Categories: Interviste

London Night in Pistoia: intervista a Giorgio Montella

Il 9 Maggio, dalle 18:00 in poi, in 5 locali di Pistoia, avrà luogo l’evento “A LONDON NIGHT IN PISTOIA”…

By FSB
Maggio 2, 2019 8:00 am

Il 9 Maggio, dalle 18:00 in poi, in 5 locali di Pistoia, avrà luogo l’evento “A LONDON NIGHT IN PISTOIA”

All’interno degli eventi collegati alla Tuscany Cocktail Week infatti, Sette Bartenders provenienti dai migliori locali di Londra, proporranno le loro creazioni al pubblico pistoiese, in perfetto stile londinese.

BarmanItalia ha deciso di intervistarli per voi, raccontandovi la storia di questi giovani barman italiani che tengono alta la bandiera del bel paese oltremanica. Ecco Giorgio Montella

Giorgio , raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei avvicinata al mondo dei cocktail?

La mia carriera è iniziata nel 2008 in un cocktail bar a Pozzuoli, la mia città. Dopo aver acquisito l’esperienza necessaria e con una grande voglia di migliorarmi, sono partito per un’avventura all’estero. Inizialmente tra Spagna ed Inghilterra, ho approfondito le mie conoscenze cosi come accresciuto la mia passione per il cocktail bar. A Londra, citta all’avanguardia nel settore, ho avuto la possibilita di ampliare le mie conoscenze lavorando in diversi contesti e confrontandomi con professionisti di ogni genere  fino a lavorare oggi al Rules accanto a uno dei massimi esponenti del Classic Cocktail Bar, Brian Silva.

Ci racconti brevemente il locale dove lavori? Da quanto tempo ti trovi dietro questo bancone?

Lavoro al Rules, il ristorante piu antico di Londra, inaugurato nel 1798. Il cocktail bar, situato al primo piano, ha la reputazione di essere uno tra i migliori “kept secret” bar di Londra. Ho iniziato come Bartender nel 2016 e oggi sono l’Haed Bartender. Sin da subito mi sono rispecchiato nello stile e l’atmosmera del locale, sobrio ed elegante, cosi come lo sono i cocktail proposti, nei quali riesco ad esprimere al meglio il mio concetto di bar e mixologia.

Da italiana a Londra, cosa è che ti piace del lavorare nella capitale britannica, e cosa invece ti manca dell’Italia?

La cosa che maggiormente mi affascina di Londra è che ti mette alla prova ogni giorno mostrandoti sempre nuovi traguardi ed obiettivi concreti realmente raggiungibili, il che risveglia inevitabilmente l’ambizione, cosa che purtroppo non sempre accade in Italia. D’altro canto, non posso negare che della mia città mi mancano tante cose, all’apparenza piu banali ma di fatto altrettanto importanti: dal sole al caffè, dalla cucina al mare, fino ovviamente alla mia famiglia.

Recent Posts

Tags: genziana

Suze bitter

Nel 1885 Fernand Moureaux ereditò una distilleria di famiglia a Maisons-Alfort. Per salvare la…

By

Come preparare un ottimo Bronx cocktail

Il cocktail Bronx è una semplice variazione di un Perfect Martini che aggiunge il…

By

Guests Complain: Come recuperare da un disastro.

Tutte le attività legate all'ospitalità non riusciranno a servire efficacemente tutti i loro clienti.…

By

Tre domande a Giorgio Vicario

Intervista esclusiva a BarmanItalia a Giorgio Vicario bar manager del Beere&Mangiare di Roma Raccontaci…

By

Panaché e Radler, cocktail con la birra

Origini: Panaché una bevanda popolare francese, è una semplicemente una combinazione di una birra…

By

Pisco peruviano vs cileno: prove d’assaggio con Francesco Guetta

"Dopo il successo della Florence Pisco Week mi sono detto: perché non dedicare una…

By