Categories: Attrezzatura

Manutenzione e uso corretto del coltello

Avete comprato da pochi giorni un coltello di ottima marca e ha già totalmente perso il filo? Il segreto per…

Ottobre 23, 2010 12:30 am

Avete comprato da pochi giorni un coltello di ottima marca e ha già totalmente perso il filo?
Il segreto per mantenere affilati i coltelli è passare la lama all’acciaino per la manutenzione ordinaria.

Come Fare:

Ogni volta che usate un coltello affilato, dopo averlo lavato e asciugato dovreste raddrizzarne il bordo con un “acciaino”: ricordate che usando un acciaino, voi non state affilando il coltello, ma lo state levigando, raddrizzandone il bordo. Levigare un coltello non è difficile…

1
Tenete saldamente l’acciaino nella mano sinistra, leggermente lontano dal corpo. Dovreste inclinarlo verso l’alto, tenendo il gomito flesso. Prendete il coltello nell’altra mano e tenete la base della lama, verso la punta dell’acciaino ad un angolo di circa 20 gradi, con il bordo affilato della lama dalla vostra parte.

2
Tenendo il coltello sempre nella stessa angolazione rispetto all’acciaino, muovete la mano verso il basso e verso di voi, sfregando il bordo della lama lungo l’acciaino. Fate in modo che la punta del coltello finisca per scivolare via dall’acciaino, una volta alla base. Con la pratica eseguirete questo movimento in modo rapido, ma non preoccupatevi se all’inizio sarete lenti.

3
Ripetere il tutto tre o quattro volte con la lama in cima all’acciaino. Per levigare l’altro lato della lama, ripetete il procedimento, questa volta con la lama inclinata verso l’alto sotto l’acciaino, di nuovo a un angolo di 20 gradi. Premete leggermente verso il basso con l’acciaino sulla lama. A parte il cambiamento dell’angolazione della lama contro l’acciaino, tutti i movimenti sono identici al passaggio precedente.


Per la sicurezza durante il taglio dovete tenere ben presente che l’uscita del taglio dev’essere sempre opposta a voi e alle vostre mani.

Per fare le guarnizioni, ovviamente serve un coltello affilato come un rasoio da maneggiare con cura, il miglior sistema per tagliarsi è utilizzare un coltello non affilato che vi costringerà a spingere energicamente per ottenere un taglio molte volte non esatto, al bar si affettano molti agrumi, l’acido citrico corrode il filo della lama che terminato il lavoro va accuratamente sciacquata con acqua corrente, il coltello nuovo è perfettamente bilanciato e tagliente, ogni volta che viene arrotato si sbilancia sempre di più, quando preparate la mise en place delle guarnizioni se possibile fatelo nell’office.

Super User

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

Differenza tra Oxymel e Shrub

L'abitudine di bere aceto è vecchia quanto l'aceto stesso. I babilonesi, gli egiziani lo…

By

Lucio D’Orsi: Estli Maya cocktail

Per la rubrica Cocktail Designer vi presentiamo un cocktail di Lucio D’Orsi, Dry Martini…

By

This website uses cookies.