Categories: Interviste

Lo scrittore si racconta: intervista a Marco Garino

Ci racconti la tua storia personale, chi è Marco Garino? Sono un intramontabile positivo sempre appassionato per quello che faccio.…

Maggio 16, 2019 11:25 pm

Ci racconti la tua storia personale, chi è Marco Garino?

Sono un intramontabile positivo sempre appassionato per quello che faccio. Ho iniziato come Barista per pagarmi gli studi, sono poi diventato Sommelier FISAR per perfezionarmi e nel 2001 ho cominciato come commerciale nel Food Service Equipment in collaborazione con uno dei più grandi Gruppi del settore. Mi son specializzato nell’Ice & Beverage e raggiunta la carica di Key Account Manager EMEA dopo ben 9 anni ho deciso di intraprendere una nuova sfida restando nel settore ma entrando nel mondo della cottura come Sales & Marketing Manager Sud Europa, Medio Oriente ed Africa, e qui con mia sorpresa ho ritrovato e sperimentato il ghiaccio come strumento di ausilio in cucina.

Nel 2015 ho sentito il richiamo del mio primo “amore”, come se avessi da finire un percorso, ed è così che son ripartito nel ruolo di International Key Account Manager con Brema Group S.p.a. leader nella manifattura e distribuzione di macchine per la produzione di ghiaccio, e qui ho effettivamente ritrovato gli stimoli per progettare questo libro, il primo libro al mondo che ti dice tutto sul ghiaccio e sulle sue applicazioni.

Quanto tempo ci vuole per scrivere un libro?

Partendo dal presupposto che sono oltre 20 anni che opero attorno al bancone, come operatore prima e come fornitore oggi, posso dire che senza l’esperienza sul campo sarebbe stato impossibile scrivere questo libro cogliendo tutte le sfumature necessarie e le esigenze dei potenziali lettori. Ma tutto ciò premesso potrei dire che comunque per scrivere un libro come questo, che possa esser anche un manuale, ci va almeno 1 anno.

Nel tuo libro si parla del ghiaccio, quali sono gli argomenti principali che vai a trattare?

Mi piace dire che questo libro è un viaggio che parte dall’acqua per tornarci, passando per il processo di trasformazione e solidificazione chiamato ghiaccio o ICE in inglese.
Ma per me ICE è anche un acronimo che riassume velocemente quello che si trova nel libro, e sta ad indicare Igiene (e Sanità), Controllo (di Costi e Qualità), Ecologia (ed Eco-sostenibilità)
E’ un libro che tratta tutto del ghiaccio, ma che strizza l’occhio al mondo dell’entertainment, perché e dove credo ci sia più bisogno di formazione sull’argomento.

Ci dici 3 false credenze sul ghiaccio che i barman pensano siano vere?

Per me la falsa credenza più importante è quella di non considerare il ghiaccio un ingrediente ma solo un elemento di preparazione o decorazione, so che diranno che mi sbaglio, ma di fatto non è facile leggere delle ricette che riportano il ghiaccio tra gli ingredienti specificandone magari quantità o tipologia.

Fatto salvo quanto appena affermato una seconda falsa credenza è quella legata all’aspetto igienico, dove spesso si crede che il ghiaccio in quanto tale sia pulito poiché congelato, i batteri ed i virus sopravvivono senza problemi e possono anche moltiplicarsi, di qui la volontà di usare un hashtag internazionale che compare persino in copertina #iceisfood.

La terza falsa credenza che mi colpisce sempre molto è quella legata al costo del ghiaccio, sempre più spesso durante i miei corsi emerge la necessità di parlare di food cost anche nei cocktail dove se non sempre, direi spesso il ghiaccio viene considerato a costo zero, specialmente se autoprodotto, ma non è così.

Quando è prevista l’uscita del libro e dove lo possiamo andare ad acquistarlo.

Il libro è in fase di distribuzione in questi giorni, il 25 maggio a Torino lo presenterò durante il Cocktail Week insieme al Barman Mirko Turconi che ha curato un capitolo, e a Marco Bertoncini de ilGin.it e poi dal 28 lo troverete nelle librerie oppure online sia nelle piattaforme distributive che nei siti degli operatori di settore.

Andrea Marangio

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts - Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By

Tre domande a Gian Paolo Di Pierro

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gian Paolo Di Pierro, barmanager del club Derriere di…

By