Categories: Bar nel mondo

Rare Cocktail House di Foligno

Per chi ancora non lo sapesse, in Umbria, esiste un cocktail bar che sta rivoluzionando il mondo e le modalità…

Luglio 3, 2019 12:04 am

Per chi ancora non lo sapesse, in Umbria, esiste un cocktail bar che sta rivoluzionando il mondo e le modalità del concetto di bere conosciuto fino ad ora da queste parti.
Questo posto è il RARE Cocktail House di Foligno, un locale che non ci stupiremmo affatto di trovare a Roma, Firenze o Milano.
Proprio qui tre giovani barman Jonathan Reggianti, Simone Raiola ed Enrico Minestrini stanno rompendo le regole della miscelazione tradizionale, guardando le cose da un’altra prospettiva, sperimentando qualcosa di diverso, intraprendendo la via della differenziazione. I loro cocktail ci parlano d’ arte, cinema, musica, ci raccontano una storia e regalano un’esperienza!
Non mancano i grandi classici eseguiti alla perfezione selezionando ingredienti e distillati di altissima qualità, tante altre novità bollono in pentola ma non possiamo svelarvele tutte, possiamo dirvi con certezza però che il tutto è contornato da una grande ospitalità e vi consigliamo di farci un salto!

Che cos’è Rare?

RARE è un progetto nato nel 2017, da un’idea ben precisa, quella di portare un nuovo concetto di miscelazione nella nostra città. Puntiamo a far vivere un’esperienza che va al di là del solo drink, cerchiamo di esprimere noi stessi dentro ogni bicchiere come un pittore fa con la tela e un compositore con il pentagramma. RARE è un vero e proprio network, una rete, che ingloba tutte le persone, che come noi, credono nella qualità estrema in tutti i campi, sia che si parli di fotografia, di video-making o di materie prime, per noi è indifferente, se vogliamo collaborare devi avere la nostra stessa mentalità.

Un Panda, un Rinoceronte, una Volpe chi siete?

Beh, il discorso degli animali scende nel profondo del nostro essere, alle persone che ci chiedono il perché di questi animali, rispondiamo che è un po’ come chiedere “Perché ti chiami così?”, non puoi chiederlo, siamo noi e basta. Ogni individuo ha un proprio animale guida (secondo noi) e questi sono i nostri, chi per un motivo chi per l’altro ci riconosciamo in questi ultimi: Il Panda (Jonathan) è un animale che nell’immaginario comune è molto tenero e amichevole, generalmente è così, ma non bisogna scordarci che è pur sempre un orso, molto territoriale e aggressivo. Il Rinoceronte (Simone) è un animale di un certo peso, quindi ben piazzato a terra ma il suo corno punta il firmamento, un monito molto importante che, per l’appunto rappresenta a pieno il proprio alter ego. La volpe (Enrico) è un animale socievole ma schivo allo stesso tempo, bisogna saperlo prendere ma una volta che lo approcci ti conquista con la sua eleganza e poi non poteva essere un caso, sono entrambi rossi di “pelo”.

Le 3 qualità più importanti per un bartender oggi?

Anche questa è una bella domanda, sicuramente le caratteristiche che dovrebbe avere un bravo barman sono in realtà quelle che dovrebbe avere in generale qualsiasi persona che si approccia a un lavoro, cambia solo la finalità di utilizzo. Certamente si rende necessaria la perseveranza e la costanza nel perseguire le proprie idee, naturalmente il tutto accompagnato da un continuo aggiornamento per quanto riguarda la merceologia e soprattutto le idee, ragazzi senza idee non si va lontano, badate bene nessuno qui sta parlando di buone idee, il punto non è quello, il vero focus sta nel pensare continuamente, sicuramente ci saranno giornate in cui verranno fuori solo idee da scartare ma dopo dieci giorni e cento idee diverse magari la centunesima sarà quella giusta e li torna in gioco il punto numero uno, la costanza nel perseguirla.

Come nascono i vostri menù?

I nostri menu seguono generalmente un tema ben preciso. Per esempio, nella nostra attuale drink list il tema è l’arte, quindi tutti i cocktails presenti nella lista prendono il nome di un pittore e poi nel drink stesso tramite l’utilizzo degli ingredienti e delle tecniche, cerchiamo di raccontare al meglio qualcosa di quell’artista, che sia il suo stile o per esempio un tratto importante della sua vita.
Quindi per tutti i menù il gioco è sempre quello, si sceglie il tema, si litiga abbondantemente sulla divisione dei vari personaggi, artisti, titoli ecc. e poi tutti insieme si prende drink per drink e si inizia a strutturare il tutto. Quello che qui è raccontato in tre righe generalmente è un percorso che dura dai due ai tre mesi. Poi naturalmente si provano tutti i drink e alla fine siamo pronti per presentare il menù.

Rare è soprattutto innovazione e sperimentazione, quali sono i vostri progetti per il futuro?

Con questa domanda entriamo nel Top Secret… Vediamo, sicuramente possiamo dirvi che presto uscirà la nostra linea di Bitters aromatici, Bootleg Bitters, ci saranno, la nostra Angostura, il Cocoa bitter, l’Orange bitter e il Coffee bitter. Inoltre, stiamo spingendo al massimo il nostro amaro, Raro Amaro Garibaldi, con foglie d’ulivo e agrumi, puntiamo alla diffusione nel nostro territorio e a renderlo l’amaro simbolo della nostra città.
#StayRARE


Qualora doveste fare un drink in collaborazione che drink sarebbe?

Per rispondere con una parola: Impossibile.
Siamo consapevoli del fatto che abbiamo tutti e tre gusti completamente diversi, sia per quanto riguarda i sapori che l’estetica, diciamo che se nelle nostre drink list ognuno di noi si occupa dei sui cocktails un motivo sicuramente c’è, detto ciò, naturalmente i consigli e le dritte sono sempre ben accette ed è per questo che ci occupiamo in simultanea tutti dello stesso drink, magari l’idea principale è di uno ma poi i dettagli vengono aggiunti da tutti. Abbiamo trovato uno strano equilibrio in cui riusciamo a convivere senza litigare. Forse è meglio se lasciamo le cose come stanno ahahahaha.

Marco Triani

Nasce a Roma nel 1983, finiti gli studi decide di fare esperienza lavorativa all'estero, occupandosi di marketing nel settore del Food&Beverage in Germania, Spagna e Inghilterra. Co fondatore e responsabile commerciale di Italiana Liquori&Spiriti, progetto di importazione di distillati internazionali premium, esclusivi in Italia. Vive tra Roma e Perugia; collabora con alcuni dei più importanti cocktail bar italiani; i viaggi sono la sua più grande passione e il Martini il suo cocktail preferito.

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By