Categories: Attrezzatura

Shaker: Cobbler o Boston

I devoti dello shaker cobbler sostengono che le sue dimensioni, forma e lucentezza interna consentono un più alto grado di…

Settembre 10, 2018 12:01 am
Cobbler o Boston

I devoti dello shaker cobbler sostengono che le sue dimensioni, forma e lucentezza interna consentono un più alto grado di controllo e una maggiore aerazione del cocktail. “È più facile far circolare il ghiaccio nello shaker”.

Orlando Franklin McCray, che fa appello ad una lineup di quattro cobbler quando è schierato dietro al bar di Maison Premiere, è d’accordo, concludendo che con l’alternativa, c’è semplicemente “meno finezza, c’è meno controllo”.

I detrattori del cobbler, tuttavia sostengono l’idea che lo spazio limitato e la forma particolare del cobbler non possano aiutarti a manipolare la curva di diluizione e l’aerazione in un modo sensibilmente migliore rispetto a un tipico shaker Boston. Citando maggiore volume, impilabilità e durata, ritiene che il set standard sia superiore in ogni caso.

È una visione condivisa da molti barman, la cui attenzione è spesso rivolta verso l’efficienza. Il design semplice a doppio stagno è facile da pulire e offre la massima distanza da un capo all’altro affinché il ghiaccio possa viaggiare e aerare una bevanda schiumosa.

Sicuramente, la questione se i due shaker producano o meno bibite distintamente differenti è in discussione. Ma potrebbe anche essere oltre il punto; i sostenitori dello shaker cobbler affermano che la scelta di usarlo non è tanto tecnica quanto stilistica. Nella sua essenza, lo shaker in tre pezzi, offre un design in gran parte immutato dalla sua invenzione del 1884, rappresenta un approccio intrinsecamente anatema all’efficienza, e questa è la sua più grande risorsa.

Il fatto che il cobbler sia lo shaker predefinito in Giappone, dove il servizio di cocktail è famoso per i dettagli, non fa che aumentare il suo romanticismo. Ma ancora una volta, la ragione della sua ubiquità in tutto il Pacifico è poco tecnica. Quando è stato chiesto il motivo per cui all’inizio era di default nei bar giapponesi, Gokan risponde semplicemente: “A causa della storia. In passato, non esisteva uno shaker a due pezzi in Giappone.

Persino gli amanti del boston possono riconoscere ciò che rappresenta il cobbler, un cenno all’età d’oro dei cocktail e un grado di servizio raramente raggiungibile nel panorama di oggi ad alto volume. Shae Minnillo, anche lei di Maison Premiere – che scherza dicendo che usa solo gli shaker Boston per necessità, per recuperare il tempo perso dai suoi colleghi che usano cobblers – ammette: “Non è infondato. C’è una maestà nel tempo extra necessario per usare uno shaker cobbler. “

Andrea Marangio

Consulente per cocktail bar e brand ambassador. marangio1974@gmail.com

Recent Posts

Storia del protossido di azoto al bar e avvertenze

Sintetizzato dal filosofo e chimico Joseph Priestley nel 1772, il protossido di azoto (E942)…

By

Pink Gin cocktail storia e ricetta

Il cocktail Pink Gin è così chiamato grazie all'Angostura che dona all'ingrediente principale, il…

By

Diego Melorio – Quanto Basta cocktail bar di Lecce

Tra i vicoli del centro storico di Lecce abbiamo incontrato e intervistato Diego Melorio,…

By

The Bearcat cocktail ricetta e storia

The Bearcat Servire in coppetta Ingredienti e quantità: 3,0 cl Pikesville Rye 1,5 cl…

By

Luca Gandolfi un barman a vela

Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (G. W. F. Hegel).…

By

Il pairing pizza&cocktail secondo Marco Serri del “Big Easy”

Una serata a metà strada tra mixology e arte bianca, tra cocktail e pizza,…

By