Categories: Il servizio al bar

Perché i barmen odiano l’Aperol Spritz?

Certo, ha un sapore fantastico - la prima volta che l'hai bevuto. Ma all'improvviso è ovunque: in ogni bar, ristorante…

Gennaio 10, 2019 12:07 am

Certo, ha un sapore fantastico – la prima volta che l’hai bevuto. Ma all’improvviso è ovunque: in ogni bar, ristorante e persino nei centri commerciali.
I barmen di tutto il paese condividono un certo malessere quando sentono parlare dell’Aperol Spritz.

È luminoso, è allegro, è frizzante, è … evrywhere. “Aperol Spritz un cocktail famoso e semplice da bere”, non si può criticare, è un venditore infallibile.
L’aperol Spritz è uno degli aperitivi più popolari in Italia (e non solo) e per una buona ragione. Basso contenuto di alcol, aromatico con agrumi e leggermente amaro, si abbina perfettamente con il prosecco freddo per stuzzicare nell’ora dell’aperitivo. Perfetto per incontrare gli amici per un dopo lavoro, è una tradizione italiana di lunga data e facilmente replicabile ovunque.

Ma allora perché i barmen non amano preparare questo cocktail?

Costo?
No questo cocktail offre un ampio margine di guadagno, rispetto a Negroni, Martini, Mojito e tanti altri…

Tempo?
Ancora no, tanto ghiaccio, Aperol, prosecco e soda, direttamente nel bicchiere, velocissimo da preparare.

Difficoltà?
È veramente semplice, anche se c’è chi riesce a sbagliarlo mettendo l’acqua tonica al posto della soda.
La guarnizione è una semplice mezza fetta d’arancia, anche dal punto di vista dell’organizzazione richiede veramente poco.

Perché i barmen sono stanchi di preparare questo cocktail? Abbiamo le nostre teorie:

1) Il barman ha la percezione di non essere apprezzato come tale per la semplicità di esecuzione della bevanda.

2) Non riescono a esprimere le proprie doti di barman o le complicatissime e costose creazioni che solo loro possono partorire.

3) La presunzione, vogliono insegnare al cliente come si beve, ma il cliente ha già scelto. Cosa? Aperol Spritz ovviamente. Non siamo a scuola, non ci sono alunni né tanto meno insegnanti.

4) Effettivamente per il barman può essere ripetitivo preparare costantemente lo stesso cocktail, ma siamo lì per servire il cliente e soprattutto siamo a lavoro.

La verità è che l’Aperol Spritz ha ottenuto un successo senza eguali a favore del consumatore, degli imprenditori e dei barmen (anche se non lo sanno)

Recent Posts

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By

Whizz Bang cocktail

WHIZZ BANG Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 2,0 cl Vermouth dry Noilly Prat 4,5…

By

Tre domande a Simone Lancia

Raccontaci brevemente la tua carriera fino ad oggi. Di dove sei? come ti sei…

By