Perché i barmen odiano l’Aperol Spritz?

Certo, ha un sapore fantastico – la prima volta che l’hai bevuto. Ma all’improvviso è ovunque: in ogni bar, ristorante e persino nei centri commerciali.
I barmen di tutto il paese condividono un certo malessere quando sentono parlare dell’Aperol Spritz.

È luminoso, è allegro, è frizzante, è … evrywhere. “Aperol Spritz un cocktail famoso e semplice da bere”, non si può criticare, è un venditore infallibile.
L’aperol Spritz è uno degli aperitivi più popolari in Italia (e non solo) e per una buona ragione. Basso contenuto di alcol, aromatico con agrumi e leggermente amaro, si abbina perfettamente con il prosecco freddo per stuzzicare nell’ora dell’aperitivo. Perfetto per incontrare gli amici per un dopo lavoro, è una tradizione italiana di lunga data e facilmente replicabile ovunque.

Ma allora perché i barmen non amano preparare questo cocktail?

Costo?
No questo cocktail offre un ampio margine di guadagno, rispetto a Negroni, Martini, Mojito e tanti altri…

Tempo?
Ancora no, tanto ghiaccio, Aperol, prosecco e soda, direttamente nel bicchiere, velocissimo da preparare.

Difficoltà?
È veramente semplice, anche se c’è chi riesce a sbagliarlo mettendo l’acqua tonica al posto della soda.
La guarnizione è una semplice mezza fetta d’arancia, anche dal punto di vista dell’organizzazione richiede veramente poco.

Perché i barmen sono stanchi di preparare questo cocktail? Abbiamo le nostre teorie:

1) Il barman ha la percezione di non essere apprezzato come tale per la semplicità di esecuzione della bevanda.

2) Non riescono a esprimere le proprie doti di barman o le complicatissime e costose creazioni che solo loro possono partorire.

3) La presunzione, vogliono insegnare al cliente come si beve, ma il cliente ha già scelto. Cosa? Aperol Spritz ovviamente. Non siamo a scuola, non ci sono alunni né tanto meno insegnanti.

4) Effettivamente per il barman può essere ripetitivo preparare costantemente lo stesso cocktail, ma siamo lì per servire il cliente e soprattutto siamo a lavoro.

La verità è che l’Aperol Spritz ha ottenuto un successo senza eguali a favore del consumatore, degli imprenditori e dei barmen (anche se non lo sanno)

Author Details

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts – Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Share
Published by
Andrea Marangio
Tags Aperol Spritz

Recent Posts

  • Interviste

Intervista ad Alessandro Antonelli – dell’A.Roma Lifestyle Hotel di Roma e del suo Skystars bar.

Ciao Alessandro, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? Come ti sei avvicinato al mondo dei…

Maggio 21, 2019 11:47 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: B’Art

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 20, 2019 11:24 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: Caffè Grimaldi

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership conTuscan Spirits. Noi di…

Maggio 20, 2019 11:13 pm
  • Interviste

Intervista a Gabriele Rondani di Rinaldi1957

Intervista in esclusiva a Gabriele Rondani di Rinaldi1957 per BarmanItalia 1 - Ciao Gabriele, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad…

Maggio 19, 2019 11:02 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: Bar Avio

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 19, 2019 12:19 am
  • Miscelazione

Il bicchiere highball

Gli highball sono una categoria di cocktail semplice, comunemente con solo due ingredienti: uno spirito e un sodato, serviti in…

Maggio 18, 2019 8:31 am

This website uses cookies.