Categories: In evidenza

Per I Love Italian Food, il cibo è il “petrolio d’Italia”

Nell'ambito di Cibusland, si è tenuto il talk “Food: il Petrolio d'Italia”, che ha visto molti autorevoli interventi: il tema…

Maggio 7, 2014 8:00 pm
Nell’ambito di Cibusland, si è tenuto il talk “Food: il Petrolio d’Italia”, che ha visto molti autorevoli interventi: il tema è quello dell’agroalimentare made-in-Italy

grande patrimonio anche economico del nostro Paese, quindi da tutelare. L’incontro è stato poi l’occasione per annunciare il progetto “100×100”: un’enciclopedia on-line collaborativa, dedicata ai prodotti tricolori. L’idea è di I Love Italian Food.

Parma, 5 maggio 2014 – Tra gli appuntamenti più attesi di CibusLand, il Fuorisalone dedicato a Cibus, figura sicuramente il talk “Food: il Petrolio d’Italia”. Organizzato da I Love Italian Food, la realtà non-profit nata per difendere e diffondere la cultura del cibo italiano di qualità (www.iloveitalianfood.org), l’incontro si è svolto lunedì 5 maggio, presso la Food Blogger & Buyer’s Lounge allestita presso il Palazzo del Governatore di Parma.

Provocatorio il nome scelto per la tavola rotonda, che ha visto la partecipazione di numerosi manager e operatori del settore alimentare, nonché della stampa e dei food blogger accorsi a Parma in occasione di Cibus. Una scelta che però appare motivata alla luce dei numeri evidenziati da un’analisi Coldiretti sulla base di dati Istat relativi al commercio estero: nel 2013 il valore delle esportazioni di prodotti agroalimentari italiani ha raggiunto il massimo di sempre, arrivando a quota 33 miliardi di euro. Estremamente positivi anche i primi mesi del 2014: dall’inizio dell’anno l’export agroalimentare è cresciuto del 4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

«Siamo convinti che il settore agroalimentare, forte di eccellenze che tutto il mondo ci invidia e di una tradizione plurisecolare, possa rappresentare per l’Italia l’equivalente di ciò che è il petrolio per i Paesi del Medio Oriente – spiega Alessandro Schiatti, tra i fondatori di I Love Italian Food -. Una straordinaria fonte di ricchezza, una vera e propria forza motrice per l’economia tricolore. Dobbiamo essere capaci di tutelare questo patrimonio straordinario: non dimentichiamo che Coldiretti stima, per il 2013, in 60 miliardi di euro il fatturato perso dal nostro Paese a causa della contraffazione e della falsificazione di prodotti alimentari made-in-Italy».

Al talk “Food: il Petrolio d’Italia” organizzato da I Love Italian Food e moderato da Stefano Caffari, Direttore del Cucchiaio d’Argento, e dalla food blogger Alessandra Gambini, sono intervenute anche voci autorevoli dell’imprenditoria agroalimentare italiana, che hanno declinato in modo personale il tema del made-in-Italy e dei problemi che il settore incontra all’estero: Giuseppe Alai, Presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano, Lorenzo Ercole, Presidente di F.lli Saclà, e Vito Gulli, Presidente di Generale Conserve.

L’incontro che si è tenuta al Palazzo del Governatore di Parma è stato anche l’occasione per annunciare il varo del progetto “100×100”, che sarà on-line a partire dal prossimo 2 giugno. L’idea è di I Love Italian Food. «Educare i buyer, gli operatori, i foodie e i consumatori stranieri alla nostra cultura del cibo, facendo informazione sui prodotti autenticamente (cioè al 100%) italiani. Il tutto sfruttando le potenzialità del Web e secondo una logica collaborativa: la principale fonte di ispirazione è rappresentata da Wikipedia», spiega Alessandro Schiatti, I Love Italian Food.

Il primo aspetto a caratterizzare il progetto è rappresentato dall’esaustività della “foodopedia” che andrà a nascere: “100×100” è destinato a ospitare tutti (e in forma esclusiva) i prodotti di filiera italiana. Parliamo quindi di alimenti che nascono partendo da quanto viene coltivato o allevato nel nostro Paese e che qui sono prodotti. L’idea è quella di fare network, coinvolgendo i vari Consorzi di Tutela, i singoli produttori di eccellenza e le grandi imprese agroalimentari.

In secondo luogo, la particolarità del progetto “100×100” consiste nel ruolo della community, che non si dovrà limitare a recepire le informazioni sui cibi con filiera italiana ma avrà anche, più attivamente, un compito di vigilanza sui produttori, a garanzia dell’affidabilità dei singoli lemmi di questa “enciclopedia del food”. Oltre che dai 500.000 amici di I Love Italian Food, di cui oltre 3.000 professionisti del settore, tra food blogger, chef, ristoratori, buyer e scuole di cucina, la community di “100×100” arriva ad abbracciare 10 milioni di utenti stranieri, uniti idealmente dalla passione per il made-in-Italy agroalimentare.

Infine, il progetto “100×100” è unico perché free. Consorzi, produttori e imprenditori dell’agroalimentare potranno popolare l’enciclopedia in modo del tutto gratuito: e la stessa sarà consultabile senza costi dagli utenti della community.

«Esaustività. Controllo partecipato. Gratuità. È dalla sintesi di questi tre fattori che scaturisce il progetto “100×100” – dice Alessandro Schiatti, I Love Italian Food –. L’obiettivo ultimo è quello di contribuire al successo del food italiano nel mondo, raccontando in modo esaustivo e autorevole la qualità dei cibi autenticamente tricolori che arrivano sulle tavole di tutto il mondo».

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Tre domande a Giulia Castellucci

Intervista esclusiva per Barmanitalia a Giulia Castellucci, bar manager e comproprietaria di Co.So Cocktail…

By

Ingredienti non vegani che puoi trovare nel tuo cocktail

Nel mondo dei cocktail, siamo abbastanza bravi a conoscere oscuri fatti storici su categorie…

By

il cavatappi ha una storia molto lunga e interessante.

Non ci sono molti strumenti in cucina o nel bar che sono dati per…

By

Lavoro al bar e famiglia, mantenere l’equilibrio

Come genitore, è naturale sentirsi in colpa quando non si trascorre del tempo con…

By

Da allievo a maestro del bar

Man mano che la tua carriera avanza, potresti trovarti in una posizione in cui…

By

The Court, il nuovo cocktail bar firmato Matteo Zed

Ciao Matteo, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Qual’è…

By

This website uses cookies.