Categories: Sala-Bar

Servizio al banco: Coca Cola, Champagne, Whisky.

Mettiamo a confronto tre semplici richieste del cliente (al banco), vediamo quale è la routine di lavoro che dobbiamo attuare…

Settembre 5, 2013 1:22 pm
Mettiamo a confronto tre semplici richieste del cliente (al banco), vediamo quale è la routine di lavoro che dobbiamo attuare in base alle specifiche richieste del cliente.

Cliente: Una Coca Cola (o altre bibite gassate)
Bicchiere: tumbler, ghiaccio, limone, cannucce e bibita richiesta Evitare altre domande come: Con ghiaccio? Limone? Cannucce? Ecc. Come tutte le bevande anche la Coca Cola ha una modalità di servizio e va semplicemente applicata, se il cliente non desidera il ghiaccio o altri componenti indicherà le sue preferenze, fare un interrogatorio per una richiesta così semplice è sicuramente controproducente.

Cliente: Una flûte di champagne
Bicchiere: flûte
Servire ben freddo (senza mai freddare il bicchiere). Non guarnire Mai.

Cliente: Un whisky
Il cliente che ci rivolge questa domanda non sarà sicuramente un grande consumatore di questi prodotti. Cosa fare quindi? Rivolgere domande specifiche al cliente, comporterebbe (anche se involontariamente) una situazione imbarazzante per il cliente in quanto in difficoltà (e questo non è il nostro fine). Chi consuma regolarmente questi prodotti indicherà con precisione il prodotto che desidera oppure chiederà della tipologia di whisky che abitualmente consuma, di conseguenza alle indicazioni ricevute dal cliente attutiremo le nostre conoscenze. La scelta giusta sarà prendere un old Faschioned con ghiaccio e servire un bourbon o un Tennessee whiskey “Prodotti base”; altri prodotti con caratteristiche più complesse sicuramente non verrebbero apprezzate, in quanto a certe tipologie di prodotti generalmente si arriva ad apprezzarli previa preparazione, come quando bisogna salire una scala molto alta, un gradino alla volta, chi fa una richiesta generica del genere “un whisky” non può aver avuto questa preparazione.

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.