Categories: Merceologia

Pisco

Il Pisco è una denominazione di origine che è riservata al distillato derivato da uve prodotte in Perù dalla fine…

Febbraio 4, 2012 10:50 am
Il Pisco è una denominazione di origine che è riservata al distillato derivato da uve prodotte in Perù dalla fine del XVI secolo il cui valore ha superato i confini nazionali elevandosi a simbolo della nazione andina in tutto il mondo. Il Pisco è un prodotto ottenuto esclusivamente per distillazione di mosti freschi delle denominate “uvas pisqueras” recentemente fermentato, utilizzando metodi che mantengono i principi tradizionali di qualità e prodotti nella zona costiera dei dipartimenti di Lima, Ica, Arequipa, Moquegua e le valli di Locumba, Sama e Caplina in Tacna. Dal termine arcaico della lingua Peruviana Pisquo ovvero “Pajaro Volador” un volatile di quelle terre aride nasce il “Pisco” nome di una città Peruviana ma nome legato anche al suo eccellente distillato dove le acque dei fiumi delle Ande rendono fertili le aride terre dove la leggenda e la storia, si uniscono nel rappresentare il territorio degli Inca poi diventato possedimento Spagnolo terreno dove quest’ultimi coltivavano le uve Europee non potendo intraprendere costosissime traversate oceaniche per l’importazione del vino, presente nella dieta e nelle usanze Spagnole e imprescindibile dai loro usi e costumi anche nella terra delle Ande, dove ancora crescono le uve “Moscatel Rosadas” che simboleggiano e ne danno i tratti caratteristici al famoso distillato.
Il procedimento si sviluppa nella prima raccolta dell’uva tra febbraio e Marzo, il mosto raccolto in una grande cisterna chiamata Puntaje,  la macinatura, la fermentazione in zuccheri e lieviti autoctoni quindi successivamente il vino verrà distillato in Alambicchi di tipo “discontinuo”, durante il quale il Pisco assume i caratteri e i sentori inebrianti, successivamente verrà fatto riposare in botti di quercia Americana e Rauli’ affinandone il test e le sue sfumature.
Il Pisco va degustato col metodo del “Trago Corto” ossia bevendo il distillato a piccoli sorsi e assaporandolo per alcuni secondi in modo da identificarne e apprezzarne il bouquet.
Ricordiamo il Pisco Tradicional 33 gradi, il Pisco Especial 35, il Pisco Reservado 40 ed infine il Gran Pisco 46  50  gradi,  ricordiamo ancora come il “Pisco Sour” sia il cocktail nazionale Peruviano.
Il simbolo  della Terra delle Ande in un antico distillato “il Pisco”.
Andrea Marangio

Docente per barman, consulente, cocktail designer e menù, promotore per aziende. Whatsapp: 3480046467 email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Gabriele Tammaro ci racconta la sua esperienza al mondiale IBA

Ciao Gabriele, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi? Ho iniziato nel…

By

Dry Martini cocktail? Risponde Lucio D’Orsi del Dry Martini Sorrento

Lucio D’Orsi, classe 1979, è oggi l’anima del Majestic Palace Hotel di Sorrento. Lo…

By

Intervista a Marco Macelloni del Franklin 33 di Lucca.

Incontriamo Marco comproprietario del Franklin 33 di Lucca, Marco ci parla della sua esperienza…

By

Intervista a Luca Angeli Bar Manager del Four Seasons Milano

Luca Angeli, cosmopolita per lavoro ma molto attaccato alla sua città di origine, Carrara,…

By

Intervista a Carola Abrate bartender a La Drogheria e Work travel

Ciao Carola, ci racconti brevemente la tua carriera fino ad oggi. Ciao Andrea! innanzitutto,…

By

Cosa sono i Tiki? Carriero Elis esperto internazionale risponde

I Tiki in questo momento sono cocktails sulla bocca di tutti i bartender professionisti,…

By

This website uses cookies.