Categories: Il servizio al bar

Perché i barmen odiano l’Aperol Spritz?

Certo, ha un sapore fantastico - la prima volta che l'hai bevuto. Ma all'improvviso è ovunque: in ogni bar, ristorante…

Gennaio 10, 2019 12:07 am

Certo, ha un sapore fantastico – la prima volta che l’hai bevuto. Ma all’improvviso è ovunque: in ogni bar, ristorante e persino nei centri commerciali.
I barmen di tutto il paese condividono un certo malessere quando sentono parlare dell’Aperol Spritz.

È luminoso, è allegro, è frizzante, è … evrywhere. “Aperol Spritz un cocktail famoso e semplice da bere”, non si può criticare, è un venditore infallibile.
L’aperol Spritz è uno degli aperitivi più popolari in Italia (e non solo) e per una buona ragione. Basso contenuto di alcol, aromatico con agrumi e leggermente amaro, si abbina perfettamente con il prosecco freddo per stuzzicare nell’ora dell’aperitivo. Perfetto per incontrare gli amici per un dopo lavoro, è una tradizione italiana di lunga data e facilmente replicabile ovunque.

Ma allora perché i barmen non amano preparare questo cocktail?

Costo?
No questo cocktail offre un ampio margine di guadagno, rispetto a Negroni, Martini, Mojito e tanti altri…

Tempo?
Ancora no, tanto ghiaccio, Aperol, prosecco e soda, direttamente nel bicchiere, velocissimo da preparare.

Difficoltà?
È veramente semplice, anche se c’è chi riesce a sbagliarlo mettendo l’acqua tonica al posto della soda.
La guarnizione è una semplice mezza fetta d’arancia, anche dal punto di vista dell’organizzazione richiede veramente poco.

Perché i barmen sono stanchi di preparare questo cocktail? Abbiamo le nostre teorie:

1) Il barman ha la percezione di non essere apprezzato come tale per la semplicità di esecuzione della bevanda.

2) Non riescono a esprimere le proprie doti di barman o le complicatissime e costose creazioni che solo loro possono partorire.

3) La presunzione, vogliono insegnare al cliente come si beve, ma il cliente ha già scelto. Cosa? Aperol Spritz ovviamente. Non siamo a scuola, non ci sono alunni né tanto meno insegnanti.

4) Effettivamente per il barman può essere ripetitivo preparare costantemente lo stesso cocktail, ma siamo lì per servire il cliente e soprattutto siamo a lavoro.

La verità è che l’Aperol Spritz ha ottenuto un successo senza eguali a favore del consumatore, degli imprenditori e dei barmen (anche se non lo sanno)

Andrea Marangio

Docente per barman, consulente per bar, aperture, cocktail designer e menù, promotore per aziende produttrici. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

16 novembre Carpano partecipa a “Il Vermouth di Torino… a Torino”

Milano, 12 novembre 2019 – Come padre e rappresentante storico della categoria, Carpano non…

By

La barlady Selia Bugallo vince Art of Italicus Aperitivo Challenge 2019

La challenge ideata da ITALICUS®, Rosolio di bergamotto, per eleggere il migliore aperitivo ispirato…

By

Tre domande a Gianluca Di Giorgio

Intervista esclusiva per BarmanItalia a Gianluca Di Giorgio, bar manager del Lamo (Milano) Raccontaci…

By

Guida definitiva: come fare un Martini Cocktail.

In questa guida vi elencheremo i punti essenziali per ottenere un Martini Cocktail perfetto.…

By

Vermouth Mulassano storia e uso nei cocktails

I Vermouth Mulassano - come potrebbe rivelare il nome - provengono dall'Italia. Dalla città…

By

Storia della bottiglietta del Campari Soda

Da giovane artista futurista italiano, Fortunato Depero esplodeva di creatività quando, nel 1915, annunciò…

By

This website uses cookies.