Categories: mixologist in evidenza

London Night in Pistoia: Alice Bidini

Il 9 Maggio, dalle 18,00 in poi, in 5 locali di Pistoia, avrà luogo l’evento “A LONDON NIGHT IN PISTOIA”…

By FSB
Maggio 7, 2019 8:00 am

Il 9 Maggio, dalle 18,00 in poi, in 5 locali di Pistoia, avrà luogo l’evento “A LONDON NIGHT IN PISTOIA”

All’interno degli eventi collegati alla Tuscany Cocktail Week infatti,Sette Bartenders provenienti dai migliori locali di Londra, proporranno le loro creazioni al pubblico pistoiese, in perfetto stile londinese.

BarmanItalia ha deciso di intervistarli per voi, raccontandovi la storia di questi giovani barman italiani che tengono alta la bandiera del bel paese oltremanica. Eccoci con Alice Bidini

Ciao Alice, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei avvicinata al mondo dei cocktail?

Sono una Bartender di origine romana, ho iniziato a muovere i miei primi passi nel mondo dell’hospitality circa 6 anni fa, quasi per gioco nei locali del mio quartiere. Ben presto mi resi conto che il mondo della miscelazione mi affascinava a tal punto da volerlo rendere la mia occupazione a tempo pieno. Ho costruito il mio percorso lavorando negli hotel e nei cocktail bar della capitale fino al 2017 anno in cui sono approdata a Londra, citta in cui tra Galvin at the Athenaeum e Dorchester Collection ho consolidato la mia formazione principalmente nei 5 star Hotels.

Ci racconti brevemente il locale dove lavori? Da quanto tempo ti trovi dietro questo bancone?

Proprio in questo periodo ho reiniziato la collaborazione con i Galvin Brothers,pluri Michelin-Starred chefs, come beverage supervisor presso due outlet della compagnia: Galvin Hop e Galvin La Chapelle (one Michelin -star -restaurant). Collaborai con loro nel mio primo periodo londinese e sono onorata di poter ricoprire ora questo nuovo incarico.

Da italiana a Londra, cosa è che ti piace del lavorare nella capitale britannica, e cosa invece ti manca dell’Italia?

Il panorama londinese permette di creare delle dimensioni lavorative eccellenti non solo a livello di crescita ma soprattutto per l’accessibilita alla formazione professionale. L’italia fornisce un’hospitality diversa ma per ora sono determinata nel continuare il mio percorso in UK.

Recent Posts

Lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i Bartenders

  Questa è la lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i…

By

L’Unione Europea approva il disciplinare del Vermouth di Torino

A due anni dalla pubblicazione in Italia, la Commissione Europea ha terminato la valutazione…

By

Le nostre interviste: The Rum e Whisky Day 2019

Domenica 28 e lunedì 29 ottobre si è svolta a Milano, nella location data…

By

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

The Twentieth Century Cocktail: storia e ricetta

The Twentieth Century Cocktail prende il nome dal treno del ventesimo secolo che collegava…

By

This website uses cookies.