Categories: La professione

Organizzazione turni: Sidework

Che si tratti dell'inizio del turno, della metà del turno o della fine, c'è sempre un lavoro da fare per…

Maggio 8, 2018 10:52 pm

Che si tratti dell’inizio del turno, della metà del turno o della fine, c’è sempre un lavoro da fare per il turno successivo. Come fai ad assicurarti che tutto venga fatto senza che il tuo staff diventi Lord of the Flies che si incolpa l’un l’altro?
Controllare le liste. È giusto prendere appunti e assicurarsi che tutto sia fatto!
Siamo stati tutti lì prima: è un venerdì pieno di impegni e tu hai appena varcato la porta per il tuo turno per scoprire che non è stato fatto nessuno dei preparativi necessari. Passi il resto della notte a giocare a recuperare. Un altro scenario comune: entri e inizi a impostare il bar o il ristorante per il turno di apertura e c’è una pila di piatti che devono essere fatti, nessuno ha spazzato, e il bar non è stato rifornito. Sto diventando ansioso solo a pensarci!

Partire dalla comunicazione
La prima cosa da considerare è se c’è o meno una chiara descrizione di cosa deve accadere e se le persone coinvolte sono state informate e addestrate di conseguenza. Prima di iniziare a pianificare la scomparsa dei tuoi colleghi (o il loro funerale), fai un passo indietro e prova a trovare una soluzione, (specialmente se questo è un evento comune). La maggior parte delle volte questi scenari possono essere il risultato di una cattiva comunicazione – per esempio, nessuno ha detto alle persone appropriate che cosa devono fare per aprire/chiudere correttamente il bar.

Liste di controllo sidework
È possibile iniziare chiedendo semplicemente al manager se esistono checklist di apertura/chiusura/esecuzione di lavoro sidework e in caso contrario, richiedere che vengano create. Spero che questo sia sufficiente per far avviare al manager il processo.
Che si tratti di un manager o meno, chiunque stia creando queste liste di controllo dovrebbe essere sicuro di consultare l’intero team durante tutto il processo. Lavorando con tante persone diverse per otterrete il beneficio di molti punti di vista diversi e un’opportunità per tutti di vedere quanto lavoro ci sia da fare. Inoltre, tutti saranno molto più disposti a implementare le liste di controllo se ritengono di avere una voce in capitolo nella loro creazione.

Responsabilità e responsabilità
Creare la lista è grandioso, ma se nulla migliora, è una perdita di tempo per tutti. Ancora peggio, può essere demoralizzante per il personale che hanno riposto le proprie speranze ma non riesce a vedere un miglioramento, con il risultato che potenzialmente le persone diventano disincantate e alla fine se ne vanno.
L’ultima cosa che vuoi fare è creare un ambiente in cui i tuoi migliori impiegati (cioè quelli entusiasti delle liste di controllo) se ne vadano e tu resti con la gente che odia il lavoro collaterale! Seguire e tenere le persone responsabili è fondamentale per fare il cambiamento.
Idealmente i dipendenti dovrebbero controllarsi da soli per assicurarsi che tutto venga fatto. Questo è un modo per stabilire una cultura forte e impedisce al manager di fare da babysitter a ogni turno e lista di controllo.

Per la chiusura del lavoro, ogni barista può verificare con il responsabile della chiusura che si assicura che il proprio lavoro sia accurato e che tutto sia stato svolto.

Ne abbiamo parlato prima, ma lo diremo di nuovo: la vera bellezza di questo sistema è che non è il manager a fare da babysitter alla squadra per assicurarsi che tutti facciano il loro lavoro. Piuttosto, è il tuo pari, cioè il prossimo barista del turno. Inoltre, se il lavoro non viene eseguito, il prossimo barista assiste finché non è stato completo. (E il barista precedente idealmente non se ne va finché non ha finito.) Questo formato rafforza il cameratismo dello staff e aiuta a creare la mentalità di “siamo insieme” che fa prosperare grandi squadre.

Alcuni consigli:
Ricontrolla con tutti ogni due settimane per assicurarti che le liste siano corrette ed equilibrate. Suggerimento: Se non trovi nulla da aggiustare dopo due settimane, non hai chiesto abbastanza persone. C’è sempre qualcosa da migliorare e il tuo team apprezzerà lo sforzo che hai fatto per continuare a migliorare il processo.
Prendi in considerazione la possibilità di includere foto su un bar correttamente configurato come inserimenti di bottiglie, contorni, tovaglioli, ecc. Alcune persone sono più visivamente orientate e questo rende molto più facile la formazione di un nuovo barista. Scatta foto del bar correttamente chiuso.
Le prime settimane prenderanno un impegno attivo per garantire che tutto venga fatto, ma questo è anche il momento più importante. Come manager (o il membro dello staff che guida lo sforzo), dedica il tempo e energia per assicurarsi che questo sia implementato correttamente. Se le cose vanno bene all’inizio, i cambiamenti hanno molte più probabilità di “attaccare”.
Assicurati che gli elenchi siano da qualche parte che sia facilmente accessibili a tutti. Prendi in considerazione la possibilità di stampare le responsabilità di ogni persona.

Se ti presenti per il tuo turno e scopri che il lavoro non viene fatto in modo coerente, è molto probabile che tu non sia l’unico a essere frustrato. Prendi l’iniziativa per risolvere il problema: è una grande opportunità per te per aiutarti a diventare un membro del personale del bar impegnato e guidato, ed è anche una fantastica esperienza di gestione per il tuo curriculum. Ma soprattutto, risolvere il problema renderà la tua vita più facile e ti aiuterà a goderti il ​​tuo turno invece di spenderlo a recuperare!

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Sherry Cobbler ricetta e storia

Gli anni del 1840 furono un boom per le mitologie americane. L'esperimento democratico del…

By

Lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i Bartenders

  Questa è la lettera / testamento di Gaz Regan dedicata a tutti i…

By

L’Unione Europea approva il disciplinare del Vermouth di Torino

A due anni dalla pubblicazione in Italia, la Commissione Europea ha terminato la valutazione…

By

Le nostre interviste: The Rum e Whisky Day 2019

Domenica 28 e lunedì 29 ottobre si è svolta a Milano, nella location data…

By

Agot: il primo whisky single malt prodotto nei paesi baschi

È il primo whisky single malt spagnolo elaborato in maniera artigianale. Agot è nato…

By

la Sardegna ospita i Campionati Italiani Barman Professionisti

Quinta edizione dell'unica manifestazione che presenta il km zero sia del food che del…

By

This website uses cookies.