Categories: Prodotti

Nasce Canevel “Setàge”

Durante la fiera internazionale Prowein Canevel Spumanti ha presentato in anteprima SETÀGE, il metodo di spumantizzazione lenta e con lieviti…

Marzo 19, 2019 9:53 pm

Durante la fiera internazionale Prowein Canevel Spumanti ha presentato in anteprima SETÀGE, il metodo di spumantizzazione lenta e con lieviti selezionati perfezionato dalla cantina di Valdobbiadene dopo l’ingresso nel Gruppo Masi

Valdobbiadene, 19 marzo 2019 – Canevel Spumanti S.p.A., cantina di Valdobbiadene rinomata per i suoi spumanti premium, dal 2016 nel Gruppo Masi – produttore leader di Amarone, ha presentato in anteprima a Prowein, la fiera internazionale di Düsseldorf, il metodo di spumantizzazione “Setàge”. Il concetto di “Setàge” nasce dalla fusione delle parole “seta” e “perlage” e consiste nell’ottenere bollicine sottili ed eleganti come la seta, grazie ad un processo lento di spumantizzazione, a bassa temperatura controllata (tra il 12 i 14°c) con l’uso di lieviti selezionati.

Federico Girotto, Amministratore Delegato di Masi e Canevel, ha commentato: “Siamo orgogliosi di avere creato “Setàge”, frutto delle consolidate competenze spumantistiche aziendali di Canevel, che si estrinsecano in un vero e proprio metodo, in una pluralità di fattori e a più livelli della catena del valore. Il processo di presa di spuma svolto con particolari accorgimenti, tra cui la lentezza e l’utilizzo di lieviti selezionati, genera un risultato organolettico distintamente percettibile in termini di cremosità, sofficità e gradevolezza del perlage. Il metodo è validato dal Gruppo Tecnico Masi, che attraverso analisi scientifiche e l’utilizzo di nuove tecnologie da anni si prodiga per offrire al mercato vini identitari e di riconosciuta qualità”.

L’expertise spumantistica di Canevel, già attestata a livello internazionale come hanno dimostrato i recenti riconoscimenti che l’azienda ha ricevuto da James Suckling e con i ‘3 bicchieri’ Gambero Rosso, è ora riconoscibile attraverso il logo “Setàge” apposto in etichetta e presentato al Prowein in anteprima con il nuovo packaging del Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Brut e Extra Dry.

Proprio al tema della Spumantizzazione sarà dedicato il XXXI Seminario Tecnico Masi al prossimo Vinitaly: l’annuale appuntamento tecnico-scientifico del Gruppo Tecnico Masi svilupperà l’argomento “Vini spumanti: semplici bollicine o biotecnologia?” (lunedì 8 aprile ore 15.00 – Palaexpo Sala Argento – Piano Sotterraneo Ingresso A2).

MASI AGRICOLA: Masi è produttore leader di Amarone e da sempre interpreta con passione i valori delle Venezie. Una delle aziende italiane più significative per fatturato, per presenza internazionale e per riconoscibilità di brand. È il primo marchio italiano di vini di qualità a quotarsi alla Borsa italiana. La sua storia inizia alla fine del XVIII secolo, quando la famiglia Boscaini acquista pregiati.

vigneti nella piccola valle denominata “Vaio dei Masi”, nel cuore della Valpolicella Classica. Da oltre quarant’anni ha avviato un ambizioso progetto di valorizzazione di storiche tenute vitivinicole, collaborando con i Conti Serego Alighieri, discendenti del poeta Dante, proprietari della tenuta che in Valpolicella può vantare la più lunga storia e tradizione, con i Conti Bossi Fedrigotti, prestigiosa griffe trentina nota per Fojaneghe, il primo vino di stile bordolese, prodotto in Italia, e con Canevel, produttore di Spumanti di eccellenza in Valdobbiadene. Masi possiede inoltre le tenute a conduzione biologica Poderi del Bello Ovile in Toscana e Masi Tupungato in Argentina. L’azienda ha un expertise riconosciuta nella tecnica dell’Appassimento, praticata sin dai tempi degli antichi Romani, per concentrare colore, zuccheri, aromi e tannini nel vino, ed è uno degli interpreti storici dell’Amarone: il suo presidente, Sandro Boscaini, rappresenta la sesta generazione della famiglia che ha contribuito a far sì che questo vino diventasse un’eccellenza italiana. Oggi Masi produce cinque diversi Amaroni, la gamma più ampia e qualificata proposta al mercato internazionale. Sandro Boscaini riveste attualmente la carica di Presidente di Federvini, Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori e Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti e affini.

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Sotol distillato d’agave dello stato di Chihuahua

Sotol è uno spirito distillato ottenuto dalla pianta Dasylirion wheeleri (comunemente nota come Desert…

By

Agar agar: processo di chiarificazione dei cocktails

Il chiarificazione è un processo utilizzato nella cucina tradizionale nel tentativo di rendere trasparente…

By

Oaxaca Old Fashioned storia e ricetta

Creato da Phil Ward quando lavorava presso Death & Co. L'Oaxaca Old Fashioned potrebbe anche…

By

Livorno: alla scoperta del liquorificio “Il Re dei Re”

Una storia di famiglia. Una storia di spezie e di liquori. Una storia di…

By

Guida: guarnizione del Bloody Mary

Oggi non entreremo nella ricetta ma vogliamo prenderci un po' di tempo per ripassare…

By

Bourbon e Rye, quali sono le differenze?

Il Whiskey ha continuato a crescere in popolarità nel corso degli anni e non…

By