Categories: Interviste

Marco Rivolta Gin Rivo

Questa intervista è tratta dal nostro gruppo WhatsApp a Marco Rivolta, produttore di Rivo Gin. @Andrea Marangio: Prima di chiederti…

Dicembre 3, 2018 10:31 pm
Marco Rivolta Gin Rivo

Questa intervista è tratta dal nostro gruppo WhatsApp a Marco Rivolta, produttore di Rivo Gin.

@Andrea Marangio: Prima di chiederti della tua azienda, vorrei conoscere la persona dietro Rivo Gin, raccontaci qualcosa su di te.

@Marco Rivolta: Certamente, sono comasco di nascita e poi ho avuto la fortuna di viaggiare e di vivere in diverse nazioni in giro per il mondo. Ed è proprio viaggiando che è nata la passione per i distillati e per il gin. Con un passato da Ingegnere Gestionale.

@Andrea: Ora invece vorrei sapere la filosofia della tua azienda

@Marco: RIVO nasce dall’unione delle nostre passioni famigliari per la botanica e i distillati. E ovviamente dalla volontà di creare qualcosa di diverso nel mondo gin. Noi siamo del Lago di Como e la risposta non poteva che essere che creare un gin che raccontasse il nostro territorio. Le erbe che utilizziamo sono infatti raccolte a mano sui prati attorno al lago. Seguiamo i ritmi della natura con la tecnica Foraging

@Andrea: Cosa vuol dire per te qualità?

@Marco: Bella domanda! Direi che a parte la qualità strettamente legata al prodotto per me qualità è sinonimo di Autenticità. Ossia realizzare qualcosa con criterio e seguendo una filosofia ben precisa.

@Andrea: Come viene prodotto Rivo Gin?

@Marco: Come accennavo prima l’aspetto unico di RIVO è il fatto che utilizziamo botaniche raccolte a mano. Da qui la decisione di chiamarlo “Foraged Gin”. Ogni botaniche viene poi messa in macerazione separatamente e quindi distillata. Tecnicamente lo chiameresti “Distilled Compound” Molto brevemente

@Andrea: La guarnizione ideale che ci consigli per il tuo gin?

@Marco: Ci sono lotte famigliari su questo tema.
Personalmente con un rametto di timo e scorza di arancia. Non me ne vogliano gli amanti del limone

@Teo: Ciao Marco, piacere di conoscerti, una domanda: i botanici?

@Marco: Ciao Teo, piacere mio. Abbiamo:
Timo
Melissa
Santoreggia
Pimpinella
Ginepro
Coriandolo
Cardamomo

@Simone: Su cosa viene basata la scelta dei vari botanicals che formano il Gin? Cioè, partendo da zero, come si scelgono? Si trova un equilibrio tra essi?

@Marco: Nel nostro caso abbiamo ragionato un pò al contrario. Quali botanicals possiamo utilizzare della nostra zona e quindi come riusciamo a bilanciarli. La cosa bella e anche complicata è che non c’è una scienza. Ma diciamo arte. E poi tante, tante, prove

@Daniele: Quale tonica si abbina meglio con il tuo gin Rivo?

@Marco: Consigliamo sempre una tonica neutra avendo già RIVO una sua personalità che altrimenti verrebbe coperta.

@Daniele: Quindi una fever-tree può andar bene?

@Marco: Benissimo. Anche la mediterranea non è male.

@Andrea: La settimana scorsa abbiamo avuto @Manuela di Verum ti consiglio di confrontarti anche con lei. Toniche veramente di qualità. Ti ho parlato di Verum perché è un prodotto 100% Italiano, credo nella valorizzazione del territorio.

@Andrea: Altre domande?

@Teo: Dove si può comprare il tuo gin?

@Marco: Siamo distribuiti nazionalmente in Italia da Spirits&Colori, progetto italiano nuovo di distribuzione spirits. Con una rete agenti su tutta la penisola. Info@rivogin.com per qualsiasi informazione.

@Andrea: Ultima cosa mi sembra che organizzi delle masterclass giusto?

@Marco: Si siamo praticamente sempre ontour! La prossima data è a Parma il 12 dicembre.
Chi fosse in zona è benvenuto. È gratuito e si parlerà di gin e Foraging.

@Teo: Grazie mille Marco per le informazioni che ci hai offerto oggi

@Marco: Grazie a voi anche solo per leggere i miei messaggi. È sempre un piacere confrontarsi e grazie @Andrea per diffondere la cultura de bere.

@Andrea: Scusa ma non posso lasciarti senza chiederti del primo Sloe gin italiano.

@Marco: Esatto! È l’ultimo arrivato in famiglia. lo Sloe gin RIVO è come dicevi il primo Sloe gin italiano. Abbiamo voluto creare un pò di innovazione.
Utilizziamo solo bacche di prugnolo e zucchero. Nulla di più. Ricetta London classica insomma.
Abbiamo appena finito la raccolta qualche settimana fa e ora sono in macerazione.

@Giorgio Viganò: Dove distillate? Sarebbe bello vedere la distilleria

@Marco: Da Carlo Quaglia. Certamente, organizziamo spesso anche Masterclass direttamente in natura a Como. Per spiegare come identificare, raccogliere e utilizzare le botaniche che usiamo. Le riprenderemo a marzo/aprile.

@Andrea: Grazie mille Marco sei stato gentilissimo e disponibile (considerando i tuoi numerosi impegni)

@Marco: Grazie a voi. W il gin!

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

il cavatappi ha una storia molto lunga e interessante.

Non ci sono molti strumenti in cucina o nel bar che sono dati per…

By

Lavoro al bar e famiglia, mantenere l’equilibrio

Come genitore, è naturale sentirsi in colpa quando non si trascorre del tempo con…

By

Da allievo a maestro del bar

Man mano che la tua carriera avanza, potresti trovarti in una posizione in cui…

By

The Court, il nuovo cocktail bar firmato Matteo Zed

Ciao Matteo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Qual’è…

By

Ron – stile spagnolo

Prodotto principalmente a Cuba, a Porto Rico, in Venezuela o nella Repubblica Dominicana. Si…

By

Rum o Rhum? quali sono le differenze

"Rum" e "rhum" sono due spiriti distinti o solo modi diversi di pronunciare la…

By

This website uses cookies.