Categories: Interviste

London Night in Pistoia: intervista a Giorgio Montella

Il 9 Maggio, dalle 18:00 in poi, in 5 locali di Pistoia, avrà luogo l’evento “A LONDON NIGHT IN PISTOIA”…

By FSB
Maggio 2, 2019 8:00 am

Il 9 Maggio, dalle 18:00 in poi, in 5 locali di Pistoia, avrà luogo l’evento “A LONDON NIGHT IN PISTOIA”

All’interno degli eventi collegati alla Tuscany Cocktail Week infatti, Sette Bartenders provenienti dai migliori locali di Londra, proporranno le loro creazioni al pubblico pistoiese, in perfetto stile londinese.

BarmanItalia ha deciso di intervistarli per voi, raccontandovi la storia di questi giovani barman italiani che tengono alta la bandiera del bel paese oltremanica. Ecco Giorgio Montella

Giorgio , raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei avvicinata al mondo dei cocktail?

La mia carriera è iniziata nel 2008 in un cocktail bar a Pozzuoli, la mia città. Dopo aver acquisito l’esperienza necessaria e con una grande voglia di migliorarmi, sono partito per un’avventura all’estero. Inizialmente tra Spagna ed Inghilterra, ho approfondito le mie conoscenze cosi come accresciuto la mia passione per il cocktail bar. A Londra, citta all’avanguardia nel settore, ho avuto la possibilita di ampliare le mie conoscenze lavorando in diversi contesti e confrontandomi con professionisti di ogni genere  fino a lavorare oggi al Rules accanto a uno dei massimi esponenti del Classic Cocktail Bar, Brian Silva.

Ci racconti brevemente il locale dove lavori? Da quanto tempo ti trovi dietro questo bancone?

Lavoro al Rules, il ristorante piu antico di Londra, inaugurato nel 1798. Il cocktail bar, situato al primo piano, ha la reputazione di essere uno tra i migliori “kept secret” bar di Londra. Ho iniziato come Bartender nel 2016 e oggi sono l’Haed Bartender. Sin da subito mi sono rispecchiato nello stile e l’atmosmera del locale, sobrio ed elegante, cosi come lo sono i cocktail proposti, nei quali riesco ad esprimere al meglio il mio concetto di bar e mixologia.

Da italiana a Londra, cosa è che ti piace del lavorare nella capitale britannica, e cosa invece ti manca dell’Italia?

La cosa che maggiormente mi affascina di Londra è che ti mette alla prova ogni giorno mostrandoti sempre nuovi traguardi ed obiettivi concreti realmente raggiungibili, il che risveglia inevitabilmente l’ambizione, cosa che purtroppo non sempre accade in Italia. D’altro canto, non posso negare che della mia città mi mancano tante cose, all’apparenza piu banali ma di fatto altrettanto importanti: dal sole al caffè, dalla cucina al mare, fino ovviamente alla mia famiglia.

Recent Posts

Sotol distillato d’agave dello stato di Chihuahua

Sotol è uno spirito distillato ottenuto dalla pianta Dasylirion wheeleri (comunemente nota come Desert…

By

Agar agar: processo di chiarificazione dei cocktails

Il chiarificazione è un processo utilizzato nella cucina tradizionale nel tentativo di rendere trasparente…

By

Oaxaca Old Fashioned storia e ricetta

Creato da Phil Ward quando lavorava presso Death & Co. L'Oaxaca Old Fashioned potrebbe anche…

By

Livorno: alla scoperta del liquorificio “Il Re dei Re”

Una storia di famiglia. Una storia di spezie e di liquori. Una storia di…

By

Guida: guarnizione del Bloody Mary

Oggi non entreremo nella ricetta ma vogliamo prenderci un po' di tempo per ripassare…

By

Bourbon e Rye, quali sono le differenze?

Il Whiskey ha continuato a crescere in popolarità nel corso degli anni e non…

By