Categories: Prodotti

Latte di cocco per Piña Colada? Coco Lopez l’ingrediente originale

Il cuore della noce di cocco è stato a lungo un ingrediente importante in molti deliziosi dessert delle isole tropicali.…

Gennaio 6, 2020 1:01 am

Il cuore della noce di cocco è stato a lungo un ingrediente importante in molti deliziosi dessert delle isole tropicali. Il problema era ottenere il latte di cocco, cosa più facile a dirsi che a farsi.

Don Ramon Lopez Irizarry decise di trovare un modo più semplice per farlo. Nel suo piccolo laboratorio a Puerto Rico, ha sviluppato l’originale Coco Lopez fondendo la deliziosa latte di cocco dai cuori delle noci di cocco caraibiche con una proporzione esatta di zucchero di canna naturale. Irizarry lasciò l’università e iniziò commercializzare il suo prodotto, che alla fine si fece strada nei supermercati locali dell’isola.

Oltre mezzo secolo fa, Don Ramon Lopez-Irrizarry sviluppò l’originale Coco Lopez. Vivendo a Puerto Rico, Don Ramon ha cercato un modo per rendere più facile il godimento della polpa di cocco. Fino ad allora, raggiungere il cuore della noce di cocco era un compito piuttosto arduo. La Polpa dolce e bianca di cocco era protetta da una crosta dura come una conchiglia e doveva essere rotta al momento giusto per ottenere il sapore più intenso.

Nel suo piccolo laboratorio, Don Ramon ha lavorato e sviluppato Coco Lopez, una deliziosa crema omogeneizzata ottenuta dalla tenera polpa di cocco e miscelata con l’esatta proporzione di zucchero naturale, alla perfetta combinazione di pressione e temperatura, ottenendo una crema di cocco vellutata. Il piccolo impianto è stato in grado di produrre circa 20 barattoli al giorno, la lavorazione di circa 300 noci di cocco. L’etichetta sulla lattina mostra una foto scattata dal nipote di Don Ramon di una scena tropicale, cielo e palme. Una metà aperta di cocco è stata messa sulla parte superiore della foto e l’attuale design dell’etichetta si basa ancora sulla foto originale.

Coco Lopez divenne rapidamente molto apprezzato sull’isola, usato dai residenti per preparare piatti tradizionali dell’isola. Fu anche usato come base per una favolosa bevanda tropicale chiamata Piña Colada. Alcuni barman (uno a Barra China in Old San Juan e l’altro al The Caribe Hilton a San Juan) dichiarano di essere gli inventori della BEVANDA UFFICIALE DI PUERTO RICO, come proclamato dal Dipartimento del Turismo di Puerto Stecca. Ma non c’è dubbio che la combinazione unica di Coco Lopez Cream of Coconut, succo di ananas e rum Portoricano si rivela il cocktail tropicale naturale più rinfrescante che tu abbia mai avuto.

Con l’aumentare della popolarità di Coco Lopez, la piccola fabbrica di Don Ramon non riuscì a tenere il passo con la domanda. Alla fine degli anni ’60, Coco Lopez e Inudstrias La Famosa, i più grandi trasformatori di prodotti in scatola di Puerto Rico, accettarono di unire le forze per l’obiettivo di aumentare della produzione su larga scala di Coco Lopez.

Negli ultimi anni, i Caraibi sono diventati la destinazione di vacanza preferita degli americani. In risposta, molti ristoranti statunitensi hanno aggiunto cucina caraibica ai loro menu. Poiché il cocco è un sapore popolare in questa cucina. I cuochi americani stanno scoprendo che Coco Lopez è un ingrediente conveniente per creare cibi caraibici a casa.

Coco Lopez lavora da 70.000 a 85.000 noci di cocco al giorno o circa 50 milioni di noci di cocco ogni anno. La maggior parte delle noci di cocco viene coltivata nella Repubblica Dominicana e trasformata in un moderno impianto di produzione a San Cristóbal, D. R.

La distribuzione di Coco Lopez continua a crescere. Si è espanso in oltre 60 paesi in tutto il mondo. Puoi trovare Coco Lopez in Europa, Medio Oriente, Giappone, America meridionale e centrale, Stati Uniti e vicino al supermercato di quartiere.

Se non hai ancora assaggiato una Piña Colada, provane una oggi. Assicurati che sia realizzata con Coco Lopez. Solo allora ti godrai la Piña Colada originale di Puerto Rico. In Italia la puoi acquistare su Amazon a un prezzo molto basso rispetto a uno sciroppo di cocco, rispettando così la ricetta originale.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.