Categories: Il servizio al bar

Perché i barmen odiano l’Aperol Spritz?

Certo, ha un sapore fantastico - la prima volta che l'hai bevuto. Ma all'improvviso è ovunque: in ogni bar, ristorante…

Gennaio 10, 2019 12:07 am

Certo, ha un sapore fantastico – la prima volta che l’hai bevuto. Ma all’improvviso è ovunque: in ogni bar, ristorante e persino nei centri commerciali.
I barmen di tutto il paese condividono un certo malessere quando sentono parlare dell’Aperol Spritz.

È luminoso, è allegro, è frizzante, è … evrywhere. “Aperol Spritz un cocktail famoso e semplice da bere”, non si può criticare, è un venditore infallibile.
L’aperol Spritz è uno degli aperitivi più popolari in Italia (e non solo) e per una buona ragione. Basso contenuto di alcol, aromatico con agrumi e leggermente amaro, si abbina perfettamente con il prosecco freddo per stuzzicare nell’ora dell’aperitivo. Perfetto per incontrare gli amici per un dopo lavoro, è una tradizione italiana di lunga data e facilmente replicabile ovunque.

Ma allora perché i barmen non amano preparare questo cocktail?

Costo?
No questo cocktail offre un ampio margine di guadagno, rispetto a Negroni, Martini, Mojito e tanti altri…

Tempo?
Ancora no, tanto ghiaccio, Aperol, prosecco e soda, direttamente nel bicchiere, velocissimo da preparare.

Difficoltà?
È veramente semplice, anche se c’è chi riesce a sbagliarlo mettendo l’acqua tonica al posto della soda.
La guarnizione è una semplice mezza fetta d’arancia, anche dal punto di vista dell’organizzazione richiede veramente poco.

Perché i barmen sono stanchi di preparare questo cocktail? Abbiamo le nostre teorie:

1) Il barman ha la percezione di non essere apprezzato come tale per la semplicità di esecuzione della bevanda.

2) Non riescono a esprimere le proprie doti di barman o le complicatissime e costose creazioni che solo loro possono partorire.

3) La presunzione, vogliono insegnare al cliente come si beve, ma il cliente ha già scelto. Cosa? Aperol Spritz ovviamente. Non siamo a scuola, non ci sono alunni né tanto meno insegnanti.

4) Effettivamente per il barman può essere ripetitivo preparare costantemente lo stesso cocktail, ma siamo lì per servire il cliente e soprattutto siamo a lavoro.

La verità è che l’Aperol Spritz ha ottenuto un successo senza eguali a favore del consumatore, degli imprenditori e dei barmen (anche se non lo sanno)

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail

 Giorgio Bargiani: Number 11 Cocktail Head Mixologist Connaught Bar Londra Cocktail: Number 11…

By

This website uses cookies.