Categories: Prodotti

Rose’s lime juice

Nel 1753, James Lind scoprì che il consumo di agrumi curava le persone affette da scorbuto, una malattia diffusa in…

Gennaio 18, 2019 10:54 pm

Nel 1753, James Lind scoprì che il consumo di agrumi curava le persone affette da scorbuto, una malattia diffusa in tutta la marina. Il capitano James Cook adottò la sua soluzione, una razione giornaliera di succo di limone o lime a tutti i marinai durante i suoi lunghi viaggi di spedizione. Ciò si è rivelato un grande successo con un tasso di mortalità estremamente ridotto.

Alla fine degli anni ’50 del XIX secolo, Lachlan Rose (1829-1885), figlio di un costruttore navale di Leith, costituì un’impresa per il rifornimento delle navi. Tra queste disposizioni, nel 1863, vi era il succo di lime: una merce che ogni nave della marina doveva portare in virtù del Merchant Shipping Act, come protezione contro lo scorbuto in un momento in cui il trasporto di frutta e verdura fresca non era possibile nei lunghi viaggi.

In quel momento il succo di lime era usato esclusivamente per scopi medicinali, ma essendo un astuto uomo d’affari, Lachlan decise di renderlo più adatto al consumo popolare. Addolcì il succo e lo mise in bottiglia trasformandolo in una bevanda nuova e attraente. E così è nato “Rose’s Lime Juice” con il suo caratteristico flacone con foglie di lime.

Nel 1891 la compagnia acquistò la tenuta di Bath e Elmshall in Dominica e trasformò la vecchia fabbrica di zucchero nella lavorazione del lime. Nel 1924 la domanda fu tale che la compagnia stabilì delle piantagioni di lime sulla Gold Coast per integrare le forniture. Un’ulteriore proprietà in Dominica fu acquistata nel 1950.

La maggior parte dei lime viene ora acquistata dal Messico e dal Perù. La produzione britannica e canadese rimane vicina alla ricetta originale, evitando i conservanti artificiali e usando lo zucchero anziché lo sciroppo di mais.

La prossima volta che compri una bottiglia di “Rose’s” ricorda le sue umili origini a Leith.

Andrea marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.