Categories: La professione

Lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i Bartenders

  Questa è la lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i bartender. Gaz Regan lancia tre messaggi…

Novembre 21, 2019 8:54 am

Questa è la lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i bartender. Gaz Regan lancia tre messaggi chiari al barman del futuro, secondo noi necessari.

Primo: Umiltà (la grandezza è nell’umiltà), chi si prende troppo sul serio alla fine suscita quasi compassione.

Secondo: Fai sentire bene il cliente (il cliente è al centro)
Elemento fondamentale ormai dimenticato dalle nuove generazioni di bartenders.

Ultimo: Puoi cambiare il mondo, frase quest’ultima detta da molti grandi nella storia. Inutile spiegarla, se la capisci bene altrimenti ahimè devi fare ancora tanta strada.

Questa la lettera di Gaz Regan

Caro giovane bartender:

Non chiedere mai a una donna incinta quando nascerà il suo bambino. Fidati di me su questo.

L’autrice / poetessa Maya Angelou probabilmente non stava pensando ai bartenders quando ha detto questo, ma è certo che si può applicare anche a loro: “Ho imparato che la gente dimenticherà ciò che hai detto, la gente dimenticherà ciò che hai fatto, ma la gente non dimenticherà mai come li hai fatti sentire. ”

Le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire.

Se hai intenzione di sopravvivere dietro al banco, dovrai imparare a fare un drink decente, devi impegnarti per lunghe ore a trascinare il ghiaccio dal seminterrato, tagliare twists di limone, spremere frutta fresca per i succhi e pulire ogni centimetro del bar prima, durante e dopo ogni turno.

Dovrai imparare a scolpire il ghiaccio e altre assurdità per essere in linea con gli standard odierni e dovrai conoscere i profili degli aromi di ogni singolo ingrediente che usi dietro il bancone.

E diciamocelo, quasi tutti possono fare tutte queste cose.

Tuttavia, non tutti possono far sentire bene i propri clienti. E se fai stare bene i tuoi clienti, non ti dimenticheranno mai. I tuoi ospiti non dimenticheranno mai come li hai fatti sentire.

C’è una forte concorrenza nella comunità del bartending di oggi e sarai tentato di unirti alla mischia e fare di tutto per attirare l’attenzione su di te.

Potresti investire in una dozzina o più di tatuaggi accattivanti, o forse, se ti capiterà di usare il tuo fascino… farai crescere lunghi baffi adornati con perline.

Puoi imparare alcune mosse di talento che sicuramente ti renderanno al centro dell’attenzione dietro il bancone, oppure potresti, se sei una donna, indossare top rivelatori e bere shots di whisky invece di sorseggiare le cosiddette “girly drinks”. ”Questo farà sicuramente iniziare a parlare di te, giusto?

E non importa quale genere tu sia, il trucco può essere un ottimo strumento se vuoi attirare l’attenzione su di te, quindi se questo è il tuo scopo, provaci. Non essere timido. Fallo.

Forse, invece di andare verso i tratti fisici per farti notare, ti addentrerai nella mixolologia molecolare e convincerai le persone a parlare della tua capacità, ad esempio, di creare bevande che hanno esattamente il sapore di un ottimo Bouillabaisse o di un Lampone Pavlova. O forse sarai attratto dal percorso classico e ti farai un nome perché la tua capacità di raggiungere un equilibrio perfetto non ha eguali nella tua area geologica.

Troverai, credo, che tattiche come queste saranno gratificanti, se hai la pazienza di lavorare sodo per raggiungere il tuo obiettivo. La comunità dei cocktail potrebbe annunciare i tuoi successi, forse i media ti presenteranno in televisione o sulla copertina di riviste e potresti essere cercato per fare apparizioni in convention di bartender come Tales of the Cocktail in modo che i tuoi fan possano adularti e rendere omaggio alle tue abilità.

Non c’è niente di sbagliato in tutto questo. Credimi. Ma se per un secondo inizi a crederci, poiché hai catturato l’attenzione di tutti, sei in qualche modo migliore del senzatetto che chiede alloggio alla fermata dell’autobus, farai un dis-servizio per te stesso e alla comunità del bartending in generale.

Non prenderti troppo sul serio, giovane bartender. Sling drink per vivere, per l’amor del cielo. Grande affare.

Se fai stare bene i tuoi ospiti, però, è qualcosa di cui puoi essere orgoglioso. Non sei ancora migliore di chiunque altro, ma puoi stare tranquillo sapendo che, in piccolo, stai cambiando il mondo.

Cambiare il mondo? Sì. Stai cambiando il mondo. Rendi più felice un ospite quando lascia il tuo bar rispetto a quando entrarono e tu hai cambiato il mondo. È così semplice. E se un milione di bartenders in tutta la terra verde di Dio fanno la stessa cosa nella stessa notte, allora le vibrazioni felici saranno palpabili in tutto il mondo. I bartenders possono cambiare il mondo.

Per parafrasare la signora Angelou, la gente dimenticherà ciò che ha detto, dimenticherà ciò che ha fatto e, indipendentemente da quanto oltraggiosamente ti vesti, reciti o appaia, anche la gente se ne dimenticherà. Ma le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire.

Ti invidio il viaggio.

Con tanto amore da,

Gaz Regan

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Etichetta: champagne e prosecco: da Brut a Doux

Champagne Da dove viene la dolcezza dello champagne? il termine "Brut" è semplicemente un…

By

Bacardi Martini presenta tre drink inverno 2019

Bacardi Martini accoglie l'inverno 2019 con tre drink pensati ad hoc per la stagione…

By

Guida definitiva: la storia del rum

Le persone associano innumerevoli idee romantiche riguardo al rum. I tropici e le spiagge…

By

De Kuyper una grande storia di famiglia

I profumi di ginepro, chiodi di garofano, liquirizia e arancia essiccata riempiono l'aria, nell'infuso…

By

Cos’è Aguardiente? Storia e produzione

Dire che gli indiani nativi delle Americhe avevano abitudini alimentari misteriose è un'eufemismo. L'aguardiente…

By

FIB: I barman della Basilicata campioni d’Italia

  È lucano il cocktail a km zero più buono d'Italia premiato a Cagliari,…

By

This website uses cookies.