Categories: Attrezzatura

Shaker: Cobbler o Boston

I devoti dello shaker cobbler sostengono che le sue dimensioni, forma e lucentezza interna consentono un più alto grado di…

Settembre 10, 2018 12:01 am
Cobbler o Boston

I devoti dello shaker cobbler sostengono che le sue dimensioni, forma e lucentezza interna consentono un più alto grado di controllo e una maggiore aerazione del cocktail. “È più facile far circolare il ghiaccio nello shaker”.

Orlando Franklin McCray, che fa appello ad una lineup di quattro cobbler quando è schierato dietro al bar di Maison Premiere, è d’accordo, concludendo che con l’alternativa, c’è semplicemente “meno finezza, c’è meno controllo”.

I detrattori del cobbler, tuttavia sostengono l’idea che lo spazio limitato e la forma particolare del cobbler non possano aiutarti a manipolare la curva di diluizione e l’aerazione in un modo sensibilmente migliore rispetto a un tipico shaker Boston. Citando maggiore volume, impilabilità e durata, ritiene che il set standard sia superiore in ogni caso.

È una visione condivisa da molti barman, la cui attenzione è spesso rivolta verso l’efficienza. Il design semplice a doppio stagno è facile da pulire e offre la massima distanza da un capo all’altro affinché il ghiaccio possa viaggiare e aerare una bevanda schiumosa.

Sicuramente, la questione se i due shaker producano o meno bibite distintamente differenti è in discussione. Ma potrebbe anche essere oltre il punto; i sostenitori dello shaker cobbler affermano che la scelta di usarlo non è tanto tecnica quanto stilistica. Nella sua essenza, lo shaker in tre pezzi, offre un design in gran parte immutato dalla sua invenzione del 1884, rappresenta un approccio intrinsecamente anatema all’efficienza, e questa è la sua più grande risorsa.

Il fatto che il cobbler sia lo shaker predefinito in Giappone, dove il servizio di cocktail è famoso per i dettagli, non fa che aumentare il suo romanticismo. Ma ancora una volta, la ragione della sua ubiquità in tutto il Pacifico è poco tecnica. Quando è stato chiesto il motivo per cui all’inizio era di default nei bar giapponesi, Gokan risponde semplicemente: “A causa della storia. In passato, non esisteva uno shaker a due pezzi in Giappone.

Persino gli amanti del boston possono riconoscere ciò che rappresenta il cobbler, un cenno all’età d’oro dei cocktail e un grado di servizio raramente raggiungibile nel panorama di oggi ad alto volume. Shae Minnillo, anche lei di Maison Premiere – che scherza dicendo che usa solo gli shaker Boston per necessità, per recuperare il tempo perso dai suoi colleghi che usano cobblers – ammette: “Non è infondato. C’è una maestà nel tempo extra necessario per usare uno shaker cobbler. “

Andrea Marangio

Consulente, cocktail designer e menù, promotore. Whatsapp: 3480046467 Email: marangio1974@gmail.com

Recent Posts

East London Liquor Company,  il London Dry che sta facendo impazzire Londra

East London Liquor Company riporta dopo oltre un secolo la produzione di Gin nell’East…

By

Dolcificanti artificiali: quali sono e dove li troviamo?

Oggi cercheremo di spiegare l’altra faccia della medaglia dei dolcificanti, quelli artificiali. I dolcificanti…

By

Intervista a Carmelo Buda di Oliva.Co Cocktail Society

Intervista a Carmelo Buda, proprietario e bartender di Oliva.Co Cocktail Society, il Cocktail Bar…

By

Nasce Argintum 925, il Gin dell’Argentario

Argintum 925, il primo “Maritime” Dry Gin Italiano,  un gin per assaporare l’estate tutto…

By

Alessio Giovannesi: La Poderosa cocktail

Ecco a voi un drink di Alessio Giovannesi, nuovo bar manager di Baccano, cocktail…

By

Mattia Corunto: Cheer Me Up

Il barman Mattia Corunto Consulente beverage Nome ricetta Cheer Me Up Storia cocktail –…

By

This website uses cookies.