Categories: Laboratorio

Olio d’oliva nei cocktail

Ottobre 15, 2013 1:17 pm
L’olio d’oliva? In un cocktail?
Il risultato è assolutamente sorprendente – lucentezza, schiumoso e succulento, un incrocio tra un gin suor e Ramos Fizz. La bevanda è costruita sul modello di gin sour, ma con miglioramenti sorprendenti.

Il primo, e più ovvio: comprende l’olio di oliva. Lungi dall’essere solo una trovata , l’olio addolcisce l’acidità del limone sulla lingua. Il sapore non è il mix bizzarro, ma ben si coniuga con gli aspetti base del gin.

Il secondo: comprende albume. Anche se questa non è una novità – sour storicamente comprende albume o sciroppo di zucchero per modificare la consistenza della bevanda – Il bianco d’uovo genera una massiccia testa schiumosa sulla bevanda che ricorda il Ramos Fizz. La schiuma d’uovo si combina con l’olio e fornisce una morbida e lussureggiante sensazione in bocca e una piacevole presentazione visiva.

The Oliveto
di Pip Hanson, Marvel Bar, Minneapolis.

6 cl Martin Miller Westbourne gin ( o Gordon )
1 cucchiaino di Licor 43
3 cl sweet and suor (limone e zucchero 2:1)
1,5 cl olio d’oliva
1 albume
dash soluzione salina (3:01)

Preshake tutti gli ingredienti con ghiaccio, aggiungere altro ghiaccio e agitare nuovamente per circa 2 minuti. Filtrare in old fashioned precedentemente riempito con ghiaccio.

Il sale sta diventando un ingrediente standard nei sour, il ” dash ” qui è più un ricordo che una regola, un pò di sale è in grado di sollevare i sapori di qualsiasi ingrediente acido. Se davvero la misura è gocce, avrete bisogno di testare per voi stessi, per trovare la giusta quantità.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com