Categories Attrezzatura

Shaker: Cobbler o Boston

Cobbler o Boston

I devoti dello shaker cobbler sostengono che le sue dimensioni, forma e lucentezza interna consentono un più alto grado di controllo e una maggiore aerazione del cocktail. “È più facile far circolare il ghiaccio nello shaker”.

Orlando Franklin McCray, che fa appello ad una lineup di quattro cobbler quando è schierato dietro al bar di Maison Premiere, è d’accordo, concludendo che con l’alternativa, c’è semplicemente “meno finezza, c’è meno controllo”.

I detrattori del cobbler, tuttavia sostengono l’idea che lo spazio limitato e la forma particolare del cobbler non possano aiutarti a manipolare la curva di diluizione e l’aerazione in un modo sensibilmente migliore rispetto a un tipico shaker Boston. Citando maggiore volume, impilabilità e durata, ritiene che il set standard sia superiore in ogni caso.

È una visione condivisa da molti barman, la cui attenzione è spesso rivolta verso l’efficienza. Il design semplice a doppio stagno è facile da pulire e offre la massima distanza da un capo all’altro affinché il ghiaccio possa viaggiare e aerare una bevanda schiumosa.

Sicuramente, la questione se i due shaker producano o meno bibite distintamente differenti è in discussione. Ma potrebbe anche essere oltre il punto; i sostenitori dello shaker cobbler affermano che la scelta di usarlo non è tanto tecnica quanto stilistica. Nella sua essenza, lo shaker in tre pezzi, offre un design in gran parte immutato dalla sua invenzione del 1884, rappresenta un approccio intrinsecamente anatema all’efficienza, e questa è la sua più grande risorsa.

Il fatto che il cobbler sia lo shaker predefinito in Giappone, dove il servizio di cocktail è famoso per i dettagli, non fa che aumentare il suo romanticismo. Ma ancora una volta, la ragione della sua ubiquità in tutto il Pacifico è poco tecnica. Quando è stato chiesto il motivo per cui all’inizio era di default nei bar giapponesi, Gokan risponde semplicemente: “A causa della storia. In passato, non esisteva uno shaker a due pezzi in Giappone.

Persino gli amanti del boston possono riconoscere ciò che rappresenta il cobbler, un cenno all’età d’oro dei cocktail e un grado di servizio raramente raggiungibile nel panorama di oggi ad alto volume. Shae Minnillo, anche lei di Maison Premiere – che scherza dicendo che usa solo gli shaker Boston per necessità, per recuperare il tempo perso dai suoi colleghi che usano cobblers – ammette: “Non è infondato. C’è una maestà nel tempo extra necessario per usare uno shaker cobbler. “

Author Details

Bar Manager – Supervisor Bartender – Hotels & Resorts – Classic International Cocktails and Signatures. I work with liquor companies, private and corporate groups to create custom cocktails and menus. marangio1974@gmail.com

Share
Published by
Andrea Marangio
Tags Boston shaker

Recent Posts

  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: B’Art

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 20, 2019 11:24 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: Caffè Grimaldi

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership conTuscan Spirits. Noi di…

Maggio 20, 2019 11:13 pm
  • Interviste

Intervista a Gabriele Rondani di Rinaldi1957

Intervista in esclusiva a Gabriele Rondani di Rinaldi1957 per BarmanItalia 1 - Ciao Gabriele, raccontaci brevemente la tua carriera fino ad…

Maggio 19, 2019 11:02 pm
  • Bar nel mondo

Pietrasanta da bere: Bar Avio

Torna Pietrasanta da bere, che per questa edizione punta sulla qualità a km0 grazie alla partnership con Tuscan Spirits. Noi…

Maggio 19, 2019 12:19 am
  • Miscelazione

Il bicchiere highball

Gli highball sono una categoria di cocktail semplice, comunemente con solo due ingredienti: uno spirito e un sodato, serviti in…

Maggio 18, 2019 8:31 am
  • Interviste

Lo scrittore si racconta: intervista a Marco Garino

Ci racconti la tua storia personale, chi è Marco Garino? Sono un intramontabile positivo sempre appassionato per quello che faccio.…

Maggio 16, 2019 11:25 pm

This website uses cookies.