi fare del tuo meglio, devi dare il tuo massimo, in tutte le circostanze, devi fare in modo che anche i tuoi colleghi dicano “che cosa gli sta succedendo?”

Velocità
Come fanno i piloti di formula uno? Misurano il tempo chi è più veloce vince, devi fare la stessa cosa, semplice. Pensa come migliorare i tuoi tempi, sii scattante e in fine misura i risultati.
Non fermarti mai, devi essere sempre in movimento c’è sempre qualcosa da fare, sii proattivo. Non distrarti mai guardando i tuoi colleghi mentre si lamentano (non serve a nulla).

Qualità
Offri sempre e solo prodotti di qualità, se per esempio stai facendo un caffè e ti accorgi che non è venuto bene, lo devi rifare. Devi dire a te stesso io sono un professionista e la persona davanti a me è la persona più importante al mondo, perché mi ha scelto e voglio che domani ritorni e se in quel momento non ci sono chiederà di me.

Lavora in silenzio
Questa è una buona strategia, per sviluppare una buona sensibilità bisogna stare attenti a tutto e parlare distrae, specialmente se gli argomenti non sono proprio consoni al lavoro che stiamo svolgendo. Inoltre ascoltare i clienti aiuta molto a capire le loro aspettative e di conseguenza offrigliele prima che ci vengano chieste. Il miglior servizio clienti è quando il cliente non ha bisogno di chiamarti, non ha bisogno di parlare con te.

Vai avanti e guarda il tuo vero obiettivo
Vai avanti e guarda soltanto i tuoi clienti, loro sono il tuo pane. Tutto quello che fai lo farai per loro. Concorsi, masterclass e altre attività le farai per loro, cercando di capire per esempio se quel cocktail che hai portato a quel contest può essere applicato anche nel lavoro di tutti i giorni, quindi dovrà essere innovativo ma relativamente semplice nell’esecuzione.

Risolvi i problemi, diventerai insostituibile
Non servono persone che si lamentano ma persone che risolvano i problemi, se riesci ad essere una persona così il tuo datore di lavoro, i colleghi e sopratutto i tuoi clienti parleranno bene di te. In pratica con una parola ti faranno pubblicità.

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By